Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

Vescovo Castellucci: 'Chiesa alleata col potere? Non è la verità'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il neo vicepresidente Cei: 'Serve cura dimagrante, questa alleanza con il potere che è un'eredità pesante che ci portiamo dietro ma non corrisponde alla realtà'


Vescovo Castellucci: 'Chiesa alleata col potere? Non è la verità'

L’arcivescovo di Modena-Nonantola e vescovo di Carpi, monsignor Erio Castellucci, da poco nominato vicepresidente per l’Italia settentrionale della Conferenza episcopale italiana, interviene oggi sull'Osservatore Romano su quello che è avvenuto nell’ultima assemblea della Cei in visita del prossimo sinodo. 'L’asse di queste conversazioni, come già nel recente passato, è stato totalmente puntato sull’evangelizzazione, ma questa volta tutto è stato filtrato attraverso l’esperienza della pandemia che ha causato tanti drammi e tante sofferenze, ma ha svolto anche una funzione di “svelamento”, ha fatto emergere la necessità di recuperare una pastorale essenziale. E quindi di rendere questo della sinodalità non un evento a sé, ma uno stile permanente di Chiesa' - afferma Castellucci. 'Tutti noi vescovi pensiamo che almeno il primo anno dovrà essere un anno di ascolto profondo. Soprattutto dopo questo anno e mezzo di grande sofferenza dovuta alla pandemia, sofferenze spesso compresse, pensiamo a ciò che hanno vissuto gli adolescenti e i giovani.
Ecco, penso che avviare un percorso dal basso significa darsi gli strumenti e cominciare ad attivarli a partire dall’autunno, mirando soprattutto ad un ascolto profondo della gente, sperando che non si arrivi solo ai praticanti'.

'Si è parlato delle strutture, ma non solo intese come le strutture materiali, immobiliari (che ormai sono non più sostenibili), ma anche quelle pastorali e spirituali. Una cura dimagrante è necessaria e passerà anche attraverso scelte impopolari ma porterà al recupero di una snellezza e di una leggerezza scaturite dall’aver rimesso l’annuncio del Vangelo al primo posto. E con esso anche la centralità delle relazioni, tessuto vitale del popolo di Dio. Soprattutto in un periodo come questo segnato dall’urto lacerante, devastante della pandemia. Si è rilevato ancora di più che rischiamo di essere una Chiesa un po’ seduta. C’è invece più bisogno che mai di maggiore profezia e questo non può realizzarsi mantenendo tutta la carovana di ciò che esiste, bisogna fare delle scelte, bisogna probabilmente dotarsi di zaini, piuttosto che di carovane, e così diventare tra l’altro anche più credibili - afferma Castellucci -. Chi magari non fa un’esperienza viva di Chiesa finisce per avere un’idea della Chiesa legata a questa alleanza con il potere che è un’eredità pesante che ci portiamo dietro ma non corrisponde alla realtà. Allora fare una cura dimagrante vorrebbe dire proprio far corrispondere l’apparenza alla realtà. Il nostro è un caso particolare, nel senso che di solito si cerca di apparire meglio di come si è, noi invece facciamo il contrario. Se ne accorge chi vive la vita di una comunità cristiana, si rende conto che con tutti i difetti che naturalmente ci sono (gelosie, invidie e tutto quello che si vuole) però al centro della nostra vita c’è ben altro, c’è, ad esempio, l’attenzione per chi è più fragile'.

'C’è senz’altro la necessità di un ripensamento della parrocchia da vari punti di vista, penso al calo numerico dei presbiteri in atto e sicuramente anche in futuro. Ciò rappresenta la molla di un ripensamento anche per le strutture parrocchiali, per esempio di accorpamenti e di forme di collaborazione più stretta, di guide o punti di riferimento ministeriali in parrocchie che non siano necessariamente il parroco. Ma investe anche il ruolo dei catechisti che adesso il Papa ha voluto rilanciare, dei lettori, degli accoliti e dei diaconi. Tutto il tema della ministerialità è coinvolto in questo processo. Anche per la parrocchia auspico una cura dimagrante, perché oggi si accumulano su di essa tante attività che magari sono anche giuste, ma non necessariamente devono essere dentro l’agenda pastorale della parrocchia, e soprattutto del parroco, ma possono essere espressione di parti della comunità. Questo crea un cumulo burocratico e amministrativo che si fa via via sempre più complesso. Faccio qualche esempio: le leggi sulla privacy che cosa comportano oggi anche solo per fare un’uscita con dei ragazzi, la gestione ordinaria di una parrocchia che ha qualche struttura, la canonica, un campo sportivo, una scuola materna, una struttura per anziani... Ecco che le parrocchie diventano veramente delle aziende e allora ci occorre anche un supporto giuridico e non solo canonico perché ci sia una vera corresponsabilità. Tutto questo non può essere un peso, dipendere tutto dal parroco, è il momento di valorizzare le competenze di tanti laici - chiude Castellucci -. Leggerezza e snellezza diventeranno non un’opzione ma una necessità. Magari non assumeremo mai la conformazione del villaggio da raggiungere in canoa, però spiritualmente dovremo prepararci ad una trasmissione della fede più snella, davvero missionaria'.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati
Don Morandi è diventato vescovo: cerimonia in Duomo
Politica
01 Ottobre 2017 - 12:13
Diocesi di Modena, un valzer di preti
Che Cultura
10 Settembre 2017 - 16:41
Diocesi, giro di giostra per i parroci
Che Cultura
25 Giugno 2017 - 14:35

Politica - Articoli Recenti
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Pd regala collegio sicuro in Emilia a..
'Credo che Luigi Di Maio sia stata la persona che più ha compreso potenzialità e gli ..
30 Luglio 2022 - 19:51
Voto, Pd Modena fa la rosa dei ..
Fanno parte della lista l’ex direttrice sanitaria Ausl, appena andata in pensione, Silvana..
30 Luglio 2022 - 16:23
Dai 5 Stelle ad Articolo 1: la nuova ..
Porte aperte in Articolo 1 per Max Bugani e Marco Piazza, i due storici esponenti del ..
30 Luglio 2022 - 14:40
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58