Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
notiziarioLettere al Direttore

Covid, allarme dal pronto soccorso di Modena. Ma non era prevedibile?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Purtroppo in questo momento non sono i posti in terapia intensiva a scarseggiare, ma quelli in corsia. Non si potevano spendere meglio quei 26 milioni?


Covid, allarme dal pronto soccorso di Modena. Ma non era prevedibile?
Gentile Direttore,
nei giorni scorsi abbiamo letto su un quotidiano locale un'intervista al Direttore del PS del Policlinico di Modena che fa riflettere. Il dottor Luciani con preoccupazione ci informa che l'ospedale è in grande sofferenza per l'eccessivo numero di accessi giornalieri molti dei quali sono Covid; che il Policlinico è Hub provinciale dei malati Covid ma che ha solo cinque letti in isolamento al triage e che adesso non c'è tempo per convertire gli spazi. Bene a noi sorgono spontanee alcune domande.

- Il Covid è un'emergenza nazionale: da marzo a oggi perchè non si è pensato di trasferire momentaneamente (come fu fatto a seguito del sisma del 2012) i reparti del Policlinico a Baggiovara, tenendo a disposizione l'intero ospedale per i malati Covid?
- Perchè non si è pensato di convertire tutto il PS del Policlinico a PS Infettivologico e dirottare al PS di Baggiovara tutti gli altri casi? Un Hub provinciale può considerarsi tale con solo 'cinque' letti per il triage del Covid? E anche le recenti decisioni circa gli ospedali di Sassuolo e Vignola non sono solo un estremo tentativo di porre rimedio ad una situazione sfuggita di mano?
- E' una sanità d'eccellenza quella che dispone 'una riduzione dei ricoveri programmati procrastinabili in area chirurgica, dal 28 ottobre al 3 novembre inclusi'? (Anche il Presidente Mattarella ci ha ricordato che non si muore di solo Covid).

- Sul sito della Regione c'è ancora pubblicata la notizia del 17 aprile 2020 della nascita di un Covid Intensive Care: un investimento di oltre 26 milioni di euro, 146 posti letto sempre disponibili. 'Una struttura a rete di supporto alle terapie intensive regionali, per fronteggiare tutte le situazioni previste e accogliere pazienti dagli altri ospedali nella fase di ritorno alle proprie funzioni ordinarie'.  Purtroppo in questo momento non sono i posti in terapia intensiva a scarseggiare, ma quelli in corsia. Non si potevano spendere meglio quei 26 milioni?
- Nel nuovo DPCM si legge: 'è fatto divieto agli accompagnatori dei pazienti di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso'. Al PS del Policlinico c'è anche il PS pediatrico. Cosa succede in questo caso? Un genitore con minore che si reca al PS pediatrico inevitabilmente sosta in un'area in cui sono transitati anche malati Covid. O si deve pretendere che il minore resti solo ad aspettare il suo turno?
Da marzo a oggi c'erano tempo e risorse per affrontare meglio questa seconda ondata. Modena ha la fortuna di avere due ospedali e con un po' di buon senso si sarebbe potuta affrontare questa seconda ondata in modo più idoneo e sicuro. L'inverno arriva ogni anno, l'influenza, le bronchiti e le polmoniti pure. Non era prevedibile già a marzo che i soggetti deboli ne avrebbero pagato le conseguenze? Non era prevedibile tutto questo affollamento e promiscuità del PS? 
Dal sito della Regione ER le affermazioni del presidente Bonaccini: 'Lavoriamo sull'emergenza in un'ottica di rete regionale, guardando da subito al domani. Orgogliosi di mettere la nostra sanità anche a disposizione del Paese'. Presidente, guardare al domani significa non farsi trovare impreparati oggi.
 
Anna Beatrice Borrelli


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Società Dolce: fare insieme

Lettere al Direttore - Articoli Recenti
Modena, la teorica mobilità ..
Inviterei gli assessori, i geometri, gli ingegneri, i tecnici comunali che si occupano di ..
24 Novembre 2022 - 21:47
'Campagna vaccinale, così la scienza..
Giovanardi: 'Nessuna riposta dalle istituzioni sanitarie modenesi sulla richiesta di ..
22 Novembre 2022 - 22:31
Green pass, io non so se potrò mai ..
Non credo ci sia nulla che possa risarcire tutto quello che hanno subito le persone che non ..
02 Novembre 2022 - 17:01
Vaccini, ecco perchè condivido in ..
Nella mia vita ho visto diverse epidemie, allora non si usava il termine pandemia perché ..
27 Ottobre 2022 - 22:03
Lettere al Direttore - Articoli più letti
Io, vittima del green pass: qualcuno ..
Resistere per poter raccontare alle future generazioni che anche nelle avversità, se pure ..
16 Febbraio 2022 - 21:48
Follia green pass, a 760mila ragazzi ..
Vietato ad esempio andare a mangiare una pizza con gli amici, andare al cinema, andare al ..
25 Gennaio 2022 - 14:45
Sono a rischio trombosi: nessuna ..
L'Aulss di competenza mi ha comunicato che il medico di base mi ha cancellato dalla lista ..
14 Febbraio 2022 - 14:46
Ex primario Ps Modena: 'Covid, ecco ..
Daniele Giovanardi entra nel dettaglio dei farmaci da adottare. Clorochina (Plaquenil) al ..
06 Novembre 2020 - 20:51