La Ctss conferma: 'Priorità è ridurre pressione sui Pronto soccorso'
La Personala
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliPolitica

La Ctss conferma: 'Priorità è ridurre pressione sui Pronto soccorso'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Si lavorerà dunque alla realizzazione dei primi CAU e proseguirà il percorso di riorganizzazione del servizio di Continuità assistenziale


La Ctss conferma: 'Priorità è ridurre pressione sui Pronto soccorso'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Nell’ambito del percorso provinciale di riforma del sistema di Emergenza-Urgenza si è tenuto ieri, 20 luglio, un incontro tra i rappresentanti delle tre Aziende sanitarie modenesi e i sindacati confederali, che lo avevano esplicitamente richiesto dopo la presentazione della riorganizzazione lo scorso 7 giugno, da parte dell’assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini.
L’incontro si colloca a pochi giorni dal via libera della Giunta regionale alle Linee di indirizzo per le Aziende sanitarie, che ora dovranno definire l'assetto dei servizi sulla base del modello regionale, scelte che verranno approvate nei territori nell’ambito delle Ctss da sindaci e amministratori locali, restituendo un quadro complessivo alla Regione.

'A fronte delle criticità che il nostro sistema sanitario si trova ad affrontare, in primis una importante carenza di personale - osserva la Ds Ausl Romana Bacchi - abbiamo bisogno di forme di risposta più articolate e appropriate per rafforzare i servizi.

Il primo passaggio importante è stato quello del nuovo numero unico di continuità assistenziale, che ci aiuterà ad approdare, in futuro, al numero unico europeo 116117. Ma la riforma non è solo la transizione da un numero di telefono a un altro o da una struttura a un’altra, poiché prevede un assetto nuovo dal punto di vista organizzativo con un forte coinvolgimento dei professionisti della continuità assistenziale'.

'L’obiettivo fondamentale è arrivare a ridurre la pressione sul sistema di emergenza-urgenza e in particolare sui Pronto soccorso orientando su altre strutture quella fascia di pazienti che possono trovare altrove una più appropriata risposta a bisogni di bassa criticità, gravità e complessità.

“I PS potranno così svolgere la loro funzione in maniera più congrua – ha aggiunto il direttore del Dipartimento interaziendale di Emergenza-Urgenza Geminiano Bandiera – grazie a un adeguato percorso di triage, ma anche lavorando sull’educazione sanitaria e sulla consapevolezza nell’uso dei servizi da parte dei nostri cittadini, e promuovendo la valorizzazione di tutti i professionisti che operano nell’ambito dell’Emergenza-Urgenza (EU) e Cure Primarie, nonché il coinvolgimento costante del volontariato del soccorso'.

Si lavorerà dunque alla realizzazione dei primi CAU e proseguirà il percorso di riorganizzazione del servizio di Continuità assistenziale.
Condividendo la necessità di una riforma per garantire la tenuta del sistema nel lungo periodo, i sindacati confederali hanno ribadito all’unanimità 'l’urgenza di attivare un tavolo permanente per un maggior coinvolgimento nei diversi passaggi, che interessi anche gli operatori sanitari in maniera diretta accanto alla componente medica, per mantenere il confronto aperto lungo tutto il percorso della riforma. Occorre inoltre lavorare di più per la diminuzione delle aggressioni al personale sanitario e per politiche che rendano il territorio modenese più attrattivo per i professionisti, così come avviene in altre realtà nazionali'.

'Ultimata la fase di confronto dovremo mettere il progetto nero su bianco a garanzia dell’intero percorso e dei singoli territori e a garanzia di una rete integrata di emergenza provinciale completa - ha precisato Muzzarelli ricordando che saranno programmate a breve nuove Ctss per seguire il piano investimenti sanitario oltre che la riforma stessa -. Questo cambiamento deve essere migliorativo per consentire ai cittadini di sentirsi più protetti e agli operatori più coinvolti, ma anche alleggeriti nel loro carico professionale, per migliorare il lavoro ed assicurare appropriatezza e buone cure ai nostri concittadini. Lo abbiamo ribadito nell’ordine del giorno firmato dalla Ctss a richiesta di garanzie sulla sanità pubblica: questa non può continuare ad essere a rischio, deve mantenersi come riferimento certo per la nostra Comunità'.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Onoranze funebri Gibellini
Politica - Articoli Recenti
Consiglio Comunale, la moltiplicazione dei gruppi: ora sono 11
Con la formalizzazione del monogruppo dell'ex Assessore Grazia Baracchi, uscita dal PD, ..
09 Luglio 2024 - 08:00
Il  Consiglio Comunale approva gli indirizzi di governo
Quasi 5 ore di interventi sulla relazione del sindaco di una settimana fa. A favore i gruppi..
09 Luglio 2024 - 00:45
L'attacco di Modena Civica: 'Mezzetti ha mortificato 2686 elettori'
Il consigliere Katia Parisi: 'Ha spaccato la maggioranza ancor prima di iniziare, se ne ..
08 Luglio 2024 - 18:03
Voto anticipato in Regione, Elena Ugolini si candida e unisce civici e centrodestra
Elena Ugolini ha ufficializzato oggi la sua candidatura in vista delle regionali anticipate ..
08 Luglio 2024 - 17:09
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58