La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliSocieta'

Inquinamento area sportiva San Cesario: il rilevamento salta ancora

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dopo 2 anni, non ancora risolti i problemi di segnale gsm per la trasmissione dati. La risposta dell'Arpae e della lista Rinascita Locale che incalza: 'Assurdo. Disattesa la volontà del Consiglio'


Inquinamento area sportiva San Cesario: il rilevamento salta ancora
Non c'è ancora stato modo di verificare se il sistema di trasmissione dati gsm sia migliorato rispetto a tre anni fa e sia nelle condizioni di stabilità di potere attuare un monitoraggio di almeno 20 giorni dell'inquinamento atmosferico nell'area del Polo sportivo di via Ghiarella. Questo, unito alle difficoltà per i tecnici ad effettuare in questo periodo dei sopralluoghi necessari, porta a concludere che la campagna di monitoraggio dell'inquinamento nel sito di via Ghiarella, in cui ha sede il campo sportivo, non sarà eseguita. Questa, in sintesi, la conclusione emersa dall'incontro tecnico che i responsabili Arpae hanno avuto con il Comune di San Cesario per fare il punto sull'auspicata nuova campagna di monitoraggio del sito che dal 2016, da una campagna di rilevamenti dell'inquinamento svolta da Arpae, sollecitata dai genitori dei bambini che frequentano il centro sportivo, evidenziò livelli di PM 10 in linea con viale Giardini a Modena, luogo notoriamente inquinato di Modene e provincia, oltre alla presenza di particelle vetrose nell'aria. Le cause di questo inquinamento sono sempre state evidenti. Il campo sportivo, oltre a nascere in un'area depressa perché all'interno di una ex cava, ha nelle vicinanze l'autostrada ed il deposito di vetro a cielo aperto dell'Emiliana-Rottami. Insomma non il luogo ideale per praticare attività sportiva. Nel presente e tanto più nell'immediato futuro che vedrebbe l'avvio dei lavori pluriennali per una cava, con attività di scavo ed il passaggio di decine di mezzi pesanti al giorno e dai lavori per la realizzazione della circonvallazione. 

 

La necessità di monitorare il livello di inquinamento dell'area, aveva portato nel 2018 ad una mozione proposta dall’allora consigliere Francesco Sola ed approvata dal consiglio comunale che impegnava l’amministrazione a eseguire un controllo dell’aria nei mesi idonei, ovvero quelli estivi del 2019. 'Il 16 luglio 2019 il sindaco Zuffi, per voce dell’assessore Pancaldi, appellandosi a problemi tecnici all’allacciamento elettrico e alla linea gsm incostante evidenziati da ARPAE nel 2017 - ricorda oggi il Consigliere comunale di Rinascita Locale Mirco Zanoli - aveva già di fatto disatteso la mozione approvata un anno prima. Successivamente, nonostante la mancata conoscenza delle condizioni dell’aria che avrebbero dovuto continuare a respirare i ragazzi in quel luogo, l’Amministrazione ha proceduto ad un investimento al suo interno del valore di 750.000 euro, tra una nuova palestra e un rifacimento in sintetico di uno dei manti erbosi nei campi da calcio.

A inizio 2020, precisamente il 2 gennaio inviammo una interrogazione per chiedere il perché della mancata rilevazione dell'inquinamento. L'amministrazione ci ha risposto che era intenzione farla, che la richiesta era stata avanzata ad Arpae e si confidava che questa fosse accolta nonostante la precedente comunicazione del 2017 di ARPAE dove si dichiarava il sito inidoneo.

A tale richiesta ARPAE ha risposto il 19 febbraio 2020 precisando che, dalle informazioni in possesso alla stessa Agenzia, risulta che ad oggi la situazione è rimasta invariata, pertanto permangono gli stessi motivi che non consentono di effettuarla. Per superare tali problematiche l’Agenzia propone di eseguire il monitoraggio della qualità dell’aria in via Berlinguer. A partire dal 20 maggio.

Morale, nonostante le garanzie forniteci dall’Amministrazione nel 2019 di risolvere i problemi tecnici presenti dal 2017, i problemi sono inconcepibilmente ancora presenti anche nel 2020. E non avvalleremo che la campagna di rilevazione sia fatta in una zona diversa dal polo sportivo. Via Berlinguer non è via Ghiarelle ed i siti per la loro differente dislivello, non sono paragonabili. 

Il nostro unico intento è tutelare la salute dei bambini, dei giovani atleti che la frequentano, venendo a conoscenza di cosa respirino realmente, visto che più studi medici affermano che la vicinanza alle fonti inquinanti aumenta esponenzialmente il rischio di malattie respiratorie soprattutto nei più giovani. Un ambiente di fianco ad un autostrada da 8 corsie, con cumuli di vetro tuttora attigui e polveri sottili ai livelli di via Giardini a Modena (dati ARPAE), che verrà lambito dalla circonvallazione in procinto di realizzazione e interessato della già approvata cava Ghiarelle. Fatto sta che ad oggi, a più di tre anni da quelle analisi che certificarono l'inquinamento del luogo, abbiamo la certezza che le indagini dettate e necessarie in funzione del principio di precauzione, non saranno eseguite. E questo - conclude Zanoli - ci pare davvero assurdo ed inaccettabile, tanto più quanto si ha ha a che fare con la salute dei cittadini e dei nostri bambini e dei giovani atleti'

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Soffiatori a motore e foglie cadenti: si moltiplica l'inquinamento
Lettere al Direttore
03 Novembre 2017 - 17:42- Visite:18127
Coronavirus, la mappa dei contagi: 21 casi a Modena e 9 a Maranello
La Provincia
16 Marzo 2020 - 18:11- Visite:15988
Pianura Padana, ecco le mappe del disastro smog
Politica
02 Novembre 2017 - 13:15- Visite:14678
Dossier inceneritore, l'inquinamento e l'acquario
Dossier Inceneritore
01 Novembre 2017 - 07:30- Visite:14134
Dossier inceneritore parte 2: la fotografia di quello che esce dal ..
Dossier Inceneritore
18 Agosto 2017 - 15:44- Visite:13843
'Cumuli di vetro, così Società autostrade se ne lava le mani'
Politica
20 Maggio 2017 - 06:58- Visite:12354
Societa' - Articoli Recenti
Covid, nuovi casi a Formigine, San ..
Contagi anche a Carpi, Castelfranco, Maranello, Soliera. Tre casi a Modena città
14 Settembre 2020 - 18:07- Visite:2012
Covid, 127 contagi in Emilia Romagna...
In provincia di Modena, su 15 nuovi positivi, 4 sono di rientro dall’estero (3 dalla ..
14 Settembre 2020 - 17:27- Visite:1046
Primo giorno di scuola: tutti in ..
Grande festa per la Maserati che conferma il suo impegno in città e ne siamo felici, ma ..
14 Settembre 2020 - 16:01- Visite:505
Prima campanella post-Covid, ..
Oggi, dopo un’attesa durata sei mesi i ragazzi, con naso e bocca coperti dalla mascherina,..
14 Settembre 2020 - 14:25- Visite:270


Societa' - Articoli più letti


Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia ..
Lo riporta l'Istituto superiore di sanità nell'ultimo report del 14 aprile sul contagio da ..
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:122265
Modena in zona rossa: cosa prevede la..
Spostamenti bloccati, permessi solo per emergenza. Chiuse palestre, piscine e centri ..
07 Marzo 2020 - 21:45- Visite:67763
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:67165
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare..
In questo periodo solo il marito si recherà a fare al spesa, avendo al seguito ..
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:51198