Il coleottero di Visegrad: la vita ostinata nell'orrore della guerra
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliChe Cultura

Il coleottero di Visegrad: la vita ostinata nell'orrore della guerra

La Pressa
Logo LaPressa.it

L'ultimo romanzo del modenese Simone Zanin che fa seguito ad Arbeit macht frei, edito da Guaraldi nel 2015


Il coleottero di Visegrad: la vita ostinata nell'orrore della guerra
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La ricerca della bellezza anche nel mezzo della guerra, dell'orrore della pulizia etnica. L'ostinata ricerca di un rifugio che protegga dall'abisso della follia umana perchè 'nel massimo fuorore della guerra, con intorno solo desolazione e morte, con il cuore pieno di lacrime per la distruzione della memoria di una città, di una nazione, di un popolo, in quel momento di lutto disperazione e sconfitta, ancora poteva esistere uno sguardo di innocenza e di pace'.

E' questa una delle tante chiavi di lettura possibili dell'ultimo romanzo del modenese Simone Zanin che fa seguito ad Arbeit macht frei, edito da Guaraldi nel 2015.
'Il coleottero di Visegrad' edizioni Arpeggio Libero, è ambientato nella Sarajevo assediata del 1992. Il protagonista è Goran Focak, ex capitano dell'Armata popolare jugoslava. Per tutti è Buba: il coleottero.

Come i coleotteri Goran frequenta la morte per rinnovare la vita: il suo compito è recuperare cadaveri per le strade, sotto il tiro dei cecchini, curandone poi la preparazione per il funerale. Valutavamo i tempi, la direzione dalla quale era arrivato il proiettile, il rischio, poi ci buttavamo in maniera coordinata a raccogliere chi era rimasto in mezzo alla strada e lo portavamo al coperto. Non avevamo paura di morire, non temevamo nulla in quei momenti.

Ma la morte, nel racconto di Zanin, si intreccia con il desiderio di vita e di amore. Di una vita che fiorisce con forza nonostante tutto, nella maestosità di una cattedrale dove trovare qualche attimo di pace, nella pioggia pesante di un temporale improvviso o nell'amore di una donna. Eravamo vivi e dovevamo vivere: era inutile morire in anticipo. Non pensavamo alla fine, godendo ogni istante dell'ultimo momento di vita che ci veniva concessa, facendo l'amore, mentre intorno si continuava a morire. Era il nostro modo di confermare a noi stessi che stavamo sopravvivendo.

Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Acof onoranze funebri
Che Cultura - Articoli Recenti
Modena, Giardini d'estate: torna il Revol experience festival
Domenica, dalle 19, musica dal vivo con le band del collettivo modenese, stand gastronomici ..
18 Luglio 2024 - 12:00
Benozzo e Zanoni in tournée alle Isole Faroer
'Sarà un vero e proprio tour, con concerti ravvicinati in luoghi molto distanti tra loro, ..
17 Luglio 2024 - 11:56
Teatro Comunale di Modena: la nuova stagione concertistica
Undici appuntamenti con orchestre e grandi interpreti di rilievo internazionale. Il ..
14 Luglio 2024 - 11:25
Teatro Comunale di Modena: la stagione dell'Opera
Nove spettacoli per una stagione che va dall’opera antica a Beatles, con nuove produzioni,..
12 Luglio 2024 - 12:50
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli incatenava drogati. E stavano con lui
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17
Se la locomotiva di Guccini si schianta contro il muro della malafede
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59
Agamben: 'Dopo questi 2 anni metto in discussione la medicina stessa'
'Se non si ripensa da capo che cosa è progressivamente diventata la medicina non si potrà ..
04 Dicembre 2022 - 15:22
Quattro dolci tipici della cucina modenese
Il bensone, la bonissima, i tortelli fritti modenesi al savor e la torta Barozzi
01 Marzo 2021 - 17:51