Garibaldi sbarca a Marsala, 11 maggio 1860
e-work Spa
Radio Birikina
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
rubricheAccadde oggi

Garibaldi sbarca a Marsala, 11 maggio 1860

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dopo lo sbarco a Marsala i Mille aumentarono di numero, grazie al contributo dei volontari meridionali e si creò 'L'esercito meridionale'


Garibaldi sbarca a Marsala, 11 maggio 1860
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

L'11 maggio 1860 Giuseppe Garibaldi, partito da Quarto con due piroscopi, sbarcò a Marsala, per compiere assieme alle sue 'Mille Camice Rosse', l'eroica impresa che si concluderà con l'unificazione d'Italia. La spedizione dei Mille fu uno degli episodi cruciali del Risorgimento; lo scopo era di rovesciare il governo borbonico e appoggiare le rivolte scoppiate in Sicilia.
Garibaldi nell'impresa si avvalse della collaborazione di Nino Bixio e di Francesco Crispi (capo dei profughi siciliani).

Dopo lo sbarco a Marsala i Mille aumentarono di numero, grazie al contributo dei volontari meridionali e si creò 'L'esercito meridionale'. A Calatafimi i soldati Borbonici vennero sconfitti poi i Mille entrarono a Palermo e neutralizzaromo le truppe nemiche. Grazie alle battaglie vittoriose contro l'esercito borbonico, Garibaldi riuscì a conquistare tutto il Regno delle Due Sicilie, permettendone l'annessione al nascente Regno d'Italia.
Alla metà di agosto, iniziò la risalita della penisola e Giuseppe Garibaldi entrò trionfatore a Napoli e si preparò a invadere lo Stato Pontificio.

I successi dei Mille provocarono però allarme a Torino.
Cavour, per evitare le complicazioni internazionali che una marcia di Garibaldi verso Roma avrebbero provocato, convinse il Re a occupare le Marche e l'Umbria (di dominio pontificio). Da qui i piemontesi raggiunsero Teano dove Garibaldi, pur di rendere l'Italia Unita, cedette le sue conquiste militari a Vittorio Emanuele II e aderì alla politica di Casa Savoia.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Radio Birikina

Onoranze funebri Simoni
Accadde oggi - Articoli Recenti
Viene fondata Alcolisti anonimi: 10 giugno 1935
I fondatori dell'Associazione ebbero la grande intuizione di applicare l'autoaiuto alla ..
10 Giugno 2024 - 07:02
Nasce Paperino: è il 9 giugno 1934
Paperino è nato dalla penna di Al Tagliaferro che gli conferisce un segno grafico buffo e ..
09 Giugno 2024 - 07:21
Berlinguer ha un malore sul palco di Padova: 7 giugno 1984
Venne colpito da un ictus che lo portò alla morte 4 giorni dopo
07 Giugno 2024 - 07:55
Accadde oggi - Articoli più letti
Grande concerto di Pino Daniele a Napoli: era il 19 settembre 1981
Piazza Plebiscito, dove si tenne il concerto, era il salotto della cosiddetta Napoli bene, ..
19 Settembre 2023 - 08:08
21 ottobre, il mondo celebra la Giornata Mondiale dell'ascolto
L'ascolto nelle relazioni interpersonali permette di sviluppare legami duraturi basati sulla..
21 Ottobre 2023 - 06:00
Il 9 ottobre 1967 veniva ucciso in Bolivia Che Guevara
Il Che è considerato un nemico coerente dell'oppressione e un simbolo di libertà e di ..
09 Ottobre 2023 - 06:38
In una sala da ballo di Cremona nasce il mito di Mina
È il 24 settembre del 1958 quando Natalino Otto e Flo Sandon's scoprono la cantante, allora..
24 Settembre 2023 - 07:28