CMSI: 'Discutibile spinta OMS a vaccinare senza forti motivi di salute e sui bimbi'
Villa  La Personala
Udicon
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliSocieta'

CMSI: 'Discutibile spinta OMS a vaccinare senza forti motivi di salute e sui bimbi'

La Pressa
Logo LaPressa.it

‘La campagna vaccinale prevista dell'OMS sembrerebbe andare ben oltre ai soggetti a rischio prevedendo un primo ciclo anche per i soggetti sani’. La Commissione Medico Scientifica Indipendente ha scritto e ha ricevuto risposta dall'OMS rispetto alle raccomandazioni per le vaccinazioni autunnali. E rilancia la proposta di un confronto aperto e libero, mai concesso


CMSI: 'Discutibile spinta OMS a vaccinare senza forti motivi di salute e sui bimbi'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

“Riconosciamo che gli attuali vaccini mostrano un'efficacia modesta e di breve durata contro l'infezione dai ceppi di SARS COV-2 attualmente in circolazione”. E' la frase dei vertici dell'OMS riportata dalla Commisione Medico Scientifica Indipendente che da anni, attraverso una lettura aperta dei dati sull'infezione Covid e sugli effetti del vaccino, fa indirettamente da contraltare alla narrazione dominante sulla quale chiede da tempo un confronto scientifico aperto ai massimi livelli della sanità pubblica. A partire dall'OMS. Emblematico il recente carteggio avuto dai componenti della Commissione (Alberto Donzelli, Marco Cosentino, Patrizia Gentilini, Eduardo Missoni, Panagis Polykretis, Sandro Sanvenero, Eugenio Serravalle e Norman Fenton, Professore Emerito di Gestione del Rischio, Queen Mary University di Londra) con la dottoressa Katherine O'Brien Direttore Immunizzazione, vaccini e prodotti biologici Organizzazione Mondiale della Sanità Ginevra. 

Partendo dalle conclusioni di recenti studi scientifici a livello internazionale dai quali emergerebbe un veloce calo della riduzione dall'efficacia e della protezione in soggetti vaccinati (confermata anche dall'OMS stessa), fino a diventare negativa rispetto ai non vaccinati, la Commissione critica quella che definisce 'discutibile perseveranza nel sostenere ripetute vaccinazioni anti-COVID-19'. Il riferimento non è al passato ma al futuro, ovvero alle vaccinazioni anti-covid che l'OMS avrebbe in programma di somministrare a milioni di cittadini anche il prossimo autunno. Con particolare riferimento a quella che viene definita 'Tabellla di marcia' per per l'assegnazione delle priorità agli usi dei vaccini, pubblicata il 30 marzo 2023. Una vera a propria Road Map che sembra addirittura prescindere le evidenze o quanto meno ad anticipare uno scenario negativo.

E' la stessa OMS a rassicurare rispetto ad uno scenario ben diverso da quello anche solo di un anno fa, e quindi tale da allentare il ricorso alle vaccinazioni limitandolo (di fatto come con l'influenza), alle persone più a rischio. Ciò anche alla luce del fatto che oggi si parla di immunità ibrida, ovvero combinata tra vaccino e da infezione che ha generato un risposta naturale al virus. Un allentamento che i componenti della Commissione faticano a vedere sufficiente, almeno rispetto alla realtà delle cose

Facciamo fatica - specificano nel documento in risposta all'OMS a considerare allentate le seguenti raccomandazioni:
• intervallo più lungo (un anno? sei mesi?) per richiami aggiuntivi (oltre al 1° richiamo...) a gruppi
prioritari
• ulteriore richiamo in gravidanza entro la seconda metà del secondo semestre, se l'ultima dose è stata somministrata >6 mesi prima
• richiamo aggiuntivo (2° richiamo) per gli operatori sanitari 12 mesi dopo l'ultima dose
• serie primaria + richiamo per giovani adulti sani
• per bambini e adolescenti sani considerare la serie primaria, in base al contesto, al costo...
• i richiami oltre al 1° richiamo non sono più raccomandati di routine per i gruppi a medio rischio.

In effetti, leggendo questi punti anche con occhi non esperti, la campagna vaccinale prevista dell'OMS sembrerebbe andare ben oltre ai soggetti a rischio prevedendo un primo ciclo anche per i soggetti sani. Ma c'è di più. La Commissione Medica Indipendente, evidenzia come tali 'raccomandazioni dell'OMS (destinate a diventare vincolanti se nel 2024 saranno approvate modifiche ai Regolamenti Internazionali) sono già state rafforzate da parte delle Raccomandazioni ECDC ed EMA rispetto a vari obiettivi per la campagna vaccinale dell'autunno 2023'. Per esempio, per i bambini sotto i 5 anni di età senza anamnesi di vaccinazione o pregressa infezione da SARSCoV-2 è consigliata una serie primaria composta da 2 o 3 dosi (a seconda dello specifico vaccino).

Raccomandazioni che per la Commissione Medica Indipendente confermerebbero la spinta non giustificata alla vaccinazione, almeno stando ai dati, rispetto ai soggetti non a rischio. Considerazione rispetto alla quale la Commissione stessa ha chiesto da tempo un confronto aperto, diretto, periodico, e che, di fatto, vada oltre ad un seppur significativo botta e risposta via mail. Un confronto mai concesso. Una richiesta accompagnata anche a quella di dati non filtrati e sulla opportunità di una vigilanza attiva (e non passiva come fino ad ora avvenuto), sugli effetti avversi.

'Riteniamo che questi segnali e il principio di precauzione dovrebbero fermare la spinta a vaccinare e rivaccinare coloro che non abbiano forti motivi personali di salute per farlo; tale moratoria dovrebbe partire da tutti coloro che hanno superato una o più infezioni naturali' - conclude la Commissione.

Gi.Ga.


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Udicon
Articoli Correlati
Eppure è successo
Le Vignette di Paride
14 Maggio 2024 - 10:21
Modena, il film 'La morte negata' alla sala Ulivi
Societa'
08 Marzo 2024 - 14:45

Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Scuole superiori scelte e negate, partiti i ricorsi:  interessato il Capo dello Stato
Sono due, relativi a studenti che si sono visti negare tutte e tre scuole indicate i ricorsi..
08 Luglio 2024 - 14:15
Le alghe invadono il Naviglio, animali in difficoltà e rischio in caso di piena
Il livello di copertura sopra e sotto la superficie è altissimo. La rimozione, un tempo ..
08 Luglio 2024 - 02:11
Il cardinale Ruini colto da malore: è ricoverato in terapia intensiva
'Il paziente è vigile e collaborante e le sue condizioni cliniche sono al momento stabili. ..
07 Luglio 2024 - 19:36
Comuni ricicloni: primato Aimag in Emilia-Romagna e nel territorio modenese
La società di Mirandola gestisce la raccolta a Carpi e nella maggior parte dei comuni ..
07 Luglio 2024 - 00:23
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto Astrazeneca, Pfizer, J&J e Moderna
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda dose di Pfizer
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green pass legge inaccettabile'
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda dose. E ora sono anche positiva'
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24