Reggio Emilia, vendita di 197 auto: frode fiscale da oltre un milione
Radio Birikina
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Radio Birikina
notiziarioLa Nera

Reggio Emilia, vendita di 197 auto: frode fiscale da oltre un milione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Denunciati 5 soggetti, di cui 3 residenti nella bassa reggiana, con responsabilità della società venditrice di autoveicoli, e due soggetti calabresi


Reggio Emilia, vendita di 197 auto: frode fiscale da oltre un milione
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Una frode fiscale all’IVA, di oltre un milione di euro, realizzata nella commercializzazione di 197 autoveicoli da una società con sede amministrativa nella bassa reggiana, è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Guastalla. La società in questione è stata già al centro di una complessa indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Reggio Emilia, che ha disvelato l’esistenza di un’associazione a delinquere dedita alla perpetrazione di frodi fiscali, di delitti in materia tributaria e di reati correlati quali riciclaggio, autoriciclaggio e bancarotta fraudolenta.

Le Fiamme Gialle reggiane, traendo spunto investigativo dalle risultanze emerse nel corso delle indagini, hanno condotto una verifica fiscale che ha rilevato un sistema di frode “carosello all’Iva”, basato sull’emissione e sul passaggio di fatture per operazioni inesistenti, attestanti la vendita di veicoli.


Il meccanismo evasivo prevede essenzialmente la presenza di tre figure: la prima società/impresa esistente solo sulla carta senza alcuna struttura operativa/organizzativa ed “evasore totale” per l’assenza di qualsiasi dichiarazione dei redditi, il cui compito era solo quello, appunto, di emettere fatture (società cartiera); la seconda figura costituita da impresa apparentemente in regola con il fisco per la presenza degli adempimenti dichiarativi, chiamata in gergo “società filtro o buffer” il cui compito è quello essenzialmente di mettere in contatto solo cartolarmente la società cartiera con la società beneficiaria della frode; la terza figura quella dell’impresa utilizzatrice e beneficiaria della frode che, in questo sistema fraudolento, viene denominata “società capofila”: ruolo questo svolto dalla società verificata che ha immesso sul mercato italiano autovetture “pulite” formalmente ed apparentemente in regola con la normativa fiscale.

L’attività ispettiva ha portato alla luce un ulteriore elemento di frode, caratterizzato dall’esistenza, per ogni singola auto commercializzata dalla società sottoposta a verifica, di una “doppia fatturazione su un doppio binario”. In particolare, è risultato che, per ogni fattura di vendita emessa dalla società verificata nei confronti dei propri clienti, è stata rilevata la presenza di un’ulteriore fattura, emessa da una società comunitaria sempre nei confronti del medesimo cliente ed avente ad oggetto i veicoli fittiziamente acquistati dalle società filtro.

Con tale meccanismo fraudolento, attuato mediante l’utilizzo di fatture per operazioni oggettivamente inesistenti, del quale i clienti, sentiti presso la Tenenza di Guastalla, sono risultati del tutto “ignari”, la società sottoposta a controllo ha potuto abbattere sistematicamente il proprio carico fiscale, praticando sul mercato prezzi illecitamente concorrenziali rispetto agli operatori del settore.

L’attività fiscale si è conclusa con l’accertamento di un’evasione di IVA di oltre 1.100.000 euro, la denuncia di cinque soggetti, di cui tre residenti nella bassa reggiana, aventi la responsabilità di fatto e di diritto della società venditrice di autoveicoli, e due soggetti calabresi, a capo delle società filtro, responsabili dell’emissione delle false fatture.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Acof onoranze funebri

Udicon
La Nera - Articoli Recenti
Camorra, a Bologna sequestro da 100 milioni a due imprenditori campani
L’attività ha permesso di assicurare allo Stato 161 beni immobili, tra fabbricati e ..
05 Luglio 2024 - 17:29
Cavezzo, sequestrati 280mila euro a un imprenditore edile per evasione
Attraverso un'altra impresa, sempre riconducibile all’indagato ed anch’essa sconosciuta ..
05 Luglio 2024 - 10:49
Centri a luci rosse oltre ai massaggi: operazione nazionale della Polizia, 14 controllati a Modena
In città identificate 28 persone. In concomitanza 400 operatori della Polizia di Stato ..
04 Luglio 2024 - 14:20
Condannati i tre autori del colpo all'Unicredit di viale Corassori
Otto anni e 4 mesi in primo grado per i tre pregiudicati originari della provincia di ..
04 Luglio 2024 - 10:55
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati a persone malate e stupratori
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli elettrodi a mani e piedi dei bimbi
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00
Bibbiano, minore usata come 'cavia' da Foti per dimostrare sue teorie
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ambulanza
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39