Il Consiglio di Stato boccia la nomina della Musti
GIFFI NOLEGGI
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
notiziarioLa Nera

Il Consiglio di Stato boccia la nomina della Musti

La Pressa
Logo LaPressa.it

Accogliendo il ricorso del collega Paolo Giovagnoli, e confermando la sentenza del 17 gennaio che aveva annullato la nomina 'per un difetto di motivazione'


Il Consiglio di Stato boccia la nomina della Musti
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Con il pronunciamento (favorevole) del Consiglio Superiore della Magistratura, a meta' dello scorso marzo, la questione relativa alla nomina del Procuratore Capo Lucia Musti, messa in discussione dal ricorso presentato dal collega Paolo Giovagnoli, sembrava conclusa. Invece no. Tutto si è riaperto nelle scorse ore con una nuova sentenza favorevole a Giovagnoli e che di fatto riporta il tempo indietro fino alla bocciatura della nomina della Musti. Sulla base della sentenza sarebbe mancata 'una valutazione specifica delle pregresse esperienze di direzione'.

La vicenda
A meta' dello scorso gennaio il Consiglio di Stato aveva annullato la nomina di Musti a procuratore capo di Modena accogliendo il ricorso di Giovagnoli (avanzato dopo una sentenza a lui sfavorevole targata Tar del Lazio) per un difetto di motivazione: il Csm non aveva ben argomentato le ragioni, avevano convenuto i giudici amministrativi di secondo grado, per cui si era preferito un procuratore che in precedenza era aggiunto, appunto come Musti, a un procuratore che era gia' capo come Giovagnoli.

Ma Musti a suo tempo non batte' ciglio o quasi, ritenendosi fiduciosa che il Csm, come da prassi, avrebbe integrato le motivazioni rinominandola. A marzo, in effetti, Musti e' stata quindi rinominata a capo della procura modenese, col Csm che spiegava come il suo profillo fosse 'assolutamente prevalente' rispetto a quello degli altri candidati: insomma, anche di fronte alla concorrenza di un procuratore gia' 'capo' come Giovagnoli, bastava la sua esperienza da procuratore aggiunto.

Fino ad oggi, all'ultima novità: Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, sezione quinta, accoglie il ricorso in in via definitiva. 'Previa declaratoria di nullita'' della delibera del Csm del 14 marzo, il Consiglio di Stato ordina infatti l'ottemperanza alla sentenza del 17 gennaio, nel termine di 20 giorni dalla comunicazione della sentenza di oggi, 'a favore del ricorrente' Giovagnoli.
Il tutto condannando Csm e ministero della Giustizia, fra l'altro, a pagare 4.

000 euro di spese legali. Da parte sua, Musti aveva comunque deciso di non costituirsi in giudizio in questo secondo processo, confidando magari nelle scarse ragioni del ricorrente Giovagnoli.

Le conclusioni
Dunque, la delibera del Csm che ha promosso Musti, ritenendola in sostanza meglio attrezzata su Modena perche' costituiva un territorio che la stessa gia' conosceva da procuratore aggiunto, non va bene. 'Il solo elemento differenziale tra i due che ora viene fatto emergere- si legge nella sentenza dei giudici amministrativi di secondo grado- e' la conoscenza dell'ufficio ad quem e del suo territorio, ivi prestando ella gia' servizio. Ma e' questo un profilo' che 'non puo' assumere rilievo alcuno in uno scrutinio comparativo, che e' per sua natura su base nazionale e dunque non puo' che prescindere dal radicamento personale sul singolo territorio'. Diversamente, continua il Consiglio di Stato nella sentenza, 'sotto la veste della rinnovanda motivazione si introdurrebbe un criterio selettivo nuovo e atipico, spurio e incongruo rispetto all'impersonalita' e uniformita' degli uffici giudiziari; e si determinerebbe nei fatti un'asimmetria fatalmente incolmabile tra i candidati'.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni
Articoli Correlati
Modena salvo, ma quanta fatica
Sport
05 Maggio 2024 - 17:49
San Filippo e San Giacomo apostoli: i primi cristiani
Il Santo del giorno
03 Maggio 2024 - 06:45

Whatsapp
La Nera - Articoli Recenti
Camion si ribalta in A1 per esplosione di pneumatico: traffico bloccato
La polizia stradale, giunta sul posto insieme ai sanitari 118, sta procedendo alla pesa del ..
20 Maggio 2024 - 12:52
Anzola Emilia, vigilessa uccisa da un colpo di pistola
Lo sparo è partito dalla pistola di ordinanza di un collega, Giampiero Gualandi, ex ..
17 Maggio 2024 - 01:03
Correggio, bus Seta in fiamme: 80 passeggeri a bordo. Tutti illesi
'Il mezzo si trova ora nel deposito Seta di via del Chionso a Reggio Emilia, dove verrà ..
15 Maggio 2024 - 12:52
Sequestro da 550mila euro per la banda pakistana AK-47 Carpi
Tre cittadini pachistani residenti a Carpi, indagati per reati fiscali e autoriciclaggio
15 Maggio 2024 - 10:59
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati a persone malate e stupratori
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli elettrodi a mani e piedi dei bimbi
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00
Bibbiano, minore usata come 'cavia' da Foti per dimostrare sue teorie
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ambulanza
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39