I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
I nostri lettori sono i tuoi futuri clienti
articoliChe Cultura

Che Guevara, quel soldato dell'Ideale che correva verso il Nulla

La Pressa
Logo LaPressa.it

'In sella a ronzinante': l'ultimo libro dello storico modenese Luigi Malavasi Pignatti Morano tratteggia un mosaico dettagliato e variopinto del Che


Che Guevara, quel soldato dell'Ideale che correva verso il Nulla
Che Guevara parla oggi sottovoce ai pochi don Chisciotte che ancora accettano di montare in sella a Ronzinante, e non ha nemmeno più la pretesa di intercettare le grandi masse, che non sanno che farsene dell'eroismo guerriero, dello sprezzo ostinato del pericolo, della coerenza granitica e del rifiuto della logica del calcolo. Quello del Che, a ben vedere, è forse sempre stato un mito per pochi
Queste parole, inserite nella introduzione del volume 'In sella a Ronzinante, storia e mito di Ernesto Che Guevara', descrivono forse meglio di altre lo spirito dell'ultimo libro dello storico modenese Luigi Malavasi Pignatti Morano. Edito da 'Il Fiorino' il volume è un saggio approfondito e dettagliato sulla figura del rivoluzionario argentino. Costellato da una puntuale tela di Riferimenti bibliografici e arricchito da un Indice dei nomi degno di un trattato accademico, leggendo 'In sella a Ronzinante' si riesce a scorgere allo stesso tempo la passione e la ricerca dell'autore per un senso e un significato che vada al di là della mera (e pur importante) ricerca scientifica. 

'I morti sono più interessanti dei vivi', afferma spesso in modo apparentemente snob Luigi Malavasi Pignatti Morano, ma in realtà dal libro si scorge perfettamente come questo interesse nasca dalla volontà - che magari l'autore, nascosto dietro al suo rigore scientifico, è restio ad ammettere - di raccontare 'i morti' per insegnare qualcosa ai 'vivi'. E anche solo soffermandosi sulla biografia che occupa circa un terzo del volume, Che Guevara ai vivi ha da raccontare tanto. Uno sconfitto della storia, torturato fin da bambino da una grave forma di asma, trasformato in mito, in 'avventuriero che combatte sempre contro i mulini a vento e il cui fine, la sua profonda Verità, la sua intima vocazione è il Nulla', che continua a porre domande attuali proprio per la sua complessità.

Proprio la parola 'complessità' è un'altra chiave di lettura del libro di Luigi Malavasi Pignatti Morano. Sempre vestendo i panni severi dello storico, l'autore condanna ogni banalizzazione e ogni tentativo di riduzione della vicenda di Che Guevara alle categorie manichee di 'bene' e 'male' di 'buono' e 'cattivo'. Se si legge il libro attendendo un giudizio finale e definitivo sulla figura del guerrigliero morto in Bolivia il 9 ottobre del 1967 si rimarrà delusi. Nessun giudizio, nessuna condanna e nessuna beatificazione, ma viceversa l'autore regala un variopinto mosaico della complessità e delle letture postume che il Che ha - suo malgrado o per sua fortuna - subito. Guevara come eroe cristiano o come rivoluzionario marxista, Guevara ammirato dalla destra militante e il Guevaro mercificato e banalizzato sulle magliette nella famosa foto di Korda. E per ogni sfaccettatura del mito, l'autore si preoccupa di offrire una analisi critica. 'La spregiudicatezza con cui viene manipolata la memoria del Che rende ancora più interessante il fenomeno della sua cristificazione' - si legge sulla santificazione del rivoluzionario argentino. Ma ancor più duro è Malavasi Pignatti Morano contro le letture revisioniste e che dipingono Che Guevara come una 'macchina assassina' ('affermazioni del genere denotano una completa mancanza di cautela storiografica'). 

E allora cosa resta oggi della storia di Che Guevara, al di là di simboli e magliette che quasi ne profanano il ricordo? Cosa resta della sua morte, di quel 'pugno che gelò di sconforto' la generazione di Guccini? Nella fine del libro Malavasi Pignatti Morano concede a se stesso e ai lettori un insegnamento che assomiglia molto alle parole con cui aveva aperto il libro.
'Il più grande insegnamento che si possa trarre da Ernesto Guevara è obbedire alla coscienza fino alle estreme conseguenze, affinare il proprio senso del dovere, non farsi intossicare dal potere, educare con l'esempio prima che con le parole... Forse chiunque può essere a modo suo un rivoluzionario, basta accettare di montare in sella a Ronzinante e avanzare verso il nulla, perchè è lì che finiscono i soldati dell'ideale. Don Chisciotte non va in cerca di ricompense o prebende: per amore di Dulcinea egli cavalca libero, fiero del suo sognare, incurante del mondo. E non esiste mulino a vento che possa fermarlo'. Senza tirarsi indietro solo perchè il male ed il potere hanno un aspetto così tetro...
Giuseppe Leonelli

Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:158670
Autostrade, la concessione resta: la De Micheli 'passa sul cadavere' ..
Politica
08 Settembre 2019 - 11:50- Visite:72843
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:61235
Modena, incinta con tumore al seno partorisce e poi guarisce
Politica
06 Luglio 2018 - 06:50- Visite:44442
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:43937
Ecco le (tante) attività che non chiudono: da cartolerie a carrozzai
Societa'
22 Marzo 2020 - 06:40- Visite:32655
Che Cultura - Articoli Recenti
Dams50, è la volta di Chiara Alessi
Appuntamento con la popolare esperta di design ed autrice del saggio 'Tante care cose' edito..
29 Marzo 2021 - 23:04- Visite:442
Dams50 a Bologna: giovedì ospite ..
Il Direttore artistico del New Museum di New York conversa con il professore Roberto Pinto
23 Marzo 2021 - 18:21- Visite:916
CulturaIdentità arriva anche a ..
Accanto alla partecipazione attiva sui territori, CulturaIdentità è presente in edicola ..
21 Marzo 2021 - 12:30- Visite:1469
Daria Bignardi apre Dams50, oggi alle..
La giornalista e scrittrice dialogherà con i professori Gian Mario Anselmi e Luca Barra
18 Marzo 2021 - 10:38- Visite:554


Che Cultura - Articoli più letti


Gli italiani scoprirono che Muccioli ..
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17- Visite:25459
Se la locomotiva di Guccini si ..
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59- Visite:20196
18 settembre 1977: al parco Ferrari ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo luglio vada tutto ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:16320
La massoneria in Emilia e a Modena
Anche a Modena esiste una presenza Massonica organizzata tramite la Loggia 106 intitolata a ..
25 Giugno 2017 - 22:08- Visite:14202