Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliParola d'Autore

Chioschi, la prescrizione dei reati ha salvato la edificazione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Italia Nostra: 'Non si dica più, anche ufficialmente, che questo è il Parco della Rimembranza. Lo si cancelli dall'elenco dei pubblici monumenti'


Chioschi, la prescrizione dei reati ha salvato la edificazione


La revoca del sequestro dei cantieri edilizi fermati nel Parco della Rimembranza fu disposta nel giugno 2017, con la sentenza di assoluzione. Stupì che non fossero immediatamente ripresi i lavori. Ma il Pubblico Ministero aveva proposto l’appello e non era follia supporre che la Corte di Bologna avrebbe capovolto la decisione fondata dichiaratamente sulla mancata prova della norma oggetto della contestata violazione (proprio così: “Nel processo de quo non è stata raggiunta la prova certa di quale fosse la normativa applicabile in ragione della classificazione della zona interessata e delle opere di cui al progetto di riqualificazione”). La prudenza suggeriva dunque di confidare nei tempi della giustizia e attendere che maturasse la prescrizione dei due reati contestati (sono contravvenzioni). E irreparabilmente la prescrizione ha appunto chiuso la vicenda nello scorso gennaio.

E’ grave offesa alla magistratura lasciare intendere (come non si è trattenuto dal fare, in una recente dichiarazione alla stampa, l’assessore di allora) che il Pubblico Ministero (richiedendo il sequestro dei cantieri edilizi per reati procedibili d’ufficio ed esercitando poi l’azione penale), il Gip (disponendo il sequestro), il Tribunale del riesame, tre magistrati (confermando la misura cautelare) si siano fatti strumento della “fanatica e insensata volontà di Italia Nostra e del suo presidente”.

Ricordiamo perché il Gip diede il sequestro: “Non v’è dubbio che l’autorità comunale abbia rilasciato i permessi edificatori in contrasto con il citato art.13.21 [norma del vigente piano regolatore], consentendo all’interno del parco l’inserimento di edifici in elevazione aventi carattere stabile in luogo dei preesistenti chioschi aventi strutture non stabilmente ancorate al suolo […], significativamente aumentata la superficie coperta”. E poi “… i permessi edificatori debbono ritenersi illegittimi [anche perché] l’area è riconosciuta come di interesse culturale di appartenenza pubblica [… e] ad essa è applicabile ogni disposizione del Decreto legislativo 22/01/2004, n. 42 [il codice dei beni culturali] che prevede esclusivamente interventi di manutenzione e restauro e non certo interventi modificativi della situazione preesistente”.

E leggiamo perché il Tribunale del riesame confermò il sequestro: “… la progettazione di una serie di strutture da adibire ad esercizi pubblici per la somministrazione di cibi e bevande indipendentemente dai cicli dei giorni e delle stagioni possono configurare profili di danneggiamento di bene culturale e di destinazione di esso ad uso incompatibile con il suo carattere storico”. “Le finalità perseguite dal Comune con l’adozione del piano di riqualificazione urbanistica e di avviamento commerciale […], anche mediante la costruzione di nuovi manufatti […], paiono finalità differenti da quelle di conservazione del bene e di tutela della sua destinazione, a cui sole dovrebbero ispirarsi gli interventi su di un bene culturale secondo la normativa vigente. Gli interventi progettati dal Comune parrebbero tendenti a stravolgere l’identità del bene culturale, privandolo di quelle caratteristiche di luogo storico e della memoria che gli sono state riconosciute per decreto, per trasformarlo mediante cementificazione in un polo attrattore di visitatori in ogni periodo dell’anno”. Mentre il professore emerito di fisiologia vegetale dell’Università di Bologna aveva valutato permanenti i gravi danni già procurati al complessivo organismo vegetale anche con l’espianto e il problematico reimpianto altrove (di non pochi tassi centenari!) e specie agli alberi dell’intorno ai chioschi in costruzione, dove aveva constatato che “le radici tagliate sono centinaia” e non sono certo rigenerabili in modo bilanciato.

Era il Parco consacrato alla memoria dei novecentosessanta cittadini modenesi caduti nella Grande Guerra, a ciascuno dedicato uno specifico apposito albero. Non si dica più, anche ufficialmente, che questo è il Parco della Rimembranza. Lo si cancelli dall’elenco dei pubblici monumenti (tali sono per legge del 1926 i parchi della rimembranza).

Italia Nostra sezione di Modena




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Giovanni Finali
Giovanni Finali

Educatore e Formatore, poi Coordinatore degli Educatori professionali del Comune di Modena, ha terminato la carriera presso la stessa Amministrazione in qualità di Istruttore Direttivo c..   Continua >>


 

Articoli Correlati
Sopravvivere al Vasco Modena Park
Che Cultura
16 Maggio 2017 - 14:27
Parco Ferrari, ritorna il tema della riqualificazione
Senza Memoria
03 Maggio 2017 - 18:34
Il palco di Vasco: sono iniziati i lavori
Che Cultura
30 Maggio 2017 - 21:15
Vasco, città blindata: 55 telecamere e 5500 vigilantes
Che Cultura
04 Giugno 2017 - 21:54

Parola d'Autore - Articoli Recenti
'Strage di Bologna, 42 anni fa io ..
Cristoni (Psi): 'Il comitato regionale del Psi era in via liberazione. Avevo con me i figli ..
02 Agosto 2022 - 16:51
Ma quale scandalo, l'Italia deve ..
La crisi in Ucraina non si risolve di certo mandando armi all'infinito e parlando solo con ..
29 Luglio 2022 - 10:54
Zelensky, la copertina di Vogue e le ..
Mentre gli ucraini muoiono e hanno perso tutto, questi due scherzano con i giornalisti, si ..
28 Luglio 2022 - 17:39
Ma davvero Draghi era la Salvezza? ..
Senza dimenticare che l'imposizione dell'obbligo vaccinale e il blocco del lavoro per i ..
24 Luglio 2022 - 20:24
Parola d'Autore - Articoli più letti
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime ..
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo ..
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23