Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Numeri alti ma Rt in calo, Bonaccini anticipa la scadenza della 'sua' ordinanza e punta alla zona gialla dal 27

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il sottosegretario alla presidenza della Regione Baruffi: 'Decisiva la prossima settimana'. Obiettivo, arrivare con dati migliori a venerdì, quando il ministro confermerà o meno i colori delle fasce delle regioni


Numeri alti ma Rt in calo, Bonaccini anticipa la scadenza della 'sua' ordinanza e punta alla zona gialla dal 27

Rimane a doppia cifra (11,3) la percentuale dei soggetti positivi riscontrati sul numero dei tamponi eseguiti, ma allo stesso tempo l'indice di contagio del virus, identificato con la sigla Rt (che a livello nazionale e regionale viene aggiornato e pubblicato ogni settimana), continua a scendere, passando dall'1,4 della scorsa settimana a all'1,14 di ieri. 'Se la stabilizzazione dei casi e l’ulteriore flessione dell’indice Rt della nostra regione, per la quarta settimana di seguito, continuerà a scendere, potremo ben sperare' - ha affermato il sottosegretario alla Presidenza della regione Emilia-Romagna Davide Baruffi. Una speranza legata alla possibilità, per la regione Emilia-Romagna, di ritornare almeno in fascia gialla.

'L'obiettivo - ha fatto intendere lo stesso Baruffi confermando l'anticipo, da parte della Regione, della scadenza dell'ordinanza regionale del 12 novembre, dal 3 dicembre al 27 novembre - è quello di porre le condizioni per il passaggio in fascia gialla il 27 novembre ovvero quando il ministro della Salute sarà chiamato a riesaminare il proprio provvedimento che ha spostato l’Emilia-Romagna in fascia arancione'

L'anticipo della scadenza per gli effetti dell'ordinanza regionale è stato inserito all'interno dell'ultima ordinanza regionale emanata ieri sera che modifica di poco quella precedente (integrando alcune categorie merceologiche relative alla cura della persona e della casa in quelle che possono essere vendute anche nei supermercati nel fine settimana). Una ordinanza risultata soprattutto funzionale ad inserire una nuova scadenza negli effetti dell'ordinanza stessa, anticipata di una settimana, dal 3 dicembre al 27 novembre, allo scopo di armonizzarla con quella fissata dal ministero per rivedere o confermare le colorazioni delle regioni. Attesa, appunto, per il prossimo 27 novembre.

In soldoni, l'ordinanza regionale, entrata in vigore un giorno prima di quella nazionale (che ha spostato la Regione Emilia-Romagna dalla fascia gialla a quella arancione) rischiava di imporre, fino al 3 dicembre, le medesime restrizioni anche nel momento in cui, il 27 novembre, il ministro Speranza decidesse, sulla base dei nuovi dati, di spostare la l'Emilia-Romagna in fascia gialla. L'ordinanza di ieri sera, passata quasi in sordina e resa pubblica poco prima delle ore 21, sembra avere soprattutto questo scopo: armonizzare le date di scadenza delle ordinanze per potere applicare le stesse misure dell'eventuale fascia gialla, nel momento in cui il ministro la decretasse.

A quella data, del 27 novembre, la Regione spera di arrivare con un indice Rt uguale o inferiore a 1. Per questo “in continuità con l’ordinanza adottata la settimana scorsa, sulla base dell’andamento epidemiologico- afferma il sottosegretario alla Presidenza della Giunta, Davide Baruffi- abbiamo ritenuto di confermare le misure ulteriormente restrittive introdotte anche per la prossima settimana. Fino a quando non scenderà sotto l'1 il virus continuerà a circolare pericolosamente'. E la prospettiva di ritornare in fascia gialla potrebbe sfumare.

Gi.Ga.

Nella foto il Presidente della Regione Stefano Bonaccini (risultato negativo al tampone di controllo ma ancora in isolamento a casa propria per proseguire le cure per la polmonite) ed il sottosegretario alla Presidenza Davide Baruffi




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06