Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliPolitica

Testamento biologico, Arletti al Ministro: 'Non garantisca obiezione'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La Presidente della Rete Italiana Città Sane lo chiede in una lettera aperta: 'L'obiezione di coscienza inficia la legge stesse'


Testamento biologico, Arletti al Ministro: 'Non garantisca obiezione'

Non capita spesso di sentire un politico o un amministratore pubblico esortare il Governo a non tenere conto di un diritto. Eppure è questo che è successo oggi e che è contenuto in una lettera aperta che il Presidente del comitato direttivo della Rete Italiana Città Sane OMS, Simona Arletti, ha inviato al Ministro della sanità Beatrice Lorenzin. Per chiedere espressamente di non prendere in considerazione la possibilità dell’obiezione di coscienza alla quale lo stesso Ministro avrebbe fatto riferimento in parlamento parlandone come elemento da garantire, citando ad esempio i casi di interruzione di gravidanza.

Si riporta di seguito la lettera inviata al Ministro

Gentile ministra Lorenzin,

le scrivo a nome del comitato direttivo della Rete italiana Città sane Oms, che tra i comuni aderenti conta circa ottanta città che lavorano quotidianamente sui temi, a lei cari, dell’Urban Health, della prevenzione primaria e della promozione della salute.

Leggiamo sul sito del Dipartimento dei rapporti col Parlamento che lei, pur avendo dichiarato di essere favorevole a una legge sul testamento biologico, cosa di cui siamo molto soddisfatti, rispondendo a un’interrogazione, ha annunciato che garantirà l’obiezione di coscienza.

Noi condividiamo la sua delusione per l’aula semideserta dello scorso lunedì, quando è iniziata la discussione per un disegno di legge così sentito dai cittadini e in ritardo da troppi anni. Come lei stessa ricorda, la legge in esame non disciplina il suicidio assistito né l’eutanasia, ma regola il consenso informato. Ricordiamo che tanti nostri Comuni, in presenza del vuoto normativo, hanno deliberato, sulla base di richieste provenienti dalla cittadinanza, l’istituzione di Registri di dichiarazione anticipata di volontà già dal 2010 (tra loro il Comune di Modena che attualmente detiene la presidenza della Rete).

Leggiamo che lei, pur consapevole che la legge appena approvata non contiene una specifica disciplina in tema di obiezione di coscienza per i medici, avrebbe assicurato di seguire con grande attenzione l’applicazione delle nuove disposizioni. Nell’ipotesi in cui si dovessero verificare le criticità paventate da alcuni onorevoli, avrebbe dichiarato di assumere le necessarie iniziative di sua competenza volte a salvaguardare sia la piena operatività del sistema sanitario, sia l’obiezione di coscienza, citando a riferimento la legge sull’interruzione volontaria di gravidanza.

La invitiamo caldamente a non procedere in tal senso, poiché la legge nasce proprio per riconoscere il diritto all’autodeterminazione terapeutica sul fine vita, quindi occorre garantire che ci siano sempre le condizioni affinché questo diritto sia effettivo e non dipendente dalle scelte del medico incaricato, di fatto inficiando la legge e la scelta responsabile del cittadino.

La tutela della dignità del fine vita e la garanzia delle cure palliative debbono essere assicurate in ogni struttura in cui il cittadino sia accolto, quindi le chiediamo di non emanare atti applicativi che inficino la legge su un tema che è stato oggetto di lunghe discussioni, soprattutto fuori dall’aula parlamentare, e che ha visto finalmente il nostro Paese mettersi al passo degli altri Stati europei.

La salutiamo distintamente e auguriamo buone festività.

La presidente della Rete italiana Città sane Oms

Simona Arletti



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Onoranze funebri Gibellini
Articoli Correlati
Testamento Biologico: in 8 anni 287 dichiarazioni anticipate al ..
Politica
26 Marzo 2018 - 16:46- Visite:737

Politica - Articoli Recenti
'Seta, straordinari obbligatori per ..
'Per sopperire alle assenze di chi non possiede il green pass, vengono sottoposti a ..
06 Ottobre 2021 - 23:32- Visite:292
Cartello al collo ai non vaccinati: ..
Garuti (Lega): 'Avrebbe avuto la possibilità di scusarsi per una dichiarazione tanto ..
06 Ottobre 2021 - 11:10- Visite:1088
'Baby gang a Modena, ma le telecamere..
A intervenire sulla piaga delle baby gang modenesi è il responsabile sicurezza della Lega ..
06 Ottobre 2021 - 09:08- Visite:628
E 7 anni fa l'Italia veniva designata..
Oggi, a sette anni di distanza, l'Italia è l'unico Paese in Europa, tra i pochi al mondo a ..
06 Ottobre 2021 - 07:48- Visite:2895
Politica - Articoli più letti
'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:182488
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:167609
Miracolo di Ferragosto: anche ..
'Col Green Pass ogni giorno aumenta il rischio di incontrare contagiati-contagiosi muniti di..
15 Agosto 2021 - 07:58- Visite:114461
Segretario Pd: ‘Votare Lega ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:109065