Studio Aurora - Cerca la casa dei tuoi sogni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

'Soldi alla scuola e non alla guerra': studenti in piazza contro il Governo

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Il Governo ha scelto di distrarre gli italiani con attacchi ai rave party e alle ong che salvano la vita dei migranti'


'Soldi alla scuola e non alla guerra': studenti in piazza contro il Governo
Gli studenti italiani sono scesi in piazza per protestare contro il governo Meloni. Da Nord a Sud, sono venti in tutto le piazze coinvolte. “Soldi alla scuola e non alla guerra” uno dei principali slogan con cui si sono mobilitati gli studenti, per denunciare il sostegno del nostro paese all’Ucraina. Tra i principali promotori della manifestazione anche il Fronte della Gioventù Comunista che denuncia: 'Non può esistere un criterio di merito oggettivo in un sistema che ammette la differenza tra scuole di serie A e scuole di serie B e che accentua le disuguaglianze tra gli studenti nell’accesso allo studio, dichiara Simon Vial, responsabile scuola del Fgc -. Inoltre, mentre le nostre scuole cadono a pezzi il nuovo governo continua ad Investire soldi in armamenti per il conflitto in Ucraina. Siamo pronti alla mobilitazione in tutta Italia per dire basta a questo modello d’istruzione piegato alle esigenze delle aziende'.

Sono circa un migliaio gli studenti dei licei milanesi scesi oggi in piazza a Milano per il ‘No Meloni Day’. Il corteo, partito poco prima delle 10 da largo Cairoli, sfila ora per le vie del centro diretto verso porta Venezia. La marcia della manifestazione è composta, anche se non sono mancati momenti di tensione davanti alla sede Enel di via Broletto, imbrattata con la vernice. Tante le bandiere e gli slogan scanditi dai manifestanti, che cantano anche “occupiamola”, il coro dei lavoratori della Gkn, la fabbrica di Campi Bisenzio (Firenze) a rischio chiusura da oltre un anno, che ha organizzato numerose manifestazioni in giro per l’Italia con il suo striscione ‘Insorgiamo’.

'Insorgiamo per protestare contro le politiche repressive del governo – dice uno degli studenti alla ‘Dire’ - che ha scelto di distrarre gli italiani con attacchi ai rave party e alle ong che salvano la vita dei migranti.

Nel frattempo, vita e affitti costano sempre di più e le iscrizioni all’università stanno crollando, perché ormai nessuno se lo può permettere. E il governo non fa niente'. I ragazzi parlano di “caro vita e inflazione”, di 'una guerra nella quale i soldati muoiono e le multinazionali delle armi si arricchiscono', di 'lavori precari, malpagati e senza diritti'. Ma 'visto che nessuno ci rappresenta, ci rappresentiamo da soli'. Un governo che gli studenti non esitano a definire “neofascista”. 'La storia ci insegna che stiamo vivendo un film già visto - spiega una studentessa -. Mentre la gente diventa povera, si crea un clima di repressione e paura che fa comodo solo ai più ricchi. Il fascismo è nato così: paura, repressione e indifferenza'.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06