Mivebo
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliIl Punto

Vaccinazioni, la (scomoda) lezione di giornalismo di Santoro

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Si può accettare che in un telegiornale non si veda mai uno che non è d'accordo con la campagna vaccinale? Eppure vi è un 30% di italiani che non sono d'accordo'


Vaccinazioni, la (scomoda) lezione di giornalismo di Santoro
'I giornalisti dovrebbero controllare quello che fanno gli scienziati e i politici, ma se si trasformano da agenti di controllo in comunicatori, allora abbiamo un unico patto che tiene insieme giornalisti, scienziati e politici. Questo fatto è fortemente riduttivo per la democrazia. Si può accettare che in un telegiornale non si veda mai uno che non è d’accordo con la campagna vaccinale? Ma ci sarà nel 30% di italiani che non sono d'accordo, qualcuno che quando arriva il giornalista del Tg dica 'io non mi voglio vaccinare'?'

Le parole pronunciate pochi giorni fa da Michele Santoro negli studi de La7 risuonano ancora come un monito scomodo e potente al mondo del giornalismo italiano.
Una lezione che va ben oltre il tema vaccianale e che fino a pochi mesi fa appariva banale, ma che oggi non lo è più.
Senza scomodare il concetto aureo di 'cane da guardia del potere', i giornalisti sono semplicemente chiamati a raccogliere le voci, soprattutto se autorevoli e qualificate, in un dibattito aperto, non a fare da semplice cassa di risonanza a una unica voce (al di là del merito stesso delle questioni). Una regola che pareva scritta nel cielo, applicabile ad ogni ambito della convivenza sociale, ma ormai anche il cielo non è più lo stesso.
Santoro, durante la trasmissione, è stato messo nel mirino delle critiche del conduttore e degli altri giornalisti in studio. 'Se parli del globo terrestre devi avere un terrapiattista?' ha chiesto ironicamente Giovanni Floris. 'Michele è diventato un po' no vax' ha aggiunto sogghignando Marcello Sorgi. 'Becero qualunquismo antimilitarista' ha rincarato la dose Alessandro Sallusti riferendosi ai dubbi di Santoro sulla figura simbolica del generale Figliuolo.

'Allora se ascolto opinioni no vax divento no vax e se raccolgo le dichiarazioni di un killer divento un killer...' ha replicato Santoro con una iperbole, ricordando, restando al dibattito sui vaccini, come finanche il premio Nobel Luc Montagnier sia stato marginalizzato e insultato per aver espresso opinioni difformi.

Ma ormai l'onda è montata e il punto di non ritorno appare scavallato, tanto che Santoro per difendere una opinione cristallina, ha dovuto usare lo scudo personale della replica alla domanda oggi suprema, pietra miliare di ogni dibattito, genesi stessa dell'essere ancor prima del quesito sulla esistenza di Dio. A porgliela è stato lo stesso Floris: 'Michele lo hai fatto il vaccino?'. Una domanda del tutto fuori luogo, che riguarda la salute personale e alla quale chiunque, in un mondo normale, dovrebbe rispondere con un semplice 'sono fatti miei'. Ma anche Santoro, per smarcarsi dall'etichetta di No vax e per essere accettato, ha dovuto rispondere: 'Certo che l'ho fatto, sono assolutamente favorevole'.
Perchè oggi la forza delle idee in quanto tali non ha più valore, o almeno ha un valore condizionato dal sì a una puntura. E a questo nuovo diktat il giornalismo si piega, dimenticando che ascoltare voci autorevoli differenti è un dovere e non uno strizzare l'occhio a teorie negazioniste, e soprattutto senza accorgersi che nel piegarsi rischia di morire.
Giuseppe Leonelli'I giornalisti dovrebbero controllare quello che fanno gli scienziati e i politici, ma se si trasformano da agenti di controllo in comunicatori, allora abbiamo un unico patto che tiene insieme giornalisti, scienziati e politici. Questo fatto è fortemente riduttivo per la democrazia. Si può accettare che in un telegiornale non si veda mai uno che non è d’accordo con la campagna vaccinale? Ma ci sarà nel 30% di italiani che non sono d'accordo, qualcuno che quando arriva il giornalista del Tg dica 'io non mi voglio vaccinare'?'

Le parole pronunciate pochi giorni fa da Michele Santoro negli studi de La7 risuonano ancora come un monito scomodo e potente al mondo del giornalismo italiano.
Una lezione che va ben oltre il tema vaccianale e che fino a pochi mesi fa appariva banale, ma che oggi non lo è più.
Senza scomodare il concetto aureo di 'cane da guardia del potere', i giornalisti sono semplicemente chiamati a raccogliere le voci, soprattutto se autorevoli e qualificate, in un dibattito aperto, non a fare da semplice cassa di risonanza a una unica voce (al di là del merito stesso delle questioni). Una regola che pareva scritta nel cielo, applicabile ad ogni ambito della convivenza sociale, ma ormai anche il cielo non è più lo stesso.
Santoro, durante la trasmissione, è stato messo nel mirino delle critiche del conduttore e degli altri giornalisti in studio. 'Se parli del globo terrestre devi avere un terrapiattista?' ha chiesto ironicamente Giovanni Floris. 'Michele è diventato un po' no vax' ha aggiunto sogghignando Marcello Sorgi. 'Becero qualunquismo antimilitarista' ha rincarato la dose Alessandro Sallusti riferendosi ai dubbi di Santoro sulla figura simbolica del generale Figliuolo.

'Allora se ascolto opinioni no vax divento no vax e se raccolgo le dichiarazioni di un killer divento un killer...' ha replicato Santoro con una iperbole, ricordando, restando al dibattito sui vaccini, come finanche il premio Nobel Luc Montagnier sia stato marginalizzato e insultato per aver espresso opinioni difformi.

Ma ormai l'onda è montata e il punto di non ritorno appare scavallato, tanto che Santoro per difendere una opinione cristallina, ha dovuto usare lo scudo personale della replica alla domanda oggi suprema, pietra miliare di ogni dibattito, genesi stessa dell'essere ancor prima del quesito sulla esistenza di Dio. A porgliela è stato lo stesso Floris: 'Michele lo hai fatto il vaccino?'. Una domanda del tutto fuori luogo, che riguarda la salute personale e alla quale chiunque, in un mondo normale, dovrebbe rispondere con un semplice 'sono fatti miei'. Ma anche Santoro, per smarcarsi dall'etichetta di No vax e per essere accettato, ha dovuto rispondere: 'Certo che l'ho fatto, sono assolutamente favorevole'.
Perchè oggi la forza delle idee in quanto tali non ha più valore, o almeno ha un valore condizionato dal sì a una puntura. E a questo nuovo diktat il giornalismo si piega, dimenticando che ascoltare voci autorevoli differenti è un dovere e non uno strizzare l'occhio a teorie negazioniste, e soprattutto senza accorgersi che nel piegarsi rischia di morire.
Giuseppe Leonelli



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Da Putin in fin di vita ..
Camminiamo su una polveriera e continuiamo a ballare come poveri imbecilli, nemmeno ..
02 Ottobre 2022 - 14:21
Auto-test di fine isolamento negato ..
Confermata la possibilità solo a chi a chi è vaccinato con terza dose
01 Ottobre 2022 - 13:26
Colpo di coda di Speranza: possibile ..
Il Governo sarebbe pronto a firmare un’ordinanza. Provvedimento difficile da spiegare ..
29 Settembre 2022 - 18:25
M5S, se l'andamento dei voti coincide..
Un po’ come gli 80 euro di Renzi che portarono il PD al 40%; o come il milione di posti di..
28 Settembre 2022 - 13:42
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58