Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Onoranze funebri Gibellini
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Centri disabili, FI: regolamento iniquo, il Comune lo cambierà

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'Assessore Pinelli risponde ad una interrogazione di Forza Italia: regole applicate a Modena difformi dalla normativa nazionale Isee


Centri disabili, FI: regolamento iniquo, il Comune lo cambierà

“Tutto confermato, avevamo visto giusto, e con noi le famiglie dirette interessate. Il regolamento del Comune di Modena per l'accesso ai centri socio riabilitativi residenziali e diurni per persone con disabilità e sui criteri di contribuzione per concorrere al pagamento del servizio, risulterebbe in violazione con quanto disposto dalla recente normativa nazionale e regionale, comportando per gli utenti dei servizi residenti nel Comune di Modena il pagamento di cifre maggiori rispetto a quelle pagate da altri utenti, nelle stesse condizioni economiche, residenti in altri Comuni. Il Comune di Modena lo ha riconosciuto e ha confermato la volontà di procedere alla modifica del regolamento. Siamo molto soddisfatti di questo risultato che pone le condizioni per garantire equità agli utenti residenti nel Comune di Modena. L'invito al Comune ora è di procedere in tempi brevissimi”.


Così il capogruppo di Forza Italia in Consiglio Comunale a Modena Piergiulio Giacobazzi a commento della risposta dell’Assessore ai Servizi Sociali Roberta Pinelli all’interrogazione presentata nel novembre scorso.

“Ad oggi – spiega Giacobazzi - il regolamento adottato a Modena risulterebbe violare la normativa nazionale ISEE. In particolare non rispetterebbe le disposizioni derivanti dalla sentenza del Consiglio di Stato del Febbraio 2016, che ha sancito come pensioni di invalidità, accompagnamento, assegni di cura, essendo finalizzate a compensare il bisogno di assistenza continuativa di soggetti che non sono in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, non possano essere in alcun modo essere considerate ricchezza tale da essere calcolata come entrata ai fini del calcolo della compartecipazione.


Se a livello regionale tale principio è stato accolto, in cascata non è avvenuto sul piano locale, del Comune di Modena, creando una disparità nel calcolo per gli utenti residenti nel comune di Modena rispetto a quelli in altri comuni.

'Anche in considerazione della modifica apportata a livello regionale con la legge 23/2019 e considerate le valutazioni contenute in alcune sentenze' - ha affermato l'assessore Pinelli si è avviato un percorso di revisione del Regolamento e già nelle prossime settimane sarà sottoposta alla Commissione consiliare, e successivamente al Consiglio, una proposta di modifica.

“La proposta di modifica del Regolamento che sarà discussa intende superare le possibili incertezze interpretative e assicurare un più fedele allineamento al vigente quadro normativo nazionale in materia di Isee applicato alle prestazioni sociali agevolate destinate a disabili, rispondendo anche a diverse sollecitazioni in merito. Il nuovo regolamento potrebbe trovare applicazione orientativamente dalla seconda metà dell’anno”, ha aggiunto l'assessore ai servizi sociali che in risposta alla richiesta contenuta nell'interrogazione sui numeri dell'utenza che hanno frequentato i centri disabili, ha fornito i seguenti dati: i disabili che hanno frequentato i centri socio-riabilitativi nel 2018 sono stati 314 dei quali 103 i residenziali e 132 i diurni; nel 2019 sono stati invece 329, di cui 106 i residenziali e 144 i diurni.
La tariffa media della quota di compartecipazione al servizio versata dalle famiglie per la frequenza del diurno è stata di 5 euro al giorno a fronte dei 124 nel 2018 e dei 128 euro nel 2019) riconosciuti ai gestori del servizio. Per quanto riguarda invece i centri residenziali la tariffa media pagata dalle famiglie è stata di 28 euro nel 2018 e di 32 nel 2019, con punte massime di circa 45 euro a fronte di una spesa media riconosciuta al gestore di 183 euro nel 2018 e 187 nel 2019.

Dopo aver chiesto la trasformazione in interpellanza, Giovanni Bertoldi (Lega Modena) ha ribadito che “finalmente, nel 2019 anche la Regione ha recepito le norme nazionali che, speriamo, ora vengano applicate anche a Modena”. Concludendo, ha chiesto “se siano previsti rimborsi per le persone che finora hanno pagato cifre più alte rispetto a quanto dovuto in base alle sentenze”.

Nella replica, il consigliere Giacobazzi ha commentato che l’imminente arrivo di un nuovo regolamento “fa presumere che quello attuale violi la normativa di riferimento. Sono molte le famiglie che, a Modena come in altre città, sono pronte a presentare ricorsi per far valere le proprie ragioni”. Secondo il consigliere, inoltre, “a Modena viene sempre applicato il coefficiente massimo per la tariffazione, a differenza di altri Comuni dove le famiglie pagano molto meno”.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Forza Italia: 'Spese folli per immigrati a Modena, ora basta'
Politica
12 Agosto 2020 - 16:16- Visite:5927
Covid a Modena, sindaco Muzzarelli da presenzialista a uomo invisibile
Politica
22 Aprile 2020 - 15:22- Visite:4968
Focolaio in centro disabili a Modena: 20 operatori e 7 ospiti positivi
Pressa Tube
13 Novembre 2020 - 10:37- Visite:4645
'Caro Sindaco lo ammetta, Modena umiliata dal ministro Lamorgese'
Politica
08 Settembre 2020 - 16:08- Visite:3778
Residenze fittizie a senza dimora, Giacobazzi: 'Casi anche a Modena?'
Politica
14 Settembre 2021 - 18:13- Visite:2647
Isee 2021 e modulo Red senza problemi
Pressa Tube
05 Febbraio 2021 - 19:37- Visite:2202

Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi così tanto tempo ..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39- Visite:12412
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16802
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:14180
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi «perfettamente integrati» E la Camorra ora «è più presente»
02 Gennaio 2014 - 13:54- Visite:13285
Quelli di Prima - Articoli più letti
AeC, la moglie di Muzzarelli nel ..
L’azienda, coinvolta nell’inchiesta ‘Cubetto’, finanziò la campagna elettorale del ..
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:22095
Libera, le consulenze di Enza Rando
L’avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16802
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25- Visite:14180
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06- Visite:13391