Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
notiziarioLa Provincia

Serramazzoni, Barone Rosso si arrende: 'Così? impossibile, chiudiamo'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Visto che non rubo, tenere aperto, non coprire le spese e prendere multe no. Il Barone Rosso chiude in attesa di tempi normali'


Serramazzoni, Barone Rosso si arrende: 'Così? impossibile, chiudiamo'

C’è un altro virus che si sta diffondendo, ed è quello della rassegnazione. E il grido d’allarme viene da un Appennino che mai come in quest’ultimo anno è stato dimenticato, pagando le conseguenze di una pandemia che ogni giorno suona più assurda, così come assurde sono le regole che vengono messe per constrastare il contagio, e sulla cui efficacia reale è lecito dubitare.

A questo si aggiunge la misura dei ristori mancante, con i dati allarmanti della CGIA di Mestre che abbiamo riportato nei giorni scorsi, che evidenziano come l’azione del Governo sia stata nient’altro che un’elemosina rispetto a ciò che poteva e doveva essere fatto.

In quest’Italia a colori, un po’ arlecchina anche se ci siamo dimenticati che in questo periodo dovrebbe essere carnevale, le zone arancioni costringono soprattutto gli esercenti della ristorazione a fare letteralmente le acrobazie tra protocolli anti contagio e istinto di sopravvivenza.

Succede però che c’è chi non ce la fa più, perché lavorare in queste condizioni è deleterio. E’ il caso dello storico locale “Barone Rosso” di piazza Tasso Serramazzoni, che alza le mani in attesa di tempi e “colori” migliori. Roberta, la titolare, con un post su Facebook annuncia la temporanea chiusura prendendo atto della difficoltà di lavorare in “zona arancione” anche in virtù di una sanzione capitata questa mattina, sia al bar, sia a un avventore. «Volevo ringraziare le forze dell ordine per aver multato stamattina un mio cliente... e il Bar (2 sanzioni 800 euro). Hanno fatto il loro dovere! È così che si combatte il covid! Si combatte applicando regole assurde che non vanno bene! Sono mesi che lo Stato ci prende in giro!». Dal post si comprende molto bene che lo stato attuale delle regole, non consente uno svolgimento delle attività che si possa definire normale. «Io ho fatto il possibile per tutelare i clienti da questo virus. Ho voluto provare a dare un servizio al paese, con entrate insufficienti, però ero disposta a lavorare e a far lavorare senza guadagnare. Ma a “guardie e ladri” non voglio giocare. Ho speso energie e denaro per rispettare i protocolli, perché le regole vanno rispettate, ma il buon senso ancora di più. Siamo a Serramazzoni, non a Milano, non ci possono trattare nello stesso modo».

Nei giorni in cui è uscito anche in Emilia Romagna il bando per l’accesso ai fondi del Ristori Quater, questa è l’ennesima brutta notizia per un Appennino che annaspa sempre di più anche alla luce di una stagione turistica letteralmente buttata via. «Ho cercato di dare un servizio, non prendo in giro nessuno» conclude Roberta «ma visto che non rubo, tenere aperto, non coprire le spese e prendere multe no. Il “Barone Rosso” chiude in attesa di “colori” e tempi normali. Buon caffè a tutti».

Stefano Bonacorsi




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 

Acof onoranze funebri

La Provincia - Articoli Recenti
Piane di Mocogno imbiancate dalla ..
Alle ore 15:00 di oggi intensa precipitazione. Temperatura passata dai 30 ai 17 gradi e ..
28 Luglio 2022 - 19:38
Mirandola, Comune dona 35 bici senza ..
Mezzi per i quali sono scaduti i termini di conservazione all’interno del deposito ..
28 Luglio 2022 - 15:24
Bastiglia, spaccata all'edicola: ..
A quanto pare una testimone che abita poco distante dal negozio ha notato intorno alle 4 del..
28 Luglio 2022 - 09:52
L'appennino modenese definito area ..
L'area interna della provincia di Modena comprende tutti i 18 Comuni montani del territorio.
26 Luglio 2022 - 18:26
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57