IO VOTO
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
IO VOTO
articoliPolitica

Casari, l'orgoglio dopo l'assoluzione: 'Dai vertici Cpl solo silenzio'

La Pressa
Logo LaPressa.it

E l'ipotesi di un ritorno: 'Sono stati pazzi ad azzerare una classe dirigente. Io una mano a Cpl la darò sempre'


Casari, l'orgoglio dopo l'assoluzione: 'Dai vertici Cpl solo silenzio'

‘Io per la Cpl ci sarò sempre’. Così Roberto Casari ieri sera in una lunga intervista andata in onda su Tvqui. L’ex presidente della Coop di Concordia ha parlato all’indomani della assoluzione in primo grado dall’accusa di concorso in associazione camorristica. Una intervista nella quale Casari attacca duramente gli attuali vertici Cpl (Gori e Barbieri) dai quali dice di non aver avuto alcuna telefonata dopo l’assoluzione e chiede un miliardo di euro per i danni subiti dalla Cpl stessa a causa del procedimento giudiziario finito (per ora) in nulla. E poi una ampia digressione sui rapporti tra Cpl e Modena Calcio con Casari che ha spiegato la sua scelta di vendere la società (Cpl deteneva l’80 per cento di Ghirlandina sport) a Antonio Caliendo, preferendolo a Stefano Bonacini, patron del Carpi.

POTEVA CAPITARE A CHIUNQUE

'La cosa preoccupante della mia vicenda è che è capitata a me, ma poteva capitare a chiunque. Almeno, avrei gradito che dopo tanto parlare dell’arresto e delle inchieste, si fosse parlato altrettanto dell’assoluzione di queste famigerate cooperative rosse' - ha detto Casari che sulla freddezza con cui Cpl e Legacoop hanno accolto l'assoluzione ha detto: 'Non lo so, ecco magari è stata l’occasione per scoprire una volta di più come queste persone abbiano da subito cavalcato più l'idea che io fossi da condannare, per cui l'ultima cosa cui erano preparati era la mia assoluzione. Ricordo che io sono andato giù a lavorare perché me lo aveva chiesto il segretario dell’Antimafia, per dare un segno positivo anche su quei territori'. E su Cpl ha aggiunto: “Io non ho avuto grande collaborazione da parte di CPL nel poter costruire una difesa ancora più dettagliata, mi sono dovuto affidare ai miei ricordi… fortunatamente sono di Mirandola, e noi avevamo Pico. Io ho una grande memoria. Questa freddezza da parte del mondo cooperativo mi ha sorpreso, solo Zini e Pacchioni mi hanno mandato un messaggino dopo l’assoluzione, da parte di tutti gli altri solo un silenzio assordante. Mi ha chiamato il mondo intero per felicitarsi, la cooperazione no. Non lo so, si vede che negli ultimi due anni la cooperazione è cambiata”.

PRESIDENTE PER 40 ANNI

“Io oltre che presidente di una cooperativa sono un dipendete, per cui se non faccio più il presidente devo andare a fare qualcosa altro, finchè non vado in pensione. Comunque i miei soci mi avrebbero tenuto altri quaranta anni, perché non ho mai avuto privilegi. Mi si dice che non avevo creato una struttura dirigenziale adeguata? Quando sono stato a casa le seconde linee c'erano, ma non hanno avuto il tempo di essere messe alla prova. Io dico che ci vuole un pazzo a pensare che hanno fatto bene a mandarle a casa. E poi pensiamo alla vicenda personale di Pino Cinquanta… - ha detto Casari - Quelli del movimento cooperativo molto probabilmente non si sono fatti sentire perché avevano dato per scontato come andava a finire, e chissà in quanti salotti si sono vantati di aver fatto bene le cose estromettendo quelle persone'.

LE LETTERE ANONIME

L'ex presidente Cpl è intervenuto anche sulle lettere anonime con cui un gruppo di soci ha chiesto il suo ritorno alla guida di Cpl. 'Alle lettere non puoi non rispondere dicendo che sono anonime. Succedeva anche con Ciro Menotti… Quelle lettere dicono che ci sono delle preoccupazioni, e se mi mandano una lettera anonima io mi sento in colpa perché non sono stato in grado di condividere l’idea democratica per cui tutti han diritto di esporre le proprie idee. Lo diceva anche Sandro Pertini: non condivido le tue idee ma combatterò fino alla morte perché tu le possa esprimere'. E sul merito delle lettere: 'L’ipotesi di fusione con Coopservice non ha niente a che vedere culturalmente coi valori di Cpl, ricordiamo bene del resto lo scandalo che investì nel 2007 Coopservice con la quotazione in borsa di Servizi Italia e le dimissioni del presidente Rinaldini'.

RISARCIMENTO

'E' evidente che sono stato un capro espiatorio, da subito su questa vicenda qualcuno ha voluto mettere al rogo Savonarola. Ma ora lo Stato deve risarcire. Massimiliano D’Errico è stato assolto, il tribunale ha stabilito che le cose di cui era accusato non sono non le aveva fatte, ma neanche le aveva pensate. Dopo un anno e mezzo, con l’archiviazione, D’Errico ha presentato richiesta di rimborso di 10 milioni di euro. Grazie alla Legge sulla responsabilità dei giudici. Se io fossi operativo in CPL direi: tiriamo fuori le calcolatrici e chiediamo almeno 1 miliardo. E come tutti i provvedimenti che l’hanno colpita – fuori dalla white list, blocco rapporti con banche ecc. – sono stati così rapidi, adesso lo Stato risarcisce. Con la stessa velocità. Questa è una sentenza di primo grado che va risarcita immediatamente. Non si può aspettare che le aziende muoiano. Io ho sofferto, tanto, ma ho sempre pensato alla sofferenza dei soci, e di quella del mondo cooperativo... c'è chi ha tolto gli adesivi CPL dalle auto di servizio perché li insultavano ai semafori dando loro dei mafiosi. E dire che siamo in un Paese in cui siamo tutti innocenti fino a prova contraria. Ma provi a pensare: la CMB ha fatto l’ultimo tratto della Salerno-Reggio Calabria… sbuca uno con una confessione… e il presidente di CMB fa la mia stessa fine. Non mi hanno mai interrogato, mi hanno messo in galera. E poi i giornali: dieci pagine per arresto, adesso mi dai dieci pagine perché sono stato assolto!”

IL RITORNO

E Casari non nega neppure un suo possibile ritorno in Cpl. 'La cosa più brutta che può capitare è che mi rimpiangiate. Ma io una mano alla CPL la darò sempre, e non per soldi. Non si può dire 'non me ne frega niente' di fronte alle preoccupazioni, mi fa piacere che qualcuno ponga degli interrogativi e a questi non si può non rispondere. Sul fatto poi che i gruppi dirigenti costino più o meno, non è quello il problema: i coglioni sono cari a tutti i prezzi'.

Leo




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Giuseppe Leonelli
Giuseppe Leonelli

Direttore responsabile della Pressa.it.
Nato a Pavullo nel 1980, ha collaborato alla Gazzetta di Modena e lavorato al Resto del Carlino nelle redazioni di Modena e Rimini. E' stato ..   Continua >>


 
 

Acof onoranze funebri

Politica - Articoli Recenti
Elezioni Politiche, in Emilia-Romagna..
58 gli onorevoli uscenti in cerca di conferma. Domenica 25 settembre chiamati alle urne ..
24 Settembre 2022 - 11:05
Sicurezza, Golinelli (Lega) risponde ..
Il Consigliere comunale e candidato Lega nel merito della lettera inviata a mezzo stampa dal..
23 Settembre 2022 - 17:57
Carceri emiliano-romagnole ..
Maria Laura Mantovani, parlamentare uscente e ricandidata M5S: 'Il S.Anna di Modena, ..
23 Settembre 2022 - 16:39
Corti (Lega): 'Dalla Von der Leyen ..
'Evidentemente la Von der Leyen immagina una sorta di ‘Unione Sovietica d’Europa’ ..
23 Settembre 2022 - 16:08
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58