I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
articoliChe Cultura

Anita, eroina divenuta simbolo di libertà ed emancipazione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il libro rilegge la storia di Anita Garibaldi, ripercorrendone la biografia, per poi concentrarsi sul mito risorgimentale e fascista. E sulla attualità


Anita, eroina divenuta simbolo di libertà ed emancipazione

'Anita gode ancora di ottima salute ed è divenuta simbolo dell’emancipazione femminile. Anita è sorprendentemente viva e, paradossalmente, resiste al logorio del tempo meglio di Garibaldi, sempre più spesso bersaglio di invettive e accuse malfondate ma capaci di attecchire'. E' questa la tesi di fondo dell'ultimo libro dello storico modenese Luigi Malavasi Pignatti Morano che appena un anno fa aveva dato alle stampe un approfondito volume su Che Guevara (In sella a Ronzinante). Edito da 'Il Fiorino' con la collaborazione dell'Istituto per la Storia del Risorgimento italiano, il volume 'Anita, la riscorperta di un'eroina', come nello stile di Malavasi Pignatti Morano, è arricchito da una puntuale tela di Riferimenti bibliografici e da un dettagliato Indice dei nomi.

Il libro rilegge la storia dell''eroina dei due mondi', ripercorrendone con cura la biografia, per poi concentrarsi sul mito risorgimentale e fascista, inevitabilmente sfiorito proprio per questa 'appropriazione indebita' da parte delle camicie nere, ma poi risorto negli ultimi decenni in chiave - come detto - di emancipazione femminile. Una analisi storiografica che si avvale di documenti e testimonianza inedite, comprese quelle della pronipote di Giuseppe Garibaldi, Annita Garibaldi Jallet, ma che non si ferma a quelle e - come era avvenuto con il libro su Che Guevara - cerca di ricostruirne il mito analizzando, proprio attraverso Anita, il Secolo Breve. Un mito oggi divenuto iconico, oggetto di diverse pubblicazioni e finanche di racconti per bambini e fumetti nei quali Anita viene rappresentata come una convinta rivoluzionaria che si affranca persino dall'amore (pieno di gelosia) per Garibaldi per amore dei propri ideali.

E infine una nota personale, una concessione dell'autore che - nella conclusione - sveste i panni rigidi dello storico per lasciarsi andare a un dato personale. Anita è, infatti, il nome della bisnonna di Luigi Malavasi Pignatti Morano, ma anche di sua figlia.
'Mio padre in più di una occasione mi ha raccontato la storia di come fu scelto il nome della mia bisnonna. Nacque il 25 dicembre 1892 e per questo sua madre volle chiamarla Natalina. Non aveva però fatto i conti col marito che nella denuncia di nascita registrò la figlia col nome di Anita - scrive Malavasi Pignatti Morano -. Quello che so con certezza è il motivo per cui anche mia figlia si chiama Anita. In memoria della mia bisnonna, ovviamente, ma anche perchè scegliendo Anita mia moglie ed io abbiamo inteso evocare i valori che crediamo esso incarni, sull'esempio dell'amazzone brasiliana. Un'aspetto in particolare ci ha sedotti: il fatto che Anita fosse una donna libera. Per ciò che credeva giusto se ne infischiò della morale comune e delle malelingue, sfidò i pregiudizi della sua epoca e scelse di essere ciò che voleva decidendo di vivere a testa alta la propria femminilità in un mondo dominato dagli uomini'.
Il volume sarà presentato sabato 11 settembre alle 11 presso il Centro culturale Teatro Guiglia di via Rismondo a Modena.
Giuseppe Leonelli


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Sanità, svolta in Emilia-Romagna: la regione apre ai privati
Politica
10 Luglio 2018 - 14:14- Visite:53543
Sanità, più risorse ai privati. Bonaccini firma accordo
Politica
20 Novembre 2019 - 17:49- Visite:35254
Anita si sta sfaldando, dopo Pigliacelli dice addio anche Spinelli
Ruote Libere
29 Ottobre 2017 - 23:30- Visite:15857
'Anita non lavora per le ditte italiane': Pigliacelli sbatte la porta
Ruote Libere
27 Ottobre 2017 - 00:52- Visite:12715
Coronavirus: a Modena i casi sospetti... vanno al Pronto soccorso
Lettere al Direttore
07 Febbraio 2020 - 09:44- Visite:12555
Inchiesta 'Camici sporchi', Maria Grazia Modena racconta La Verità
Pressa Tube
18 Aprile 2017 - 06:17- Visite:12248

Che Cultura - Articoli Recenti
Squid game, così vita e morte ..
La vita e la morte perdono la loro sacralità e ogni azione è governata dall’unico vero ..
25 Ottobre 2021 - 09:56- Visite:353
Modest Mussorgskij, il titano
Il compositore nasce a Karevo il 21 marzo del 1839 e la sua carriera non doveva essere ..
24 Ottobre 2021 - 19:04- Visite:356
Fourth Blood Moon, il free rock torna..
Con Eric Mingus, il figlio più giovane del grande Charles Mingus, e la forza dirompente ..
23 Ottobre 2021 - 23:01- Visite:291
Guitar solo: Eyal Maoz in concerto, ..
Al Teatro San Leonardo il compositore e chitarrista americano Eyal Maoz, in prima italiana
20 Ottobre 2021 - 21:02- Visite:542
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17- Visite:29253
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:21768
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:17411
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:15377