La Pressa redazione@lapressa.it Quotidiano di approfondimento Politico ed Economico
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliPolitica

Mafie, a sorpresa ok a un nuovo rito abbreviato al processo Aemilia

Data: / Categoria: Politica
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Chi sceglierà questo rito beneficierà, in caso di condanna, di uno sconto di un terzo della pena. E le udienze sono precluse alla stampa


Mafie, a sorpresa ok a un nuovo rito abbreviato al processo Aemilia

Ci sarà un nuovo rito abbreviato nel processo Aemilia contro la ndrangheta, che sarà celebrato a Reggio Emilia in parallelo al rito ordinario in corso e con il medesimo collegio, presieduto da Francesco Maria Caruso. E' emerso dall'udienza di questa mattina dove è arrivata l'attesa ordinanza del tribunale sul 'rebus' giuridico relativo alle modifiche delle accuse, chieste l'8 febbraio scorso dalla Pm della Dda Beatrice Ronchi per 34 imputati. I nuovi capi di imputazione riguardavano in primis il cosiddetto 'capo 1' (il reato previsto dall'articolo 416 bis aggravato), cioè 'la partecipazione ad un'associazione di stampo 'ndranghetistico' nelle province di Reggio Emilia, Parma, Piacenza e Cremona. Reato che l'accusa -sulla base dei fatti emersi nel dibattimento- ha chiesto di poter contestare agli imputati non solo fino alla data del loro arresto (il 28 gennaio 2015), ma ad un mese fa, fino a quando si sarebbero protratti. Inoltre, se per alcuni imputati la modifica del capo di imputazione riguardava solo 'le specifiche modalità della persistente adesione al sodalizio anche in epoca successiva a quella dell'originaria contestazione', si aggravava in tesi di accusa la posizione di Gianluigi Sarcone e Luigi Muto (classe 1975). Dal 29 gennaio 2015, infatti, il loro ruolo avrebbe subito un'evoluzione 'da mera partecipazione ad assunzione di ruoli di maggior rilievo, quali sono quelli di direzione ed organizzazione del sodalizio criminale'.

Nell'ordinanza emessa oggi il Tribunale ha in primo luogo ammesso l'estensione dei capi di imputazione, che i legali della difesa avevano chiesto di respingere contestandone l'eccessiva genericità. Ma soprattutto, secondo Caruso, le nuove accuse 'integrano la fattispecie processuale dell'accertata diversità del fatto'. Di conseguenza, come previsto dalla legge e sulla base di una serie di sentenze fonte di giurisprudenza, gli imputati hanno diritto di chiedere, 'relativamente al fatto diverso emerso nel corso dell'struzione dibattimentale che forma oggetto della nuova contestazione', il giudizio abbreviato. Tradotto, chi sceglierà - questo rito - come già avvenuto nei mesi scorsi a Bologna- sarà giudicato solo sulla base degli atti attualmente inseriti nel fascicolo del Pm e beneficierà, in caso di condanna, di uno sconto di un terzo della pena. Gli imputati che proseguiranno con il procedimento ordinario in corso, stabilisce invece l'ordinanza, potranno chiedere anche nuove prove sui fatti modificati.

 La decisione è piovuta come un fulmine a ciel sereno sui difensori, che avrebbero dovuto dichiarare la propria posizione al termine di una pausa di mezz'ora dell'udienza. Di fronte alle rimostranze avanzate ('Cosi' non siamo sereni' e 'Faccio fatica a spiegare al mio cliente in così poco tempo questioni tecniche complesse che avranno un effetto concreto sulla sua vita'), Caruso ha acconsentito di rimandare la questione a martedì prossimo. Ammonendo però: 'Bisogna arrivare preparati, sapendo già bene cosa si intende fare'.

Beninteso inoltre, che gli avvocati non parteciperanno all'astensione della categoria fissata per quel giorno. Il difensore del collaboratore di giustizia Salvatore Muto però ha già dichiarato che il suo assistito sceglie il rito abbreviato e lo stesso faranno di persona, come anticipato dai rispettivi legali, Antonio Floro Vito, Sergio Bolognino e Sergio Eugenio. La decisione della Corte ha creato un certo scompiglio anche tra le parti civili, che probabilmente dovranno costituirsi anche nel nuovo procedimento. Le udienze del rito abbreviato- va infine ricordato- si svolgono di norma a porte chiuse, senza quindi la presenza della stampa. 


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


Il pentito della 'Ndrangheta sulla dirigente del Comune di Modena: 'I ..
La Nera
27 Settembre 2017 - 12:00- Visite:11385
Quando la Rando scrisse che Prima Pagina era «informazione a ..
Politica
28 Marzo 2017 - 18:25- Visite:11238
Maxi sequestro per un imprenditore edile modenese «contiguo alla ..
La Provincia
15 Giugno 2017 - 18:54- Visite:11071
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Politica
25 Marzo 2017 - 13:54- Visite:11064
Il fratello del nonno della dirigente modenese Maria Sergio era il ..
La Nera
10 Ottobre 2017 - 17:20- Visite:10901
Processo Aemilia e 'ndrangheta: si indaga sul ruolo del dirigente Cna,..
Economia
19 Agosto 2017 - 07:00- Visite:10600
Politica - Articoli Recenti
Il 25 aprile di Modena
Alle 8.30 alzabandiera in piazza Roma. Banda e discorsi in piazza Grande. ..
25 Aprile 2018 - 05:09- Visite:69
'Fondazione CRM, da Luigi Mai ..
Pressing dei consiglieri di Forza Italia dell'Unione Comuni area nord ..
25 Aprile 2018 - 00:38- Visite:130
'Sassuolo, equilibrio bilancio a rischio..
La denuncia, in vista della discussione di giovedì in Consiglio Comunale ..
25 Aprile 2018 - 00:03- Visite:39

Derma Più

Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:114852
Restituiti a Gatti e Montanari i pc, i ..
Laboratorio e casa dei due ricercatori oggetto del blitz della Finanza il ..
22 Marzo 2018 - 08:51- Visite:39240
Censura Lorenzin: 'Il Sindaco blocchi la..
Il Ministro e candidato ha scritto a Giancarlo Muzzarelli chiedendo di ..
14 Febbraio 2018 - 17:23- Visite:36709

Assiteca

 

Feed RSS La Pressa