Nuovo ospedale di Carpi: presentato il progetto
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Società Dolce: fare insieme
notiziarioLa Provincia

Nuovo ospedale di Carpi: presentato il progetto

La Pressa
Logo LaPressa.it

Definito il quadro economico complessivo, ovvero 126 milioni, di cui 57 da fondi statali e regionali e 69 da fondi del privato


Nuovo ospedale di Carpi: presentato il progetto
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

È delineato nei suoi princìpi cardine il progetto del nuovo Ospedale di Carpi, illustrato ai sindaci dell’Unione Terre d’argine questa mattina nella sala del Consiglio comunale di Carpi alla presenza del presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e dell’assessore regionale alle Politiche per la Salute Raffaele Donini. Per l’Ausl di Modena erano presenti la direttrice generale Anna Maria Petrini, la direttrice del distretto di Carpi Stefania Ascari, il direttore del presidio ospedaliero Silvio Di Tella e il direttore del Servizio unico attività tecniche Pasquale Romio.

Definito il quadro economico complessivo, ovvero 126 milioni, di cui 57 da fondi statali e regionali e 69 da fondi del privato, secondo la formula del partenariato pubblico privato già utilizzata anche in altre province emiliano-romagnole per la costruzione di grandi opere a carattere sanitario, a cui si aggiungeranno altri 14 milioni per gli arredi e le attrezzature biomediche e informatiche.

Nel contempo sta proseguendo l’iter che porterà alla realizzazione dell’importante opera sanitaria, che sostituirà l’attuale Ramazzini, occupando una superficie totale di 47.050 mq, per quattro piani di altezza, su un lotto di 142.500 mq indicato dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria.

L’iter e il progetto – Come spiegato durante la presentazione di questa mattina, il progetto, che nella giornata di ieri è stato illustrato ai professionisti del Ramazzini, è al vaglio del nucleo tecnico del Ministero della Salute, step preliminare alla sottoscrizione dell'accordo di programma tra Stato e Regione. Successivamente sarà dato il via alle procedure per gli espropri e a un’ulteriore fase di progettazione, dopo la quale si procederà alla gara di partenariato pubblico privato che consentirà di individuare il partner privato che si occuperà della progettazione definitiva e dell’esecuzione di tutte le opere.

La struttura sarà dotata di quattro blocchi, interconnessi con collegamenti verticali e orizzontali: uno conterrà gli spazi dedicati ai reparti e alle degenze; uno sarà dedicato alle funzioni ad alta tecnologia come Pronto Soccorso, blocco chirurgico, Terapia Intensiva; nel terzo troveranno sede alcuni servizi territoriali come ad esempio la Dialisi e la Salute Mentale; mentre l’ultimo è riservato alla parte impiantistica, con le centrali tecnologiche a servizio dell’intero ospedale.

'Oggi manteniamo una promessa, che non è mai stata in dubbio – affermano il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e l’assessore regionale alle Politiche per la Salute Raffaele Donini –: il nuovo Ospedale di Carpi non solo si farà, ma l'impegno della Regione Emilia-Romagna è assoluto e quotidiano per raggiungere questo risultato nei tempi previsti. La Regione ha già fatto la propria parte: ha inserito da subito tra i 3 nuovi ospedali da realizzare in Regione, perché da subito abbiamo considerato questa struttura strategica per tutto questo territorio, così come sono disponibili le risorse. Ora tocca al Governo mantenere la disponibilità economica dei fondi e velocizzare le pratiche per arrivare il prima possibile alla cantierizzazione. Questo progetto è molto bello: se da un lato è vero che la sanità dovrà essere sempre più territoriale, a contatto con i cittadini, è altrettanto necessaria la presenza di ospedali moderni, integrati con i servizi del territorio e naturalmente rispettosi dell'ambiente e dei principi di sostenibilità. Questa è la sanità pubblica di cui avrebbe bisogno urgentemente l'Italia: purtroppo il Governo continua a negare l'evidenza e a tagliare sul Servizio Sanitario Nazionale come nessuno prima, contribuendo a smantellare quello che è un modello a livello internazionale, mentre in Emilia-Romagna vogliamo investire in Case di Comunità, nuove tecnologie, personale qualificato e bellissime strutture all'avanguardia come questa'.



'Siamo di fronte a un progetto altamente innovativo, che doterà il territorio di un ospedale completo, moderno, accessibile, efficiente – dichiara la direttrice generale Anna Maria Petrini –. Finora tutti gli step sono stati compiuti nei tempi prestabiliti, tutte le istituzioni coinvolte credono fermamente nella necessità di realizzare quest’opera, senza per questo tralasciare l’attuale Ramazzini. Anzi, continueremo a investire per adeguare gli spazi esistenti e continuare a erogare servizi di qualità nel tempo, come il CAU che abbiamo inaugurato oggi e l’ampliamento del Pronto Soccorso. Parallelamente proseguirà l’iter per il nuovo Ospedale, una struttura pensata per essere integrata nel tessuto urbano e nella rete dei servizi sanitari esistenti, tutelando l’area verde circostante e garantendo accessibilità con ogni mezzo. L’aggiornamento che abbiamo fatto oggi era importante perché ci ha consentito di illustrare la progettazione e i valori che l’hanno ispirata ai Sindaci e ai vertici della nostra Regione, in attesa che possa essere sottoscritto l’Accordo di programma con il Ministero della Salute per dare poi il via alle fasi successive'.

'Sono profondamente soddisfatto - sottolinea il sindaco di Carpi Alberto Bellelli - delle rassicurazioni fornite dal presidente Bonaccini e dall'assessore Donini riguardo all'avanzamento del progetto per la costruzione del nuovo ospedale. Questa struttura sarà di importanza vitale, poiché unirà modernità, sostenibilità e la capacità di servire efficacemente un vasto territorio. Nonostante le sfide imposte dalla pandemia di COVID-19 e le difficoltà conseguenti, il nostro Comune, l'Azienda USL e la Regione non hanno mai interrotto il loro impegno verso questo ambizioso obiettivo'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

e-work Spa
La Provincia - Articoli Recenti
Maranello, Luigi Zironi si conferma sindaco
Il primo cittadino uscente ha ottenuto il 59,67% dei consensi. Nulla da fare per Barbara ..
10 Giugno 2024 - 20:56
Savignano, Enrico Tagliavini confermato sindaco
In termini assoluti Tagliavini ha ottenuto 3081 voti contro i 1226 di Pettinella
10 Giugno 2024 - 20:51
Pievepelago, Corrado Ferroni ancora sindaco per una manciata di voti
Ferroni alle elezioni incassa 473 voti (37,21%), superando Italo Nesti 421 (33,12%) e ..
10 Giugno 2024 - 20:47
Formigine, stravince il centrosinistra: Elisa Parenti è sindaco
La Parenti evita dunque il ballottaggio una possibilità che la candidatura della Sarracino,..
10 Giugno 2024 - 20:45
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba rotta vive in auto
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
'Bonaccini si lamenta di Figliuolo, ma a Nonantola dopo 4 anni ricostruzione ferma alla metà'
I consiglieri comunali di Forza Italia Platis e Casano: 'Lasciate senza rimborsi le famiglie..
15 Agosto 2023 - 09:36
Vignola, il coronavirus ha ucciso titolare Bar Italia. Aveva 64 anni
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48