GIFFI NOLEGGI
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
articoliEconomia

E' modenese la prima industria di lastre in ceramica che utilizzerà idrogeno verde

La Pressa
Logo LaPressa.it

H2 Factory: il nuovo stabilimento produttivo della società guidata da Federica Minozzi che sorgerà a Castellarano


E' modenese la prima industria di lastre in ceramica che utilizzerà idrogeno verde
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La rivoluzione industriale green passerà dall'Emilia Romagna e più precisamente da Modena. Questo perché è modenese la prima industria di lastre in ceramica che utilizzerà idrogeno verde. In virtù dell’alleanza tra il gruppo modenese Iris Ceramica ed Edison Next, che rappresentano due leader nei rispettivi mercati. Se la prima, controllata dalla famiglia Minozzi (prima azionista privata di Snam), è infatti un punto di riferimento globale per la ceramica di alta gamma, Edison Next, guidata da Giovanni Brianza, è una società sempre più cruciale nella galassia di Foro Buonaparte in quanto piattaforma di servizi e tecnologie per la decarbonizzazione e la transizione ecologica di aziende e pubbliche amministrazioni.

In quest'ottica si inserisce il progetto H2 Factory, il nuovo stabilimento produttivo della società guidata da Federica Minozzi (nella foto) che sorgerà a Castellarano (in provincia di Reggio Emilia) e che rappresenterà un calzante esempio del ruolo, tra i diversi, che può giocare l’idrogeno nella decarbonizzazione di soggetti energivori.

Quello ceramico risulta infatti uno dei settori “hard to abate” (cemento, cartiere, acciaierie, ceramiche appunto), in cui è difficile sostituire i combustibili fossili con l’elettricità, e dunque la molecola potrebbe rappresentare una svolta green. Una strada che si annuncia affascinante, ma non priva di incognite: di certo, H2 Factory è il primo esempio concreto e pronto a partire.

Per il suo funzionamento la H2 Factory si avvarrà di un elettrolizzatore realizzato da Foro Buonaparte, alimentato da energia rinnovabile e da acqua piovana recuperata attraverso vasche di raccolta, per produrre l’idrogeno, che a sua volta verrà utilizzato – in una miscela con il gas naturale – dal forno per la produzione della ceramica.

Questo obiettivo Iris Ceramica lo ha già concluso con successo completando una prima fase di preparazione dello stabilimento che ha previsto l’installazione del nuovo forno in grado di funzionare con una miscela di idrogeno e gas naturale e di un sistema di pannelli fotovoltaici a tetto (2 MW che diventeranno oltre 3 nella fase in corso), la realizzazione delle vasche di raccolta dell’acqua piovana e dell’infrastruttura di distribuzione dell’idrogeno all’interno dello stabilimento. L’investimento complessivo per la realizzazione della nuova H2 Factory è pari a 50 milioni.

Si tratta però di una prospettiva di lungo periodo. Con i primi riscontri dei risultati ottenuti da questo impianto, si capirà come e quanto si possono adattare le tecnologie, perché i target di medio periodo sono due: un forno alimentato al 100% idrogeno e arrivare alla carbon neutrality della produzione di lastre in ceramica entro il 2030. Intanto, più a breve termine, H2 Factory dovrebbe già consentire, ogni anno, di produrre circa 132 tonnellate di idrogeno verde, sostituendo circa mezzo milione metri cubi di gas; allo stesso tempo la nuova miscela (fino al 50% metano) ridurrà le emissioni di anidride carbonica di circa 900 tonnellate l’anno.

Allargando l’obiettivo per ragionare in ottica di sistema, il progetto ha maggior valore perché realizzato proprio nel distretto ceramico – l’area concentrata tra la Provincia di Modena e quella di Reggio Emilia - che rappresenta un territorio strategico per un comparto produttivo chiave e simbolo per il Paese. Un comparto particolarmente energivoro: per questo il futuro taglio della CO2 permetterà di offrire un contributo rilevante anche ai target di decarbonizzazione italiani. Allo stesso tempo, H2 Factory potrebbe rappresentare un caso di scuola per le aziende limitrofe, del settore della ceramica e non, e in generale per tutti quei settori industriali che hanno nei piani la conversione dei propri processi all’idrogeno verde.

Il nuovo impianto inizierà a produrre grandi lastre in ceramica, utilizzate soprattutto per l'arredamento di design a partire dal 2025.
Stefano Bonacorsi

Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 

Acof onoranze funebri
Articoli Correlati
'Inquinamento alle stelle e zone 30: in città vai oltre con le ..
Spazio alle Imprese
24 Gennaio 2024 - 08:40
L'effetto positivo delle e-bike
Spazio alle Imprese
21 Gennaio 2024 - 15:00
Ai fessi puoi far credere tutto
Le Vignette di Paride
16 Ottobre 2023 - 07:30

Economia - Articoli Recenti
Sanfelice 1893 Banca Popolare: il 23 ..
Utile netto di 3,449 milioni di euro, in crescita del 45,8%. E mercoledì l'associazione di ..
19 Febbraio 2024 - 12:49
Modena, in 11 anni sparite 350 ..
E' quanto emerge da un'indagine dell'ufficio studi di Confcommercio su dati del Centro Studi..
19 Febbraio 2024 - 10:57
Fiera di Modena, il settore affonda: ..
'Modenafiere, Camera di Commercio di Modena e Carpi Fashion System, dopo approfondite ..
16 Febbraio 2024 - 16:40
Opa e fusione con UnipolSai: Unipol ..
Il titolo Unipol, partito molto bene, vola in piazza Affari salendo del 20% a 6,9 euro
16 Febbraio 2024 - 14:50
Economia - Articoli più letti
Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l'intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52