La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliEconomia

Modena, nel 2020 produzione giù del 10,3%, in 3 mesi persi 3700 posti fissi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Presentata la 12° edizione dell’Osservatorio Economia e Lavoro (OEL) in provincia di Modena elaborato da Ires per conto della Camera del Lavoro


Modena, nel 2020 produzione giù del 10,3%, in 3 mesi persi 3700 posti fissi

I primi mesi del 2020 segnano, in provincia di Modena, una marcata flessione della crescita economica (–10,3%), una drastica riduzione degli avviamenti al lavoro rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (marzo –38,8% e aprile –65,0%). Ciò fa sì che tra marzo e maggio 2020 a livello provinciale siano state perse quasi 3.700 posizioni di lavoro dipendente. Il picco del ricorso alla cassa integrazione guadagni si è registrato nel mese di aprile 2020, con oltre 17milioni e 700mila ore complessivamente autorizzate (tra gennaio ed ottobre sono più di 53 milioni), corrispondenti a oltre 111mila lavoratori equivalenti a zero ore.

E' uno scenario macro-economico che riflette tutti gli effetti della pandemia, e del primo lockdown, quello misurato nella dodicesima edizione dell’Osservatorio Economia e Lavoro (OEL) in provincia di Modena elaborato da Ires per conto della Camera del Lavoro - CGIL di Modena.

Uno scenario macro-economico che dopo la fase di accelerazione del triennio 2016-2018, evidenziava nel 2019 un rallentamento della crescita a livello provinciale, regionale e nazionale, probabilmente legato frenata della crescita economica mondiale ed europea, con un aumento, sì, del valore aggiunto, ma appena dello 0,4% a livello sia provinciale che regionale (0,3% per l’Italia nel suo insieme). Uno panorama economico e del mercato del lavoro già incerto e nel quale gli effetti della pandemia sono stati devastanti.

Occupazione

Tra marzo e maggio 2020 a livello provinciale sono state perse quasi 3.700 posizioni di lavoro dipendente. Questa perdita di posizioni di lavoro dipendenti è concentrata principalmente nel settore del commercio, alberghi e ristoranti (–1.306 unità), nelle altre attività dei servizi (–1.097 unità) e nell’industria in senso stretto, con circa 4.100 attivazioni fra marzo e maggio 2020 e oltre 5.340 cessazioni, con un conseguente saldo negativo di 1.227 unità.
Risultano poi specificamente penalizzate le fasce più giovani della forza lavoro, in particolare quella di 15-24 anni.

Danno idea dell’impatto della pandemia anche i dati relative alle ore di cassa integrazione guadagni autorizzate. Basti dire che nella provincia di Modena in tutto l’anno 2019 si è arrivati a circa 5,1 milioni di ore complessivamente autorizzate e che nei soli due mesi di aprile e maggio 2020 si sono superate 28,5 milioni di ore autorizzate. Nella prima fase della crisi pandemica si è osservato uno straordinario incremento del ricorso alla cassa integrazione ordinaria, principalmente nel settore industriale, mentre da maggio si osserva una notevole avanzata di quella in deroga, seppur anche nei mesi successivi continui a prevalere il ricorso a quella ordinaria.

Produzione

Per il 2020 si prevede una assai marcata flessione sia per la provincia di Modena (–10,3%) che per la regione Emilia-Romagna (–10,0%). Secondo le stesse stime Prometeia, dovrebbe poi seguire nel 2021 un parziale recupero (+8,1% per la provincia di Modena, superiore al +7,1% stimato per la regione).

Per l’industria in senso stretto si osserva il medesimo andamento, con i tre indicatori di ordinativi, produzione, fatturato che dal primo trimestre 2019 assumono segno negativo e seppur arrivino nuovamente in territorio positivo alla fine dell’anno (tranne gli ordinativi), con il 2020 mostrano chiaramente gli effetti della pandemia e del lockdown, virando decisamente verso il basso, con il decremento che si accentua ulteriormente nel secondo trimestre, in linea con quanto si registra anche a livello regionale e nazionale

Anche il settore delle costruzioni nel 2020 dovrebbe subire una forte contrazione del valore aggiunto (–11,3%), per poi recuperare nel 2021, anche grazie agli incentivi previsti per la messa in sicurezza antisismica degli edifici e per la riqualificazione ambientale degli stessi.

I dati relativi alle vendite del commercio risultano pesantemente in territorio negativo dalla seconda metà del 2016, con una ripresa nel quarto trimestre 2019 (l’andamento delle vendite mostra abitualmente i dati migliori proprio nel quarto trimestre dell’anno), travolta però da quanto si rileva con il primo trimestre del 2020, con il commercio – in particolare quello al dettaglio – che registra una forte contrazione, per effetto del lockdown disposto a partire dalla primavera 2020.

Mercato del lavoro

Se si entra più nel dettaglio, si deve innanzitutto evidenziare che nel 2019 nella provincia di Modena il numero di occupati è aumentato di oltre 3.500 unità, con un incremento dell’1,3%, che compensa abbondantemente la flessione dell’anno precedente. La crescita a livello provinciale di quest’anno è in linea con quello del livello regionale (+1,4%), che tuttavia aveva mostrato una certa espansione anche nel biennio precedente. Anche per l’incremento di quest’anno, il numero di occupati a Modena rimane decisamente superiore – di oltre 10mila unità – ai livelli dell’intero periodo 2009-2015 e risulta superiore anche al dato pre-crisi del 2008 (+2,2%, circa 7mila occupati in più).

La crescita dell’occupazione dell’ultimo anno è esclusivamente femminile: nel 2019 rispetto al 2018, il numero di donne occupate è infatti aumentato del 3,4% (oltre 4.700 occupate in più), mentre per gli uomini si registra un decremento di 1.265 unità (–0,7%), che compensa quanto osservato nel biennio precedente. Se anche si considera l’ultimo triennio 2017-2019, si evidenzia che l’aumento del numero di occupati è determinato principalmente dalle donne.

Considerevoli differenze si riscontrano anche distinguendo fra lavoratori dipendenti e indipendenti. Sia che si consideri l’ultimo anno o il triennio 2017-2019 o il confronto rispetto al 2008, si osservano dinamiche pressoché divaricate, con i lavoratori dipendenti aumentati di numero e quelli autonomi in forte diminuzione. Basti dire che il raffronto rispetto al 2008 mostra una crescita del numero di lavoratori dipendenti del 13,6% e una parallela flessione dei lavoratori indipendenti del 28,3%, oltre un quarto dei casi.

Le dinamiche illustrate si riflettono naturalmente sull’andamento del tasso di occupazione (rapporto percentuale fra gli occupati e la popolazione di 15-64 anni di età), che risulta in miglioramento a livello provinciale, passando dal 69,0% del 2018 al 69,8% del 2019. Per l’Emilia-Romagna il tasso passa dal 69,6% al 70,4%. Il tasso provinciale rimane quindi di poco inferiore a quello medio regionale, ma risulta essere nel 2019 su livelli che non si raggiungevano dal 2008.

Parallelamente, nel 2019 nella provincia di Modena si assiste anche a un incremento della disoccupazione, che si traduce in un peggioramento del relativo tasso di disoccupazione, che passa dal 6,0% del 2018 al 6,5% del 2019, mentre il tasso emiliano-romagnolo scende dal 5,9% al 5,5%. Se per l’Emilia-Romagna si è osservata una riduzione del tasso di disoccupazione continuativa dal 2013 al 2019, per la provincia di Modena l’andamento è stato più altalenante. Esso rimane comunque decisamente più elevato dei livelli del periodo precedente al 2008, quando non aveva mai superato il 4%.

Va infine aggiunto che il tasso provinciale è leggermente più critico – cioè più elevato – di quello regionale solo per la componente femminile (7,5% contro 6,6%) sia per quella maschile (5,7% contro il 4,6% medio regionale).

Il peggioramento nel 2019 della disoccupazione provinciale si ritrova anche nel tasso di disoccupazione giovanile: per la fascia 15-24 anni esso passa dal 14,2% del 2018 al 18,8% (mentre quello regionale aumenta di neanche un punto percentuale); per la fascia 25-34 anni peggiora dal 7,9% al 10,5% (in Emilia-Romagna dall’8,2% all’8,8%).

Nell’ultimo anno, nella provincia di Modena, in linea con quanto si registra anche a livello emiliano-romagnolo, è diminuito di quasi 5mila unità (–4,2%) il numero degli inattivi di 15-64 anni. Questo dato compensa interamente il significativo incremento (+3,7%) che si era registrato fra il 2017 e il 2018.

Per la provincia di Modena, dunque, nell’ultimo anno si assiste a un aumento degli occupati (per circa 4mila unità) ma anche a un incremento dei disoccupati (+1.878), in parte sicuramente anche per effetto dall’uscita dallo stato di inattività di circa 4.900 persone.

Resta comunque presente una quota di popolazione in età lavorativa scoraggiata (persone in età lavorativa che, pur privi di un’occupazione, non sono alla ricerca attiva di un lavoro ma che sarebbero disposti a lavorare). Se ai disoccupati ufficiali rilevati dall’Istat si aggiungono questi cosiddetti scoraggiati, si ottiene il cosiddetto tasso di mancata partecipazione, che risulta a Modena pari all’11,1%, superiore al 9,7% regionale.

Per un aggiornamento sui primi due trimestri del 2020, si è fatto riferimento ai dati di origine amministrativa del Siler relativi a tutti i movimenti di assunzione, proroga, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro.

L'analisi delle attivazioni (avviamenti di rapporti di lavoro), delle cessazioni (licenziamenti) e dei relativi saldi mostrano come il 2019 si fosse chiuso nella provincia di Modena con un segno positivo, così come i primi due mesi del 2020, precedenti all’esplosione della pandemia. Lo scenario muta completamente con il mese di marzo 2020: si assiste a una drastica riduzione degli avviamenti, meno di 7mila a fronte dei quasi 10.600 del mese di febbraio 2020 (–34,0%) e dei quasi 11mila di marzo 2019 (–38,8%). La tendenza oltretutto risulta rafforzata nel mese di aprile, quando gli avviamenti scendono sotto i 4.500 (–65,0% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente e –36,1% rispetto al mese precedente), con un saldo attivazioni-cessazioni pari a –1.810.

Anche le corrispondenti cessazioni dei rapporti di lavoro dipendente hanno mostrato a partire da marzo 2020 una variazione tendenziale negativa anomala e particolarmente marcata, seppure più contenuta rispetto a quella delle assunzioni, essenzialmente in virtù della sospensione dei licenziamenti (difatti le cessazioni riguardano in gran parte contratti a termine giunti a scadenza e non rinnovati).

Il picco del ricorso alla cassa integrazione guadagni si è registrato nel mese di aprile 2020, con oltre 17milioni e 700mila ore complessivamente autorizzate (per oltre il 96% di cassa ordinaria), corrispondenti a oltre 111mila lavoratori equivalenti a zero ore.


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Coronavirus, muore operatrice sanitaria di 36 anni di Modena
Societa'
08 Aprile 2020 - 10:52- Visite:40116
M5S: 'Lavoro festivo, ridare diritti ai lavoratori del commercio'
Politica
27 Marzo 2018 - 15:08- Visite:34378
Case riposo provincia di Modena: i dati che certificano una apocalisse
Societa'
21 Aprile 2020 - 09:04- Visite:26273
Farmacie comunali, Coop Alleanza 3.0 in crisi ora vuol vendere
Economia
12 Ottobre 2018 - 17:33- Visite:18966
Sinistra Italiana, Italpizza sfrutta i lavoratori, ma il Pd la ..
Politica
15 Settembre 2017 - 23:12- Visite:14460
Poletti: pancia piena e sedie vuote
Le Vignette di Paride
26 Agosto 2017 - 10:07- Visite:14189
Economia - Articoli Recenti
Ristori per i locali: ecco il bando ..
Tutte le domande considerate ammissibili avranno diritto ad un contributo di eguale entità ..
22 Gennaio 2021 - 14:22- Visite:498
Modena, imprese: i laureati in ..
Ma dalla ricerca emerge con chiarezza che scegliere una scuola tecnica o professionale non ..
22 Gennaio 2021 - 09:23- Visite:501
La Cisl: 'Amazon a Spilamberto, una ..
'Dimostra che il nostro territorio è attrattivo sia per la disponibilità di manodopera ..
20 Gennaio 2021 - 10:10- Visite:1088
'Amazon Spilamberto, ciclabilina e ..
'I primi a pagarne le conseguenze con danni alla salute saranno i nostri bambini poiché, da..
20 Gennaio 2021 - 09:38- Visite:1356

CafItalia

Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:62981
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:59297
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52- Visite:33318
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:33072