ACCADDE OGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Lega - Referendum giustizia
articoliSocieta'

In inceneritore anche i fanghi fognari: Arpae, perplessa, autorizza

La Pressa
Logo LaPressa.it

Hera ha ottenuto una ulteriore integrazione all'elenco dei rifiuti da incenerire, e nell'ultimo report sono già centinaia le tonnellate conferite.


In inceneritore anche i fanghi fognari: Arpae, perplessa, autorizza

Sono 285, dal 1° gennaio al mese di maggio di quest'anno (ultimo dato disponibile), le tonnellate di fanghi derivanti dalla depurazione delle acque reflue urbane conferite all'inceneritore Hera di via Cavazza, a Modena. Questo genere di rifiuto, particolare per i rischi connessi all'emissione in atmosfera, a seguito della combustione, di numerosi metalli, e identificato dal codice EER 19 08 05, è infatti una new entry nella tipologia sempre più ampia dei rifiuti conferibili nel super-inceneritore di Modena. Un elenco che Hera avrebbe voluto estendere anche ai fanghi derivanti della depurazione delle acque industriali, ma che Arpae, valutandone i rischi e il bilanciamento rischio beneficio connesso all'incenerimento, non ha autorizzato.

In realtà nemmeno l'autorizzazione ad incenerire fanghi di depurazione di acque urbane ha avuto un percorso facile. Perché prima di arrivare all'attuale via libera (vincolato ad una serie di raccomandazioni), Arpae ne ha respinte due. Quelle presentate da Hera nel gennaio e nel marzo 2019 dove appunto venivano inseriti anche i fanghi di derivazione industriale e non venivano fornite adeguate garanzie sia rispetto al trattamento dei fanghi antecedente all'incenerimento (principalmente per differenziarli dai metalli presenti), sia all'impatto indiretto (aggiunto a quello diretto delle emissioni), dell'incenerimento stesso, ovvero quello legato al trasporto con autobotti del fango da altri territori oltre al bacino provinciale. Il tutto all'interno di un ampio ragionamento tecnico ma traducibile, in soldoni, cosi: i fanghi da depurazione di acque contengono, come è ovvio pensare, un basso potenziale calorico, tale da abbassare l'intera media del potenziale dei rifiuti conferiti nell'inceneritore. Al punto da dovere essere mixati, prima di essere immessi nell'inceneritore, con altri rifiuti dalla potenza calorica più elevata (sappiamo in questo senso quanto sia importante per mantenere la potenza calorica di un inceneritore potente come quello di Modena l'apporto anche della plastica). Un punto quest'ultimo che, nella richiesta di autorizzazione del marzo dello scorso anno, non forniva adeguata garanzie rispetto all'equilibrio del mix che Hera prospettava di eseguire attraverso un controllo umano, ovvero di quello del gruista addetto con braccio meccanico, alla miscelazione di fanghi e rifiuti con più alto potere calorico.

'Una procedura - specificò Arpae nella motivazione alla base della bocciatura - che appare del tutto soggettiva ed in alcun modo verificabile; questa modalità non fornisce sufficienti garanzie rispetto a possibili oscillazioni dell’efficienza di combustione che potrebbero risultare critiche oltre al possibile presentarsi di variazioni dei parametri emissivi'. Ma le perplessità e le motivazioni di Arpae alla base della mancata autorizzazione erano anche legate allo 'stato fisico dei rifiuti che potrebbe creare problemi alla griglia mobile di avanzamento rifiuti', e anche alla 'significativa presenza nei fanghi di metalli (Cadmio, Mercurio,Nichel, Piombo, Cromo, ecc..) non confacente sia in uso in agricoltura ma nemmeno alla termovalorizzazione'.
Ricordando che '
nel corso degli anni si è rilevato che il contenuto di metalli nell’emissione del termovalorizzatore rappresenta uno dei parametri più critici, raggiungendo il 50% circa della capacità emissiva'

Ma Hera non si è data per vinta e nel luglio dello stesso anno, ha presentato una nuova richiesta di autorizzazione per potere bruciare i fanghi. Inserendo, affinché la richiesta andasse a buon fine, numerose limitazioni imposte da Arpae. Limitando i fanghi a quelli derivanti dalla depurazione delle acque reflue urbane (e non a quelle industriali), ad una quantità massima di 200 tonnellate settimanali e 6300 tonnellate annuali e, fino al 31 dicembre 2021, derivanti dal solo bacino della provincia di Modena.  Che per quanto riguarda il bacino Hera di riferimento si concentra, per i fanghi, in quello di Modena e Sassuolo, ovvero a 19.500 tonnellate all'anno e attualmente per il 43 % circa destinati a smaltimento in discarica.

Per fornire garanzie rispetto all'impatto dell'incenerimento dei fanghi Hera si è impegnata ad installare un impianto di 'deferizzazione', per separare i metalli presenti, assicurando che 'l’alimentazione dei fanghi nel termovalorizzatore di Modena non indurrà variazioni in termini di flusso di massa di metalli pesanti in ingresso al forno rispetto allo stato attuale e quindi nelle emissioni in atmosfera dell’impianto e si provvederà a programmare i flussi di fanghi in ingresso al termovalorizzatore di Modena in maniera da potere assicurare un conferimento il più possibile costante nel tempo'. Da qui il milite delle 200 tonnellate settimanali. 

Garanzie che, in attesa delle opportune verifiche, non dissipano le dichiarate perplessità di Hera. Perplessità - leggiamo nel report  'r
ispetto all’inserimento dei fanghi nel termovalorizzatore in quanto trattamento termico di sostanze / rifiuti a basso carico organico e ad alto contenuto acquoso non appare una scelta tecnica da privilegiare'

Considerazioni e perplessità che inducono Arpae ad introdurre 
una fase di sperimentazione della nuova situazione da attuare per un tempo significativo al fine di rodare la procedura di miscelazione in fossa e la sua effettiva applicabilità. 

Come dire, la procedura per l'incenerimento dei fanghi ed il relativo impatto è da controllare e verificare, privilegiando fanghi a chilometro zero. Ma nel frattempo, via libera, nella prospettiva comunque concessa in linea di indirizzo (a questo punto e sulla base delle considerazioni e delle perplessità elencate difficile capire su quali basi) di dare il via libera, dopo il 31 dicembre 2021, anche ai bacini extraprovinciali la raccolta di fanghi da conferire all'inceneritore di Modena. In una corsa costante alla definizione e al superamento delle soglie imposte che sembra essere ormai diventata la regole e non l'eccezione per l'inceneritore di Modena, come dimostra la recente eliminazione della soglia della quantità di rifiuti speciali conferibili ogni anno, e di cui La Pressa ha ampiamente raccontato.

Gi.Ga.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

ACCADDE OGGI
Articoli Correlati
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:16357
Alea, da Forlì una alternativa all'inceneritore fuori da Hera
Politica
03 Novembre 2017 - 07:30- Visite:16198
Dossier inceneritore, l'inquinamento e l'acquario
Dossier Inceneritore
01 Novembre 2017 - 07:30- Visite:15152
'Modena: Euro 4 vietati, ma inceneritore a tutto gas. E' assurdo'
Politica
05 Settembre 2018 - 22:21- Visite:14974
Il costo dell'inceneritore? Cinquecentomila euro al giorno
Dossier Inceneritore
13 Ottobre 2017 - 07:30- Visite:14926
Dossier inceneritore parte 2: la fotografia di quello che esce dal ..
Dossier Inceneritore
18 Agosto 2017 - 15:44- Visite:14828

Societa' - Articoli Recenti
Zona gialla col 5% delle terapie ..
Era il 30% fino a qualche mese fa. E' l'ipotesi elaborata dal governo che se confermata ..
20 Luglio 2021 - 04:42- Visite:151
Modena, ora il cambio di residenza si..
Da alcuni giorni, infatti, non è più permesso presentare la dichiarazione anagrafica ..
19 Luglio 2021 - 23:32- Visite:463
Bilancio Cambiamo, tra piano ..
Investimenti per 23 milioni in 5 anni ma la riqualificazione urbana non si sposa con quella ..
19 Luglio 2021 - 23:04- Visite:182
Covid, Fazii: 'Attenzione alla ..
Il virologo Paolo Fazii avverte: 'Possono ammalarsi anche coloro che già hanno contratto il..
19 Luglio 2021 - 19:22- Visite:1647
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:282005
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:229044
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia ..
Lo riporta l'Istituto superiore di sanità nell'ultimo report del 14 aprile sul contagio da ..
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:136044
Effetti indesiderati vaccino: ..
Con Astrazeneca 1 persona su 10.000 mostra coaguli di sangue spesso in siti insoliti come ..
30 Aprile 2021 - 09:45- Visite:120928