La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliEconomia

Società Dolce, bilancio positivo: utili per oltre 400mila euro

La Pressa
Logo LaPressa.it

Un fatturato di oltre 104 milioni, incrementato del 3,8% rispetto all’anno precedente


Società Dolce, bilancio positivo: utili per oltre 400mila euro

Approvato dall’assemblea dei Soci della Cooperativa, con 99 voti favorevoli, il bilancio di esercizio 2019 della Cooperativa Sociale Società Dolce, un’assemblea che per la prima volta nella sua storia si è tenuta senza la presenza fisica dei soci. In considerazione dell'emergenza legata all'epidemia Covid-19, che obbliga tutti noi ad un limitato assembramento, l’adunanza si è infatti svolta questa mattina, martedì 14 luglio 2020, attraverso la figura del “Rappresentante Designato', a cui ogni Socio, che ha voluto esprimere la propria volontà, ha inviato le istruzioni di voto.

“Il 2019 si conclude con un risultato positivo: +414.384 Euro di utile, dopo le imposte, e un Valore della produzione che supera i 104 milioni di euro (104.327.932, per la precisione), con un incremento rispetto al 2018 del 3,8%” - afferma Pietro Segata, presidente della cooperativa Sociale Società Dolce (nella foto).

“Un risultato decisamente positivo – prosegue Pietro Segata -, frutto della determinata e costante azione di consolidamento dei nostri costi e ricavi per prestazioni rese nei territori ove siamo radicati da anni (Emilia Romagna, Lombardia e Veneto), che consolida il traguardo raggiunto nel 2018. Ancor più soddisfacente se si pensa che nel 2019 la Cooperativa ha ceduto ad altra Cooperativa Sociale il Ramo d’Azienda Friuli Venezia Giulia ed ha sostenuto il rinnovo del CCNL di riferimento. Nel triennio 2017-2019 Società Dolce è cresciuta con una percentuale che è oltre il +30%. Solo un buon e ben condotto equipaggio avrebbe potuto compiere questa impresa mantenendo la rotta, contrastando venti e correnti avverse. Oggi l’imbarcazione ha raggiunto un approdo sicuro: Società Dolce si conferma tra le prime dieci realtà di settore del Movimento Cooperativo in Italia. Nel 2019 la nostra attenzione e il nostro impegno sono stati rivolti prioritariamente al mantenimento dei nostri standard nell’erogazione dei servizi, all’assunzione di nuove risorse umane qualificate in alcune funzioni strategiche e al mantenimento di un equilibrio reddituale e finanziario indispensabile per un adeguato sostegno allo straordinario sviluppo di cui siamo stati artefici e protagonisti negli ultimi anni”.

Nell’anno, infatti, Società Dolce ha attraversato un importante cambiamento strategico ed organizzativo con la cessione del Ramo d‘Azienda Friuli Venezia Giulia, prima dell’estate, che ha portato a ridurre da cinque a quattro le Regioni in cui la Cooperativa opera, a cui sono seguite, in autunno, altre dismissioni di attività a minor impatto economico e patrimoniale, e una riorganizzazione delle Aree di Produzione. Sull’occupazione, le scelte sopra richiamate, non hanno avuto un impatto negativo essendo state prontamente compensate dall’acquisizione di nuovi servizi tra i quali vanno annoverati i Centri Diurni per Disabili di Trezzano sul Naviglio e di Lainate, nell’Area Metropolitana di Milano, l’Hospice, a Cremona, il Nido e la Scuola dell’Infanzia della Fondazione “Gualandi”, a Bologna, e i Nidi d’Infanzia di Sant’Agostino e Poggio Renatico nella Provincia di Ferrara.

Il numero degli addetti al 31 dicembre 2019 si è mantenuto quindi ampiamente sopra alle 3.000 unità, per la precisione 3.285 unità, con una differenza di genere ancora significativa: 2.846 donne (pari all’86,6%) e 439 uomini.

Aumentato considerevolmente inoltre il numero delle lavoratrici e dei lavoratori, non Soci, a tempo indeterminato, portandosi ad una quota significativa di 1.172 unità (erano 880 unità al 31 dicembre 2018), per effetto delle stabilizzazioni degli under 35 anni, categoria favorita dalle politiche e dai benefici introdotti definitivamente dalla Legge n. 96/2018. La Cooperativa ha infatti stabilizzato, nell’anno 2019, ulteriori 200 lavoratrici e lavoratori, di cui il 47,5% è rappresentato da under 35, attraverso la trasformazione a tempo indeterminato dei loro contratti a tempo determinato (che si aggiungono ai 300 assunti e trasformati a tempo indeterminato nel corso del 2018) ed ha assunto direttamente a tempo indeterminato ulteriori 272 lavoratori, di cui il 61,8% under 35.

Il primo trimestre 2020 ha portato ottimi risultati, ma la pandemia da COVID-19 ha sovvertito qualunque previsione sugli esiti dell’esercizio 2020: dalla fine di febbraio sono state sospese, in forza dei provvedimenti dello Stato e delle Regioni, diverse unità d’offerta della Cooperativa con conseguente temporanea contrazione del valore della produzione (-40%) e ricorso massiccio agli ammortizzatori sociali (Fondo Integrazione Salariale) per oltre 1.500 addetti. La Cooperativa ha comunque mantenuto in vita diverse attività, in particolare tutte le residenze per persone non autosufficienti e/o non autonome e tutti i servizi a domicilio, garantendo un adeguato presidio per contrastare il virus, occupazione per oltre 2.000 addetti e flussi di cassa che hanno permesso di soddisfare tutte le obbligazioni correnti per retribuzioni, forniture, finanziamenti, ecc.

Salvaguardare 3.500 occupati stabili e il ruolo sussidiario che ha svolto il Terzo Settore in questa drammatica evenienza è un imperativo per tutti noi che ne abbiamo scritto la storia e una responsabilità pubblica per tutti coloro a cui interessa un sistema di welfare diffuso e partecipato” – chiosa Pietro Segata.


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Società Dolce gela Comune: 'Non investiamo più su Cra Madonnina'
Politica
21 Febbraio 2020 - 10:59- Visite:1453
Cra Madonnina, Comune la prende male: 'Verifichiamo aspetti legali'
Politica
21 Febbraio 2020 - 16:18- Visite:572
Economia - Articoli Recenti
Magazzino Coop Anzola, i lavoratori: ..
La lettera: 'Negli anni molti di noi hanno dato la loro salute per servire la Coop con onore..
11 Settembre 2020 - 19:03- Visite:1778
Modena, crolla l'export: -16,6% nel ..
In regione Modena è sempre seconda per valore assoluto di export con il 19,5% delle ..
11 Settembre 2020 - 12:54- Visite:386
Moratoria pagamenti: c'è l'accordo ..
Con un emendamento al Decreto Legge il Ministro si impegna a spostare al 30 ottobre la ..
11 Settembre 2020 - 12:28- Visite:164
Coop Alleanza 3.0, sabato 'dona ..
Il sostegno alla scuola continua fino al 25 novembre con l’iniziativa 'Coop per la scuola'..
10 Settembre 2020 - 12:55- Visite:386


Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:61789
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:55524
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:31824
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52- Visite:31576