Muore Giuseppe Ungaretti: 1 giugno 1970
e-work Spa
Radio Birikina
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
rubricheAccadde oggi

Muore Giuseppe Ungaretti: 1 giugno 1970

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ebbe riconoscimenti in tutto il mondo. Nel 1962 venne eletto presidente della Comunità europea degli scrittori


Muore Giuseppe Ungaretti: 1 giugno 1970
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Giuseppe Ungaretti morì a Milano, il primo giugno 1970, all'età di 82 anni per una broncopolmonite.
Ungaretti per l'essenzialità e la purezza della sua poesia è stato un esempio per i poeti dei suoi tempi e per quelli successivi. Per avere descritto i drammi storici e le ansie esistenziali dell'uomo, continua ad essere letto e studiato.
La vita di Giuseppe Ungaretti fu funestata da drammatici eventi: all'età di 2 anni perse il padre, visse gli orrori della guerra in trincea, perse presto anche il fratello e il figlio.
Negli anni 40 ottenne la cattedra di letteratura italiana all'Università La Sapienza di Roma.
Nel secondo dopo guerra, Ungaretti, divenne una celebrità: ebbe riconoscimenti in tutto il mondo.
Nel 1962 venne eletto presidente della Comunità europea degli scrittori.

Ungaretti raccontò la vita, la morte. L'umanità come semplici misteri, ricordando all'uomo quanto deve a sé e agli altri. Amare la vita e amare i propri simili sono imperativi categorici che riecheggiano in ogni suo verso: la concezione della sua poesia è intesa come luogo dello spirito libero, creativo e gioioso.

Ungaretti esprime in maniera palese la propria estraneità ad abusi: 'La guerra è e rimarrà l'atto più  bestiale dell'uomo'. Nella poesia di Giuseppe Ungaretti non c'è odio per il nemico né per nessuno; c'è la presa di coscienza della condizione umana, della fraternità degli uomini, nella sofferenza, dell'estrema precarietà della loro condizione.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Radio Birikina

Onoranze funebri Simoni
Accadde oggi - Articoli Recenti
Viene fondata Alcolisti anonimi: 10 giugno 1935
I fondatori dell'Associazione ebbero la grande intuizione di applicare l'autoaiuto alla ..
10 Giugno 2024 - 07:02
Nasce Paperino: è il 9 giugno 1934
Paperino è nato dalla penna di Al Tagliaferro che gli conferisce un segno grafico buffo e ..
09 Giugno 2024 - 07:21
Berlinguer ha un malore sul palco di Padova: 7 giugno 1984
Venne colpito da un ictus che lo portò alla morte 4 giorni dopo
07 Giugno 2024 - 07:55
Accadde oggi - Articoli più letti
Grande concerto di Pino Daniele a Napoli: era il 19 settembre 1981
Piazza Plebiscito, dove si tenne il concerto, era il salotto della cosiddetta Napoli bene, ..
19 Settembre 2023 - 08:08
21 ottobre, il mondo celebra la Giornata Mondiale dell'ascolto
L'ascolto nelle relazioni interpersonali permette di sviluppare legami duraturi basati sulla..
21 Ottobre 2023 - 06:00
Il 9 ottobre 1967 veniva ucciso in Bolivia Che Guevara
Il Che è considerato un nemico coerente dell'oppressione e un simbolo di libertà e di ..
09 Ottobre 2023 - 06:38
In una sala da ballo di Cremona nasce il mito di Mina
È il 24 settembre del 1958 quando Natalino Otto e Flo Sandon's scoprono la cantante, allora..
24 Settembre 2023 - 07:28