Boom di migranti e minori stranieri non accompagnati: emergenza all'anno zero
La Personala
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliPolitica

Boom di migranti e minori stranieri non accompagnati: emergenza all'anno zero

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nella visita in Municipio del Capo Dipartimento per le Libertà Civili e l'Immigrazione Valerio Valenti rilancia gli obiettivi, di fatto mai raggiunti dal 2017, nella gestione dell'accoglienza. Il sindaco: 'No ai ghetti'


Boom di migranti e minori stranieri non accompagnati: emergenza all'anno zero
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Di fronte all’aumento di arrivi di migranti sul territorio e al flusso di minori stranieri non accompagnati, servono progetti e risorse per garantire un’accoglienza dignitosa, completa e favorire processi di integrazione caratterizzati da diritti e da doveri. È la richiesta che, a distanza di un mese dalla visita a Modena del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha rivolto al prefetto Valerio Valenti, Capo Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione, ricevuto nel Palazzo comunale questa mattina, venerdì 1 settembre, insieme al prefetto Alessandra Camporota.

Di fatto un rilancio degli obiettivi che già erano centrali nelle politiche per l'immigrazione avviate dal Ministro Minniti nel 2017 per fronteggiare l'emergenza sbarchi, che diede origine al sistema di accoglienza territoriale, gestito dalle prefetture a livello provinciale per i richiedenti asilo adulti, e dai Comuni, con fondi ministeriali, per l'accoglienza dei minori stranieri accompagnati, che di fatto conosciamo oggi.

Obiettivi in sostanza mai raggiunti. Al punto da parlare ancora oggi di emergenza mai superata, anzi strutturata. E non capace di garantire ciò che era auspicabile: percorsi di integrazione, anche attraverso percorsi lavorativo e sociali. Rimasti da per anni, fino ad oggi, al palo. 

Della delegazione ministeriale facevano parte anche il prefetto Maria Forte, vice capo del Dipartimento e direttore centrale per le Politiche migratorie autorità Fami, e il prefetto Francesco Zito, direttore centrale dei Servizi civili per l’Immigrazione e l’Asilo, mentre con il sindaco c’erano il vice Gianpietro Cavazza, l’assessore al Welfare Roberta Pinelli, la direttrice generale del Comune Valeria Meloncelli, i tecnici del settore Servizi sociali e il comandante della Polizia locale Roberto Riva Cambrino.

Rispetto ai minori stranieri non accompagnati, dove si sommano i tanti arrivi autonomi a quelli ripartiti dall’accoglienza nazionale in seguito agli sbarchi, a Modena i posti disponibili sono ormai alla saturazione.

Nel 2022 sono stati gestiti complessivamente 454 minori, quest'anno le prese in carico alla fine di agosto erano 251, un'altra decina è arrivata nelle ultime ore e si sta cercando una sistemazione, ma i posti nella rete di accoglienza Sai sono esauriti e “andrebbero potenziati, non smantellati come paiono le intenzioni del Governo, perché sono la chiave per favorire la seconda accoglienza nella prospettiva dell'integrazione, e andrebbe aumentata la cifra dei rimborsi ai Comuni” ha osservato il sindaco che ha sottolineato come “sia importante l’accoglienza diffusa e sia necessario evitare di creare ghetti: i Comuni non devono essere lasciati soli ad affrontare una situazione che non può più essere considerata un’emergenza”.

Oltre a chiedere maggiore sostegno per la rete Sai, quindi, il sindaco ha avanzato anche altre richieste specifiche sia rispetto al Centro stranieri (con fondi Pnrr è previsto un intervento per la sua qualificazione, ma servono garanzie e risorse per la gestione, anche per sostenere i corsi di italiano) sia per continuare l’esperienza della comunità di transito, un progetto avviato in accordo con il Ministero che ora dovrebbe essere rifinanziato.
Un’altra richiesta specifica ha riguardato le risorse per realizzare una struttura temporanea in cui ospitare lavoratori stranieri in uscita dai percorsi di accoglienza (i Cas) ma che non riescono ancora a ottenere un alloggio: “Insomma, serve un luogo per garantire un letto e una doccia a chi lavora regolarmente”.

Insieme a Prefettura, Questura, Regione e Aziende sanitarie (Asl e Auo), inoltre, verranno definite proposte progettuali sulle quali chiedere i finanziamenti del progetto Fami per la tutela della salute dei richiedenti e dei titolari di protezione internazionale, inclusi i minori non accompagnati, in condizioni di vulnerabilità.

Anche alla luce degli ultimi fatti di cronaca, il sindaco Muzzarelli ha sottolineato la necessità di “fare uno sforzo per assicurare una convivenza sicura e rispettosa, con la comunità unita a operare a garanzia del bene di tutti i cittadini” e ha richiamato l’esigenza del rispetto del principio di un’equa ripartizione nazionale dei migranti sui diversi territori: “Non si può più parlare di emergenza, i flussi sono strutturali”.

Per il sindaco servirebbe una seria legge sulla cittadinanza (“pensiamo alle nuove generazioni”) e politiche in grado di colmare i “buchi” nella filiera composta da prima e seconda accoglienza allargando il perimetro della legalità perché “più persone abbiamo fuori dalla legalità, irregolari sul territorio, più ci ritroviamo problemi per strada con persone lasciate senza prospettive, in balia della criminalità che rischiano di diventare manovalanza per lo spaccio”.

Il quadro normativo, dal punto di vista di una città come Modena, dovrebbe essere caratterizzato da: maggiore programmazione di flussi per migranti regolari; maggiore programmazione e attenzione all’accoglienza di richiedenti protezione e minori stranieri (per prevenire situazioni emergenziali che gravano sui territori); norme a tutela delle persone più vulnerabili, premianti per i percorsi di inserimento sul territorio e di uscita dalla marginalità; supporto ai territori per le gestione delle persone in situazione di grave marginalità su salute, tenuta sociale, sicurezza.

Ovvero tutto ciò che dal 2017 doveva essere e non è stato.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Onoranze funebri Gibellini
Politica - Articoli Recenti
L'attacco di Modena Civica: 'Mezzetti ha mortificato 2686 elettori'
Il consigliere Katia Parisi: 'Ha spaccato la maggioranza ancor prima di iniziare, se ne ..
08 Luglio 2024 - 18:03
Voto anticipato in Regione, Elena Ugolini si candida e unisce civici e centrodestra
Elena Ugolini ha ufficializzato oggi la sua candidatura in vista delle regionali anticipate ..
08 Luglio 2024 - 17:09
Graduatorie Nidi d'Infanzia: 1226 richieste, per ora 450 non avranno la scuola scelta
Le domande sono in aumento di 57 unità. La percentuale di copertura è del 66,5%. ..
08 Luglio 2024 - 16:25
'Modena, Cra Gorrieri: dopo il trasferimento i problemi restano'
Modena Volta Pagina: 'A 15 giorni dal trasferimento degli anziani la situazione non è ..
08 Luglio 2024 - 12:55
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58