Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliSocieta'

Area fonderie via Zarlati: ecco come potrebbe diventare...potrebbe

La Pressa
Logo LaPressa.it

All'indomani dello stop all'attività sancito da Arpae, il Comune diffonde il disegno di come l'area potrebbe essere rigenerata. Occasione di riscatto rispetto a decenni e lunghi elenchi di rigenerazioni mancate


Area fonderie via Zarlati: ecco come potrebbe diventare...potrebbe

“L’area delle Fonderie cooperative alla Madonnina è individuata anche nel Pug come strategica per la rigenerazione e, a livello di rione, dovrà assolvere ad alcuni obiettivi: offrire un mix funzionale con connessioni alla Diagonale e alla zona sul lato opposto. Alla luce delle indicazioni del nuovo Piano sono state sviluppate alcune prime ipotesi di massima per offrire un contributo alle prospettive di valorizzazione dell’area”.

Ad affermarlo è l’assessore all’Urbanistica Anna Maria Vandelli dopo la comunicazione di Arpae arrivata nei giorni scorsi sulla non prorogabilità dell’Autorizzazione integrata ambientale per l’attività delle Fonderie oltre la scadenza, insieme alla diffida e alla sospensione dell’attività dell'azienda per inadempimenti in tema di gestione rifiuti. La società di via Zarlati aveva infatti fatto richiesta di proroga appellandosi alla normativa sull’emergenza sanitaria da Covid 19.

Comunque sia il termine dell'attività apre di fatto un'altra fase, quella della rigenerazione di un'area ex industriale.
Fase che proiettata su altri contesti della recente storia urbana, registra una serie davvero importante di fallimenti. Dall'area ex Pro Latte alla ex Benfra, dall'ex mercato bestiame alle ex fonderie, dalle ex acciaierie e all'ex Corni. Soltanto per rimanere nell'ambito delle grandi aree ex industriali ad intervento pubblico, comprese nel grande Piano di rigenerazione della fascia ferroviaria nord che, lanciato nel 1999, ad oggi è rimasto ancora per la maggior parte degli interventi, lettera morta. Ed è in questo contesto che la proiezione grafica di ciò che potrebbe diventare il comparto delle fonderie, da oggi ex, di via Zarlati, si pone per il Comune, come simbolo di possibile anche se parziale riscatto rispetto ad un passato fallimentare. Anche se, va detto, il riscatto farebbe leva anche sulla piccola svolta che, rispetto al precedente mandato Muzzarelli e ai precedenti decennali Pighi e Barbolini, il ticket degli Assessori Vandelli all'urbanistica e Bosi ai lavori pubblici, sembra avere dato. In pratica la scelta di intervenire seppur e parzialmente e limitatamente alle risorse arrivate grazie al bando periferie, a rimettere in moto la rigenerazione del comparto nord della stazione, fermo dal 2008, così come limitatamente alla palazzina centrale, con le risorse del bando regionale, le ex fonderie, rappresenta un segnale di movimento rispetto all'immobilismo del passato, anche recente. In un contesto di degrado e di mancati interventi che rimane enorme ma che appunto potrebbe vedere nel percorso di rigenerazione dell'area delle fonderie di via Zarlati, se avviato in tempi brevi, una conferma a questa svolta politica.

Su questo punto l'Assessore Vandelli sottolinea come “l’Amministrazione sia pronta ad attivare, su proposta del privato, le procedure di accordo operativo per valorizzare l’area. Questo iter può anche viaggiare parallelamente alla chiusura del progetto di dismissione. Sono previste delle premialità, anche in termini volumetrici, per la rigenerazione dell’area attraverso la dismissione degli immobili, eventuali bonifiche e tutto quello che concorre a determinare la sostenibilità dell’intervento”.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Societa' - Articoli Recenti
Biden di nuovo positivo al Covid: ..
La notizia della ricaduta è stata data dalla Casa Bianca che ha divulgato una nota del ..
31 Luglio 2022 - 00:02
Giochi e nave pirata svaniti nel ..
Anche l'area verde comunale de Le Torri trascurata e simbolo di abbandono e degrado. La ..
30 Luglio 2022 - 17:10
Covid, 4130 contagi in Emilia Romagna..
Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 24,5%
30 Luglio 2022 - 14:46
Covid, ancora 19 decessi in Emilia ..
I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 49 (+1 ..
29 Luglio 2022 - 16:20
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39