La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliEconomia

L’economia italiana non cresce perché è poco libera

La Pressa
Logo LaPressa.it

Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita


L’economia italiana non cresce perché è poco libera

Heritage Foundation, Istituto di ricerca statunitense, con sede a Washington, fra i più influenti think tanks americani, periodicamente monitora il grado di libertà economica” di 162 stati del mondo, attraverso 42 indicatori, raggruppati in 5 categorie: 1. peso dello stato; 2. sistema legale e diritti di proprietà; 3. Moneta; 4. libertà di commerciare con l’estero e regolamentazione su imprese; 5. credito e lavoro.

Nel 2018, l’Italia si è collocata all’ 80° posto in classifica con 62,20 punti su 100, rientrando così tra le economie “moderatamente libere”.

Il punteggio è uguale a quello dell’anno precedente, anche se abbiamo perso una posizione. Rispetto al 2000, lo abbiamo migliorato di appena 0,60 punti, ma da allora siamo scesi di 11 posizioni.

In Europa, la Spagna, al 57° posto, è passata dal 1995 – primo anno delle rilevazioni – ad oggi da 62,80 a 63,90 punti, superandoci per tutto il periodo di riferimento. La Francia, al 71° posto, con un punteggio di 64,40 punti a metà degli anni Novanta, nel 2018 si attesta a 63,80 punti.

La Germania con un punteggio di 69,80 punti nel 1995, negli anni ha saputo migliorare arrivando lo scorso anno a ben 73,50 punti (al 24° posto), rientrando tra le economie “ampiamente libere”.

Ancora meglio hanno fatto e continuano a fare gli stati anglosassoni, come USA e Regno Unito. L’economia britannica nel 2018 ha confermato un punteggio di 78,90 punti (al 7° posto) che mantiene da diversi anni, mentre gli USA nel 2018 hanno perso 1 punto, con i 76,80 del 2018 contro i 76,70 degli anni precedenti (al 12° posto).

Anche questi due paesi fanno parte delle economie “ampiamente libere” e il Regno Unito, anzi, si avvicina agli 80 punti necessari per fare parte delle economie semplicemente “libere”: un club ristrettissimo di soli 6 paesi, stando ai dati del 2018, ossia Hong Kong (90,20), Singapore (89,40), Nuova Zelanda (84,40), Svizzera (81,90), Australia (80,90) e Irlanda (80,50).

Il binomio libertà-crescita

Ciò che si evince dall’indagine di Heritage Foundation, è il rapporto diretto esistente tra il grado di libertà economico riscontrato e il tasso di crescita medio delle suddette economie. Lo conferma il fatto che l’Italia, tra le “grandi economie”, è quella che cresce meno, e non è riuscita a recuperare i livelli di ricchezza del 2007, perduti con la crisi esplosa l’anno successivo.

La Francia è l’altra grande economia europea che cresce poco, seppure a ritmi superiori ai nostri. Parigi condivide infatti con Roma un elevato peso dello stato nell’economia, con una regolamentazione minuziosa e soffocante di ogni aspetto del mercato (vedi alla voce burocrazia).

La Germania, invidiata per il suo modello economico altamente efficiente, risulta dopo il Regno Unito il secondo paese tra i grandi del continente per libertà economica, confermando il binomio libertà-crescita.

I Paesi del mediterraneo

I dati riportati sono un segnale dei mali della nostra economia, accomunata ad altri Paesi del Mediterraneo per scarsa tutela del mercato. In effetti oltre alla Grecia (106° posto con 57,7 punti) troviamo nella parte bassa della classifica Paesi come la Tunisia (125° posto con 55,4 punti), il Montenegro (al 92° posto con 60,5 punti) e la Croazia (86° posto con 61,4 punti). Mentre altri Paesi del bacino del Mediterraneo presentano un buon grado di libertà economica. E’ il caso della Romania (42° posto con 68,6 punti), dell’Albania (52° posto con 66,5 punti) e della Turchia (68° posto con 64,6 punti).

Conclusioni

In sostanza, i Paesi che non crescono (o crescono poco) soffrono di un male che possiamo definire “paternalismo dirigista degli stati”. Il problema è reso ancora più drammatico dal fatto che molti governi ritengono essere la soluzione ai problemi delle rispettive economie, mentre in realtà ne costituisce una concausa forte. Ne è un esempio la Grecia, dove la pressante ed asfissiante presenza dello Stato ha determinato un “quasi” default. L’Italia è la perfetta rappresentazione di questa cultura poco incline al libero mercato, che può portare nel tempo al cosiddetto “punto di non ritorno”.

O meglio, esiste un 'liberismo' di formazione italiana, ma che non corrisponde esattamente alle teorie classiche di Adam Smith,  e nemmeno al 'laissez-faire' francese, ma a qualcosa che si può definire più precisamente come una sorta di anarchia economica, dove ognuno pensa di farsi le proprie regole, e dove la burocrazia è di fatto un 'settore economico' che può arrivare a valere circa il 2% del PIL italiano.

Andrea Lodi



Andrea  Lodi
Andrea Lodi

Vivo a San Prospero, in provincia di Modena. Sono aziendalista, specializzato in Pianificazione Strategica. Giornalista economico, da gennaio 2009 curo “Economix“, la rubrica ..   Continua >>



Articoli Correlati
'Commissione Bibbiano, M5S inizia opera di insabbiamento'
Politica
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:74179
Lgbt, la legge è stata approvata dopo 51 ore di dibattito: asse ..
Politica
27 Luglio 2019 - 06:19- Visite:47351
'Bibbiano è la pagina peggiore della storia della nostra Repubblica'
Politica
03 Ottobre 2019 - 18:18- Visite:24105
'Neonato morto: col punto nascite di Pavullo aperto, rischio ridotto'
La Provincia
02 Novembre 2017 - 20:41- Visite:16907
'Qui il Pd controlla tutto: molti non si espongono temendo ritorsioni'
Politica
23 Novembre 2017 - 22:50- Visite:15226
'Modena: Euro 4 vietati, ma inceneritore a tutto gas. E' assurdo'
Politica
05 Settembre 2018 - 22:21- Visite:14337
Economia - Articoli Recenti
Coronavirus, quali garanzie nei punti..
Una nostra lettrice di Nonantola ha inviato ieri alla redazione de La Pressa una serie di ..
19 Marzo 2020 - 19:12- Visite:391
Bper, riviste le condizioni per la ..
Obiettivo di tale accordo è la revisione del meccanismo di calcolo per la determinazione ..
19 Marzo 2020 - 19:05- Visite:218
Coop: chiusura di tutti i punti ..
Coronavirus: Coop Italia ha deciso la chiusura degli oltre 1100 punti vendita su tutto il ..
16 Marzo 2020 - 20:24- Visite:790
FCA chiude stabilimenti in europa: ..
'La sospensione temporanea, che sara' in vigore fino al 27 marzo. Implementato il lavoro in ..
16 Marzo 2020 - 11:22- Visite:284


Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:59289
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:48393
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52- Visite:30094
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:29960