Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al Canale YouTube de La Pressa
articoliSocieta'

'Cra, la Regione propone l'utilizzo di personale Ausl, aspettiamo i fatti'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Comitato libro verde riassume le proposte avanzate dall'Assessore regionale Donini nel tavolo di confronto sull'emergenza nelle strutture per anziani


'Cra, la Regione propone l'utilizzo di personale Ausl, aspettiamo i fatti'

Non soddisfa del tutto, nel merito, ma la risposta ottenuta dal Comitato Libro Verde (che riunisce a livello regionale operatori e famigliari di ospiti delle Cra e delle Rsa di Modena e dell'Emilia-Romagna) dall'Assessore regionale alla sanità Raffaele Donini, e scaturita nella seduta del tavolo regionale chiesto ed ottenuto dal comitato stesso sull'emergenza Cra, può considerarsi un primo, importante segnale da parte dalla Regione per mettere mano al sistema delle Cra durante e nel post emergenza Covid. Purtroppo, dopo il dramma dei contagi e delle morti del primo lockdown, la tragica storia di morti e del grande numero di contagi anche tra gli operatori, si sta ripetendo.
Presenti, pur a distanza, all'incontro con l'Assessore Donini la Presidente del Comitato Manuela Tonini ed il Vicepresidente Mauro Caffo.
Alle proposte avanzate dal Comitato alla Regione (e già illustrate martedì sera in piazza Grande dal Comitato), riquardanti, in sintesi, la necessità di servizi sanitari ausiliari di Medici e Infermieri nelle strutture con maggiori criticità e carenza di personale socio sanitario, l'agevolare le visite dei familiari all’interno delle CRA a minore rischio, e il garantire la rappresentanza dei familiari all’interno delle residenze attraverso organi formalmente riconosciuti, l'Assessore Donini, stando al resoconto del Comitato, avrebbe risposto proponendo l'inserimento, a supporto e a rinforzo all'interno delle Cra, di personale sanitario dipendente delle AUSL. Attraverso vari sistemi: la possibilità di utilizzare la libera professione, la richiesta di disponibilità di personale sanitario che è andato in pensione, e l'assunzione di chi è in fase di completamento dei corsi formativi.

'Le proposte avanzate dall’Assessore potrebbero (usiamo il condizionale) essere utilizzate per un periodo molto limitato, atte a far fronte al bisogno immediato, ma non sono utili a risolvere le carenze strutturali dei servizi socio-sanitari' - commenta il Comitato. 'Sono dichiarazioni non idonee a migliorare tutto l’impianto e risolvere i problemi alla radice: la maggioranza delle residenze anziani, comunità per disabili e malati psichici sono a gestione privata, nelle quali i lavoratori sono impiegati attraverso cooperative con stipendi bassi e tutele quasi nulle, oppure in quelle poche realtà a gestione pubblica come le ASP si utilizza un numero elevatissimo di personale di agenzia interinale, ossia precario e senza prospettive.
Questo automaticamente produce l’esodo del personale attualmente impiegato nelle CRA verso ospedali o le AUSL alla ricerca di condizioni lavorative migliori dal punto di vista remunerativo, prospettive di vita e stabilità, senza dimenticare la differenza dei carichi di lavoro.

Ciò dimostra errori di passate scelte indirizzate a tagli e privatizzazioni, con i nefasti risultati a cui è
necessario porre rimedio immediatamente. A riguardo abbiamo avanzato la proposta, che la Regione si faccia promotore con le ASP Pubbliche affinché diano luogo ad assunzioni dirette con contratti a lungo periodo e prospettive di stabilizzazioni, di tutto il personale impiegato attraverso agenzie interinali, i quali svolgono servizio all’interno delle CRA da molti anni acquisendo professionalità, ciò per limitare la fuga presso altri servizi incrementando la carenza di personale.

Questa scelta garantirebbe la continuità assistenziale elemento fondamentale nel lavoro di cura svolto nelle CRA. In merito prendiamo atto da parte della Regione nell’impegno di perseguire la strada della stabilizzazione'

Le visite dei famigliari

'Per quanto riguarda le visite ai familiari - - afferma la Presidente del Comitato Manuela Tonini -crediamo che la delicatezza di questo tema necessiti di risposte immediate, in quanto la situazione si protrae da troppi mesi. Nello specifico bisogna fare riferimento alle indicazioni del governo attraverso l’emanazione dei DPCM, di cui la Regione deve prendere atto emanando linee guida che siano attuabili in base ai singoli contesti. La maggioranza delle strutture presenti in Regione, non sono in condizioni di garantire gli standard di sicurezza, per i limiti strutturali più volte denunciati.
Purtroppo la decisione delle visite è derogata ai gestori delle singole strutture; in ogni caso evidenziamo la disponibilità da parte dell’assessore nel sensibilizzare la questione, attraverso una verifica territoriale dei vari servizi, con la fornitura di dati specifici che potranno permettere di avere un quadro più dettagliato e decidere le priorità d’intervento.

Siamo stati informati che la Regione ha provveduto all’acquisto di tamponi rapidi, che potrebbero agevolare le visite dei familiari.

A riguardo abbiamo espresso le nostre perplessità, sull’attendibilità dei risultati e su chi dovesse eseguire il tampone, dato che il personale impiegato nelle CRA è già oberato di lavoro.

Concludiamo con due punti che nella prospettiva futura, - augurandoci non troppo futura -, offriranno la possibilità di un cambiamento radicale.
Registriamo la disponibilità nel creare all’interno di ogni CRA (ex RSA) organi di rappresentanza dei
familiari, normati, che abbiano la possibilità di interfacciarsi con le istituzioni e la disponibilità a proseguire il confronto per rivedere tutto il sistema dell’accreditamento ed innalzare i parametri assistenziali e sanitari delle residenze per anziani, aumentando così il personale impiegato nella cura.
Il nostro auspicio resta quello di una gestione diretta del Pubblico e del Sistema Sanitario Nazionale a
garanzia di qualità e trasparenza.

Il Comitato Familiari e Operatori “Libro Verde” vigilerà mantenendo alta l’attenzione senza abbassare la guardia dinanzi a facili proclami, con la prospettiva di un prossimo incontro in cui monitorare l’andamento della situazione.
Auspichiamo che il confronto con le istituzioni possa proseguire con l’obiettivo di superare questo difficile momento e per un futuro ben diverso'


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Articoli Correlati
Troppi medici sospesi: chiude l'assistenza di IppocrateOrg
Societa'
01 Dicembre 2021 - 23:44- Visite:53369
Tegola sul Green Pass: i magistrati ne demoliscono le basi
Societa'
08 Agosto 2021 - 01:16- Visite:49601
Cra Formigine, operatrice sanitaria colta da malore dopo vaccinazione
La Provincia
05 Gennaio 2021 - 12:07- Visite:28579
Strage degli anziani nelle Cra, vergognoso scoprire 19 casi in un ..
Societa'
02 Aprile 2020 - 22:39- Visite:27689
Focolaio tra anziani vaccinati nella Cra: 68 positivi e 5 morti
Societa'
27 Ottobre 2021 - 10:00- Visite:18140
Covid con polmonite bilaterale: curato a casa dai medici di Ippocrate
Societa'
06 Settembre 2021 - 13:05- Visite:17690

Societa' - Articoli Recenti
Presidio ospedaliero Ausl Modena, Di ..
Tra i suoi compiti c’è il coordinamento organizzativo ed igienico-sanitario degli ..
23 Gennaio 2022 - 16:16- Visite:173
Covid, 2410 contagi a Modena. Due ..
I sintomatici sono 417, gli asintomatici sono 1993. Ventitrè le persone ricoverate in ..
23 Gennaio 2022 - 16:13- Visite:514
Covid, in Emilia Romagna otre 19mila ..
I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 152 ..
23 Gennaio 2022 - 14:55- Visite:703
Modena e Maranello: due nuovi parroci
La guida di San Francesco è stata affidata a don Paolo Monelli, 48 anni, che era a ..
23 Gennaio 2022 - 14:07- Visite:440
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:372706
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:322128
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:192220
Il sindacato dei carabinieri: ..
‘Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39- Visite:184476