Omnispower
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Omnispower
rubrichePressa Tube

'Punto nascita Mirandola, Ausl e PD hanno lavorato per chiuderlo'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Consigliere comunale Lega Mirandola Guglielmo Golinelli: 'Le carte dei tecnici Ausl e allegate alle richiesta di deroga parlano chiaro e chiedono la chiusura al 31 dicembre'


Guarda i nostri video in anteprima, Iscriviti al nostro canale YouTube !
'Purtroppo avevamo ragione. Per primi, nell’aprile e nel maggio scorso, con richieste di chiarimento  all’Ausl e alla Regione, e con un presidio davanti all’ospedale, avevamo contestato la scelta di esternalizzare il servizio di ostetricia e ginecologia dell’Ospedale Santa Maria Bianca, per noi preludio alla chiusura del punto nascite, e di avere chiarezza sulla richiesta di deroga all’apertura. Dopo mesi di mancate risposte la verità è emersa nero su bianco dalla richiesta di deroga all’apertura che la Regione ha inviato al Ministero. La commissione tecnica regionale, composta per lo più da responsabili Ausl di nomina politica e quindi dal PD, nel documento che per legge accompagna la richiesta, evidenzia non solo le criticità che da tempo denunciamo ma le pone come condizione per chiedere che la deroga all’apertura del punto nascita di Mirandola sia concessa solo fino 31 dicembre 2022.

Di fatto ne hanno chiesto la chiusura dal 1° gennaio 2023'.

Così il Consigliere Comunale Lega a Mirandola Guglielmo Golinelli commentando la richiesta di deroga all'apertura del punto nascita inviata dalla Regione al Ministero compendiata, come prevede la legge, dalle valutazioni tecniche di Ausl locale e commissione tecnica regionale. Valutazioni dalle quali non solo emergerebbero le forti criticità legate alla carenza di personale compensato dal ricorso alle esternalizzioni, e alla riduzione nel numero di parti a seguito dell'invio di tutti i parti non fisiologici ricadenti nel bacino dell'area nord, a Carpi e Modena, ma anche le difficoltà nel garantire, a causa dei costi elevati la sostenibilità economica del servizio stesso. Una valutazione che non si è fermata alla descrizione della situazione, ma è andata oltre, indicando una soluzione che spetta al livello politico. Ovvero, la chiusura del punto nascite al 31 dicembre 2022. 

'Ora capiamo perché non volevano rispondere né alla Lega né all’Amministrazione Comunale quando chiedevamo chiarimenti. La prospettiva e la volontà politica era questa, quella della chiusura' - afferma Golinelli. 'Ausl e PD locale e regionale hanno fatto nella pratica il contrario di quanto propagandato ai cittadini e hanno proceduto ad arte per creare sul piano tecnico le condizioni di criticità ed i limiti, compreso il dirottamento di un sempre maggiore numero di parti verso Carpi che ne ha abbassato il numero totale annuale su Mirandola, per poi legittimarne la chiusura programmata da tempo sul piano politico. Ogni tentativo dell’Ausl e del PD di dire il contrario si scontra con la realtà fattuale. Del resto già sei mesi fa avevamo denunciato l’ulteriore riduzione delle casistiche relative alle partorienti, comprese l’essere affette da celiachia, casistica usata per escludere un numero sempre maggiore di donne dalla possibilità di partorire a Mirandola e per dirottarle su Carpi. Il tutto funzionale al dire che i numeri a Mirandola sono troppi bassi e che non ci sono più le condizioni per tenere aperto. Invece, per noi, le condizioni ci sarebbero, eccome. Se anziché svuotarlo di strumenti e professionalità il punto nascita fosse potenziato, dotandolo anche per esempio della parto analgesia, potrebbe attrarre anziché escludere, riponendosi al centro delle nascite nella bassa e comprendendo anche il basso mantovano. Noi siamo per garantire l’apertura del punto nascita, il Pd e l’Ausl hanno dimostrato di volerne la chiusura. Questa è la verità che i cittadini oggi hanno di fronte.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Pressa Tube - Articoli Recenti
'Caro carburante, discorso premier: ..
Cinzia Franchini (Ruote Libere): 'Per questi imprenditori, spesso monoveicolari, la prima ..
11 Gennaio 2023 - 14:51
Benzina alle stelle, Meloni: 'Via ..
'Invece di spalmare 10 miliardi abbiamo deciso di concentrare le risorse su chi ne aveva ..
11 Gennaio 2023 - 12:36
Criminalità e grandi opere: patto ..
Sottoscritta stamane l'intesa che consentirà un capillare monitoraggio degli iter che ..
10 Gennaio 2023 - 19:09
Tensione all'R-Nord: uomo alterato ..
In tarda mattina. La vigilanza ha tentato di fare desistere e allontanare l'uomo. Fino alla ..
10 Gennaio 2023 - 18:45
Pressa Tube - Articoli più letti
Esplodono i contagi: è il fallimento..
Si continua viceversa la caccia al no-vax (il quale per ora continua a non infrangere alcuna..
29 Dicembre 2021 - 12:03
No al green pass, lavoratori uniti: ..
'L'articolo 1 della Costituzione oggi viene superato da un decreto che subordina il diritto ..
01 Ottobre 2021 - 21:13
'Green Pass, traditi da Stato e ..
I lavoratori di CNH senza Green Pass, a cui è negata la mensa, hanno ricevuto la ..
23 Settembre 2021 - 13:17
'Non tornerò al lavoro finchè sarà..
La testimonianza di Maria Sole Lanè, referente del gruppo 'La gente come noi' Emilia ..
24 Marzo 2022 - 12:08