Vagnini ai modenesi: 'Il virus non è finito, gli ospedali soffrono ancora, le precauzioni rimangono fondamentali'
Villa  La Personala
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Villa  La Personala
articoliSocieta'

Vagnini ai modenesi: 'Il virus non è finito, gli ospedali soffrono ancora, le precauzioni rimangono fondamentali'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il monito del Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliera: 'I ricoveri covid ordinari negli ospedali sono ancora più dello scorso anno. In maggioranza vaccinati anche con booster. Le precauzioni rimangono fondamentali per limitare la pressione sulle strutture e per aiutare la ripresa delle attività ordinarie'. Sono 160 gli operatori positivi tra Baggiovara e Policlinico


Vagnini ai modenesi: 'Il virus non è finito, gli ospedali soffrono ancora, le precauzioni rimangono fondamentali'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La maggior parte dei ricoverati negli ospedali dell'Azienda ospedaliera Universitaria di Modena, Policlinico e Baggiovara, in regime ordinario, sono vaccinati, anche con dose booster. E i ricoveri nei reparti covid, non di terapia intensiva, sono più alti rispetto allo scorso anno. Si tratta nella maggior parte dei casi di soggetti non gravi, ma che creano comunque una pressione sulle strutture incrementata dal fatto che ad oggi 160 operatori sanitari mancano perché positivi al covid.

E' un quadro, quello riguardante i due grandi ospedali del capoluogo che, seppur molto migliore dello scorso anno rispetto al parametro delle terapie intensive (i numeri sono oggi inferiori rispetto al 2021), non è proprio quello di un ritorno alla normalità, quello tracciato ancora una volta dal Direttore Generale dell'Azienda ospedaliera Universitaria Claudio Vagnini.

Uno dei pochi, dobbiamo dirlo, ai vertici della sanità modenese che non ha mai risparmiato ad ogni occasione, con forza, ad ogni appuntamento stampa, di ribadire in maniera netta l'importanza del mantenimento delle precauzioni, dell'evitare gli assembramenti e richiamando l'attenzione sugli effetti deleteri di comportamenti che, dettati dalla consapevolezza e dalla erronea convinzione di una presunta immunità rispetto al contagio (diffusa anche a livello istituzionale attraverso l'introduzione e la promozione del Green Pass come strumento per prevenire il contagio e creare luoghi sicuri), quei contagi ha finito per moltiplicarli, aiutando in qualche modo la diffusione di una variante Omicron già molto contagiosa. Quella normalità che consentirebbe di ridurre anche gli enormi ritardi accumulati nell'attività diagnostica e ambulatoriale all'interno delle stesse strutture ospedaliere. 'C'è una forte richiesta in questo senso - conferma Vagnini - l'attività sta riprendendo in tutti i settori ma - fa intendere - non si può pretendere una normalità nell'erogazione delle prestazioni quando la normalità non c'è.

Il virus non è finito, il virus non è finito' - ripete Vagnini illustrando i numeri ancora alti di ricoveri covid ordinari (appunto maggiori rispetto allo scorso anno), e di contagi, anche tra gli operatori. Centossessanta positivi, ai quali vanno aggiunti quelli sospesi perché senza super green pass, che incidono pesantemente sugli organici a disposizione nelle strutture ospedaliere, sui turni e sulla mole di lavoro. Condizioni che, appunto, rendono ancora difficile la ripresa piena delle attività ordinaria a livello ambulatoriale. Anche perché in questo ambito ci vorranno mesi, anche in condizione di normalità, per dare risposta a quella enorme quantità di richieste e di prenotazioni accumualate nell'ultimo anno e ancora inevase.

Gi.Ga.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Lutto a Modena, è morto l'ex direttore dell'Archivio di Stato
Mezzetti: 'Nel corso di questi anni ci siamo incontrati occasionalmente e ho sempre nutrito ..
19 Luglio 2024 - 17:07
Il nuovo Prefetto si presenta: 'Affronterò Modena con umiltà e coraggio'
Fabrizia Triolo si presenta: 'Mia esperienza soprattutto nel nord-ovest, non conosco ..
19 Luglio 2024 - 16:23
Modena, sensori sui semafori per monitorare il traffico
I dispositivi vengono installati in questi giorni e forniranno all’Amministrazione ..
19 Luglio 2024 - 12:47
Modena, i mozziconi di sigaretta diventano imbottitura per la moda sos
Collaborazione Gruppo Hera e Human Maple ha permesso di raccogliere in sei mesi oltre 65mila..
19 Luglio 2024 - 12:42
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24