Udicon
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Villa Emma, ebrei a Nonantola: nasce un luogo per la memoria

La Pressa
Logo LaPressa.it

Con un itinerario artistico che toccherà i luoghi del paese e del circondario che furono teatro della storia dei ragazzi ebrei salvati


  • Villa Emma, ebrei a Nonantola: nasce un luogo per la memoria
  • Villa Emma, ebrei a Nonantola: nasce un luogo per la memoria
  • Villa Emma, ebrei a Nonantola: nasce un luogo per la memoria
  • Villa Emma, ebrei a Nonantola: nasce un luogo per la memoria
  • Villa Emma, ebrei a Nonantola: nasce un luogo per la memoria
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Davanti a Villa Emma. Ragazze e ragazzi ebrei a Nonantola - 1942-43' è il titolo del progetto in fase di realizzazione a Nonantola lungo la via Mavora, prospiciente il parco della residenza storica a Nonantola. L’opera si svilupperà su un piano, per una superficie utile di circa 650 metri quadri, e comprenderà anche un itinerario artistico che si svilupperà nei i luoghi del paese e del circondario che furono teatro di precise fasi della storia dei ragazzi ebrei salvati. Il cantiere dei lavori, inaugurato nella scorsa primavera, è stato commissionato da Fondazione Villa Emma, in convenzione con il Comune di Nonantola, e sostenuto da parte della Regione Emilia-Romagna, Ministero della Cultura, Fondazione di Modena e BPER Banca.

Il sito memoriale avrà caratteristiche polifunzionali e procederà attraverso un passaggio coperto, affiancato da un muro ottenuto con mattoni recuperati dai due casali presenti nell’area al tempo della vicenda, “testimoni” della vita quotidiana del gruppo di ragazzi arrivati in paese dopo una fuga attraverso l’Europa.

Prevederà quindi uno spazio d’ingresso e accoglienza, che consentirà l’accesso al percorso espositivo, gli uffici della Fondazione, una sala conferenze ad uso della comunità e delle associazioni del territorio, una sezione-archivio e un laboratorio didattico permanente al servizio delle scuole. 

Il progetto di allestimento, destinato alla rappresentazione dell’incontro tra la comunità locale e straniera, sviluppa un racconto che non si limita all’area espositiva, ma intende permeare la struttura nel suo complesso per mezzo di setti-parete, segni a pavimento, tecnologie di comunicazione digitale e varie forme di testimonianza. Alla dorsale centrale del percorso è affidata la narrazione dei giorni trascorsi dai ragazzi a Villa Emma e, più in generale, al loro rapporto con il territorio di Nonantola. Il progetto prevede, inoltre, una zona di approfondimento scandita da un serie di postazioni individuali, dove i visitatori possono consultare materiali e documenti integrativi.


L’area esterna, concepita come estensione dell’edificio, sarà popolata da setti verticali, panche e segni a terra che materializzano la rete di percorsi che animarono lo svolgersi della vicenda, prima e dopo la tappa nonantolana, evocando altri luoghi emblematici della storia, sia vicini che lontani.
L’itinerario artistico per i luoghi del paese, infine, sarà segnato da piccole sedie, simbolo di accoglienza e di ospitalità, realizzate in bronzo e collocate nelle vicinanze di alcuni punti chiave della vicenda, a sottolineare la forte relazione tra la scena memoriale principale, il centro storico del paese e i suoi immediati dintorni, che a loro volta rappresentano i poli attorno ai quali si organizzarono l’accoglienza, l’amicizia tra i perseguitati e gli abitanti del luogo, la salvezza finale del gruppo.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Italpizza

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
La 'macchina delle multe' Safer ..
Quindicimila euro al mese pagati alla società israeliana specializzata nella produzione del..
17 Febbraio 2024 - 09:51
Horacio Pagani museo, a San Cesario ..
In mostra documenti unici insieme ai disegni originali fatti dal fondatore quando immaginava..
16 Febbraio 2024 - 16:09
In 5 anni la sanità pubblica ha ..
Antonio De Palma (Sindacato Nursing up) su dati Anac: 'Il ricorso a professionisti esterni ..
16 Febbraio 2024 - 12:50
Vincenzo Paldino, nuovo segretario ..
La confederazione sindacale autonoma conta in provincia 10.000 lavoratori iscritti nel ..
14 Febbraio 2024 - 18:55
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda ..
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24