Fare lavorare i richiedenti asilo: a 7 anni dall'avvio dei Cas il primo progetto
Villa  La Personala
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliSocieta'

Fare lavorare i richiedenti asilo: a 7 anni dall'avvio dei Cas il primo progetto

La Pressa
Logo LaPressa.it

Presentato questa mattina in prefettura Mod-In, progetto per l'inserimento lavorativo degli stranieri con protezione speciali nelle aziende. La fase sperimentale coinvolge 10 soggetti. Entro giugno un protocollo sul modello da seguire


Fare lavorare i richiedenti asilo: a 7 anni dall'avvio dei Cas il primo progetto
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Dopo sette anni dall'avvio del modello di accoglienza degli stranieri richiedenti asilo basato sui Cas, Centri Accoglienza Straordinaria, adottato nel 2017 dall'allora ministro Minniti per rispondere al boom di sbarchi, prende il via a Modena, in via sperimentale, un progetto per la selezione e l'inserimento al lavoro di stranieri coinvolti o in uscita dai percorsi di accoglienza.

Prende forma  Modena, di fatto grazie alla 'determinazione' del sindaco Giancarlo Muzzarelli che tra mille difficoltà e inghippi burocratici e normativi propone da anni meccanismi per fare lavorare nel periodo dell'accoglienza gli stranieri richjedeni asilo, “Mod-In, Modena Include”. Il progetto per l’inserimento nel mondo del lavoro di migranti titolari o richiedenti protezione internazionale in uscita dal sistema dell’accoglienza straordinaria o integrata. Il progetto vede capofila la Prefettura di Modena unitamente al Comune di Modena e alle cooperative sociali Dimora d’Abramo e Gulliver ed è finanziato dal Ministero dell’Interno nell’ambito del Fami, Fondo Asilo Immigrazione 2014-2020.  

Questa mattina la presentazione dei primi risultati del progetto partito un anno fa, ancora in fase sperimentale, che fino ad ora ha coinvolto dieci titolari di protezione internazionale, di cui tre per ora inseriti al lavoro (due cittadini afghani in Seta nell'officina magazzino bus e una donna ghanese nel centro produzione pasti Cir Food di Pavullo). Il progetto, oltre agli enti locali, promuove anche il coinvolgimento delle imprese. 

L’obiettivo è realizzare un sistema di rete in grado di accompagnare le persone titolari di protezione internazionale, o richiedenti, che escono dai Centri di accoglienza Cas e Sai, verso l’autonomia e l’inclusione socio-lavorativa, puntando a superare ostacoli di tipo burocratico o culturale.

Per mettere a punto un percorso efficace, attento da una parte a snellire le pratiche amministrative risolvendo anche questioni concrete (come il rilascio del permesso di soggiorno, del codice fiscale o l’apertura di un conto corrente) e dall’altra ad individuare e sostenere persone motivate su cui investire. 

Alla domanda sul perché sia dovuto passare tanto tempo per arrivare ad un progetto di questo tipo, il sindaco risponde: 'Le ragioni sono tante e forse non è la sede opportuna per esprimerle nei giusti termini, sta di fatto che se i governi hanno normative che escludono e non includono, diventa tutto più complicato'.

Il progetto prevede che entro il 30 giugno il tavolo operativo sul progetto definisca un modello operativo che sarà formalizzato in un protocollo di intesa.
Nel Tavolo operativo si incrociano anche le richieste e necessità delle imprese e i profili delle persone in accoglienza, cercando appunto di valorizzare le possibilità di occupazione esistenti, definire le necessità formative e fluidificare i passaggi burocratici.

Nella fase di avvio del progetto gli operatori di Gulliver hanno mappato e raggiunto e 250 realtà imprenditoriali del territorio. “Chi cerca trova…e include” è il claim della campagna di comunicazione che sta partendo in questi giorni per coinvolgere quante più aziende possibile nel progetto Mod-In rispondendo al bisogno occupazionale del territorio.

Messaggi e contenuti del progetto Mod-In Modena Include, a cui è dedicato anche il sito internet comune.modena.it/modenainclude, viaggeranno attraverso locandine e opuscoli informativi diffusi nelle sedi di associazioni datoriali e di categoria, manifesti e il social Linkedin.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Scuole superiori scelte e negate, partiti i ricorsi:  interessato il Capo dello Stato
Sono due, relativi a studenti che si sono visti negare tutte e tre scuole indicate i ricorsi..
08 Luglio 2024 - 14:15
Le alghe invadono il Naviglio, animali in difficoltà e rischio in caso di piena
Il livello di copertura sopra e sotto la superficie è altissimo. La rimozione, un tempo ..
08 Luglio 2024 - 02:11
Il cardinale Ruini colto da malore: è ricoverato in terapia intensiva
'Il paziente è vigile e collaborante e le sue condizioni cliniche sono al momento stabili. ..
07 Luglio 2024 - 19:36
Comuni ricicloni: primato Aimag in Emilia-Romagna e nel territorio modenese
La società di Mirandola gestisce la raccolta a Carpi e nella maggior parte dei comuni ..
07 Luglio 2024 - 00:23
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24