La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliEconomia

Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura

La Pressa
Logo LaPressa.it

Se è vero che la crisi colpirà tutti, l’Occidente pagherà un prezzo più alto degli altri. L’Eurozona si prevede perderà il 7,5%


Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura

L’attuale emergenza sanitaria da Covid-19 obbliga le imprese ad investire nel distanziamento sociale e nella protezione da eventuali contagi. Si parla di smart-working, di riorganizzazione della logistica, degli spazi aziendali e delle dinamiche relazionali.

Oltre tre mesi di interruzione di gran parte delle attività economiche ha causato una grave crisi economica che sta colpendo gran parte dei settori economici dell’intero pianeta. Secondo il rapporto sull’economia globale pubblicato dal Fondo monetario Internazionale, nel 2020 sarà bruciato il 3% del Pil globale.

Se è vero che la crisi colpirà tutti, l’Occidente pagherà un prezzo più alto degli altri. L’Eurozona perderà il 7,5%. L’Italia presenterà il risultato peggiore della media Ue con un -9,1% (sebbene sia prevista un’espansione del 4,8% nel 2021). Ma non ne usciranno indenni neanche la Germania, che secondo il Fondo perderà il 7%, la Francia il 7,2%, la Spagna 8%, mentre gli Usa lasceranno sul terreno il 5,9% del Pil.

La capoeconomista dell’Fmi, Gita Gopinath rincara la dose: “la recessione generata dalla pandemia non ha precedenti e fa impallidire quella legata alla crisi finanziaria globale: nel 2009, la flessione fu dello 0,1%. Non solo: le incognite relative al virus proiettano ombre inquietanti anche sul 2021, anno della ripresa ma solo se la pandemia scomparirà nella seconda parte del 2020”.

E’ il momento di investire

“Le aziende dovranno evolvere, dovranno adattarsi ad un contesto competitivo che sarà completamente mutato e la cosa affascinante dal punto di vista della ‘distruzione creatrice’ è che questo cambiamento deve iniziare adesso, anzi è già iniziato”, afferma il Prof. Bernardo Bertoldi, docente di Strategic Management al Dipartimento di Management dell'Università di Torino.

Evolversi significa innovare. L’innovazione dovrà riguardare la finanza, l’organizzazione aziendale e gli aspetti commerciali.

Ma come si fa a parlare di investimenti in un momento di crisi? Si domanderebbe qualcuno.

In un articolo apparso di recente su Harvard Business Review, dal titolo “The Coronavirus Crisis Doesn’t Have to Lead to Layoffs”, il compito dei manager oggi è quello di salvaguardare il presente e pianificare un “nuovo” futuro. Occorre farlo “maturando opinioni e prendendo decisioni in  controtendenza”. Si legge ancora nell’articolo: “occorre una capacità predittiva e di ridefinizione che oggi deve essere da salto con l’asta”.

Tradotto: occorre rivedere le proprie strategie, occorre investire nella Pianificazione Strategica cercando di gestire il presente e proiettarsi verso il futuro.

In molti casi sarà necessario riprogettare il proprio modello imprenditoriale, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”. Soprattutto quest’ultimo.

Perché l’innovazione di processo?

“L'innovazione di processo aumenta l'efficienza di un processo produttivo, migliora le prassi aziendali e permette di ottenere migliori performance. Puntare alla riduzione dei costi produttivi e a un aumento della produttività e quindi delle marginalità in tempi di crisi non è male”, afferma il responsabile di Produzione di un importante azienda modenese, che non ama troppo apparire.

“Mi riferisco ovviamente ad una innovazione di processo incrementale, al miglioramento di un processo produttivo già esistente che può avvenire mediante l'utilizzo di una diversa combinazione delle fasi di produzione o mediante l’implementazione di sistemi di pianificazione e controllo, anche a distanza, dei processi”.

Il concetto prende il nome di analisi predittiva. Termine che ci è in realtà famigliare.

L’analisi predittiva per il miglioramento delle performance aziendali

Lenovo, multinazionale nella produzione di strumenti ICT, colosso industriale con oltre 45 miliardi di dollari di fatturato, utilizza le analisi predittive nella gestione della ricambistica, ottenendo un risparmio sui costi del 15%.

Ma cos’è l’analisi predittiva? Le grandi imprese di produzione, raccogliendo dati provenienti dagli impianti di produzione, possono monitorare e sostituire i componenti deteriorati prima che si rompano, migliorando l'efficienza dei processi produttivi. Questa in sintesi è l’analisi predittiva.

Ne parliamo con due esperti del settore: il piacentino Massimiliano Cravedi, CEO di Xeo4 srl, azienda che dal 2004 offre soluzioni SaaS per l’IIoT e con il modenese Nicolò Luppi, responsabile tecnico e analista vibrazionista certificato di PINPOINT srl, start-up innovativa con sede presso il Tecnopolo Mario Veronesi (TPM) di Mirandola.

Nicolò e Massimiliano potete spiegarci meglio che cosa si intende per analisi predittiva?

Nicolò

Mentre la diagnostica ci permette di comprendere fatti già accaduti, la prognostica permette, grazie ad una determinata serie e quantità di dati raccolti e analizzati da personale esperto, di fare delle previsioni su eventi che potrebbero avvenire in un futuro imminente. Tipo ad esempio la rottura di un componente di una macchina in un processo industriale.

Massimiliano

Esatto Nicolò, ben detto. Di fatto l’analisi predittiva permette di passare dall’approccio tradizionale (azione reattiva a fronte del manifestarsi del problema) a quello preventivo.

Secondo voi le PMI possono permettersi di implementare sistemi di analisi predittiva?

Nicolò

Con le tecnologie che abbiamo a disposizione oggi e con modalità innovative di approccio al cliente certamente sì. Ovvio che occorre valutare ogni singolo caso. E’ necessaria un’analisi del fabbisogno aziendale per valutare se può valere la pena implementare un sistema predittivo. In genere si. Il rapporto costo/beneficio è molto basso.

Massimiliano

L’analisi predittiva è uno degli elementi nella catena della digitalizzazione dei processi, che parte dal sensore e arriva, appunto, all’indicazione preventiva del guasto. Dipende da quanto è moderno e digitalizzato il processo. Nel senso che non si può scindere l’analisi finale da tutto il resto.

Quindi i vostri interventi riguardano in particolare la manutenzione degli impianti?

Nicolò

Non solo. Il tema della pianificazione degli interventi di manutenzione è molto importante, perchè permette di evitare fermi macchina, tempi persi e quindi permettere di ridurre gli sprechi. Ma l’analisi predittiva a remoto, con l’inserimento di sensori che tengono sotto controllo i processi, con un controllo costante 24/7, permette di ottenere risultati che incidono sull’organizzazione aziendale. I dati raccolti ed opportunamente analizzati permettono ai manager di alto livello, di poter effettuare scelte strategiche importanti.

Massimiliano

Concordo con quanto dice Nicolò: gestione e conduzione da remoto di impianti industriali. La tecnologia al servizio delle persone, per evitare spostamenti inutili, per ottimizzare i processi e i costi, per utilizzare il tempo nel modo migliore, e cioè conoscere a fondo il processo e mantenerlo sempre ai massimi livelli di efficienza. Mi rendo conto di trovarmi in un campo altamente innovativo. Una grande opportunità per le imprese di produzione, e non solo, per il loro futuro posizionamento competitivo, in uno scenario economico di grandi incertezze.

“Lo studio dell'equilibrio, con particolare riguardo al tempo e all'incertezza, ha aperto la via per capire quali processi economici non siano puramente competitivi, e quale ruolo svolga l'informazione. Una volta capito che l'incertezza è solo un aspetto, e che l'informazione è variabile, si apre la via per lo studio di argomenti quali le relazioni finanziarie e le innovazioni” (Kenneth Arrow, economista statunitense, vincitore del Premio Nobel per l'economia nel 1972).

“A volte bisogna rischiare un’incertezza per avere una certezza” (Iron Man).

Andrea Lodi

 

 

 

 


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Andrea  Lodi
Andrea Lodi

Vivo a San Prospero, in provincia di Modena. Sono aziendalista, specializzato in Pianificazione Strategica. Giornalista economico, da gennaio 2009 curo “Economix“, la rubrica ..   Continua >>



Articoli Correlati
'Commissione Bibbiano, M5S inizia opera di insabbiamento'
Politica
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:76631
Lgbt, la legge è stata approvata dopo 51 ore di dibattito: asse ..
Politica
27 Luglio 2019 - 06:19- Visite:48766
'Bibbiano è la pagina peggiore della storia della nostra Repubblica'
Politica
03 Ottobre 2019 - 18:18- Visite:25230
'Neonato morto: col punto nascite di Pavullo aperto, rischio ridotto'
La Provincia
02 Novembre 2017 - 20:41- Visite:17691
'Qui il Pd controlla tutto: molti non si espongono temendo ritorsioni'
Politica
23 Novembre 2017 - 22:50- Visite:15523
'Modena: Euro 4 vietati, ma inceneritore a tutto gas. E' assurdo'
Politica
05 Settembre 2018 - 22:21- Visite:14664
Economia - Articoli Recenti
Servizio rifiuti: il Covid fa ..
Ma per le utenze non domestiche gli sconti arriveranno solo dopo il Piano Finanziario che il..
21 Settembre 2020 - 10:45- Visite:397
Colla: 'Crisi Goldoni, comportamento ..
All'incontro al Mise, Arbos Lovol ha comunicato di aver depositato al tribunale di Modena la..
18 Settembre 2020 - 17:13- Visite:627
Italpizza: 'Le indagini confermano ..
'E’ bene precisare che non si tratta di un processo sindacale o a dei lavoratori, ma ..
16 Settembre 2020 - 14:29- Visite:901
Modena, prezzi in aumento, inflazione..
Impennata ad agosto rispetto al mese di luglio. In aumento 'Trasporti' e 'Alimentari'. In ..
16 Settembre 2020 - 08:01- Visite:198


Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:61860
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:55735
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:31904
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52- Visite:31637