La Ghisi carburanti
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Italpizza
rubricheRuote Libere

Cispadana, l'autostrada non serve: ma il passo indietro è tardivo

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ho sempre ritenuto l'?potesi della creazione di una autostrada a pedaggio eccessivamente impattante in termini ambientali e poco praticabile


Cispadana, l'autostrada non serve: ma il passo indietro è tardivo

Non sorprende affatto come ciclicamente si riaccenda il dibattito sulla natura della futura ed eternamente promessa ‘Cispadana’. Quei 67 chilometri di strada che dovrebbero collegare Reggiolo a Ferrara, vagheggiati da anni e mai realizzati, e che nelle intenzioni dei costruttori (Coopsette, Pizzarotti, Coseam, Cordioli, Collini, Wiptaler, Mazzi, Ccc, Oberosler) dovrebbero necessariamente essere a pedaggio, condizione indispensabile per sostenere economicamente il progetto (anche se va ricordato come, pur essendo a pagamento, i conti delle nuove autostrade Pedemontana, Teem e Brebemi non lasciano spazio ad grande ottimismo).

Una tesi - quella della nuova autostrada a pagamento - sostenuta con forza dalle istituzioni locali, regionali e nazionali e dalle forze politiche di maggioranza così come molte dell’opposizione. 

Fino a qualche settimana fa solo i comitati e alcune voci critiche chiedevano di percorrere una ipotesi diversa: quella di una superstrada a scorrimento veloce, a due corsie per ogni senso si marcia, gratuita (sull’esempio della Transpolesana che unisce Verona a Rovigo) frutto del semplice completamento dell'attuale strada Cispadana con opere aggiuntive di ampliamento e collegamento .

Personalmente, pur nelle vesti di rappresentante nazionale di una associazione di autotrasportatori, ho sempre ritenuto l'ìpotesi della creazione di una autostrada a pedaggio eccessivamente impattante in termini ambientali e poco praticabile. A meno che non si pensasse che le esigenze delle aziende chiamate a costruire quella strada bastassero da sole a sostenere la bontà dell'intero disegno da oltre un miliardo e 300 milioni. Detto questo rimane un fatto che la rete stradale della ‘Bassa modenese’  ha assoluta necessità di essere potenziata, ma in modo puntuale e con collegamenti ad hoc. Una rete infrastrutturale adeguata è indispensabile per lo sviluppo economico di ogni territorio e per attrarre nuovi investitori. 

Ora constato come - tra mille distinguo - stia passando, anche nel mondo delle istituzioni e della maggioranza, l'idea di una infrastruttura più leggera, bretella o superstrada che sia. Ora si afferma, pure nelle associazioni di rappresentanza territoriali, che non è corretto restare appesi al concetto di autostrada (finalmente un bel passo indietro rispetto alla determinazione sull’autostrada affermata fino a pochi mesi fa), ma occorra iniziare il cantiere anche per realizzare qualcosa di diverso e meno impattante per l’ambiente. 

L'impressione però è che questa nuova fase 'a basso impatto' sia il preludio non a un vero e positivo cambio di mentalità, ma a un lento accantonamento dell'intero progetto che così come è, senza risorse pubbliche ulteriori, - come ha affermato in più di una occasione il presidente della società chiamata a realizzarlo, Graziano Pattuzzi - sta in piedi solamente se i costruttori possono contare, nei 49 anni di concessione ipoteticamente già previsti, su introiti che ammortizzino il project financing. E quindi sui pedaggi. 

Montagne di carte, fiumi di polemiche, investimenti in progettistica, milioni di soldi pubblici già spesi che rischiano di finire in nulla. 

Una progettualità stroncata non tanto dalle polemiche e dalle legittime critiche dei detrattori quanto dalla mancanza di visione proprio di chi quel progetto lo ha pensato e difeso per anni. 

Cinzia Franchini 




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Società Dolce: fare insieme

Ruote Libere - Articoli Recenti
'Credito di imposta autotrasporto: il..
Cinzia Franchini (Ruote Libere): 'Firmato oggi il decreto dirigenziale, ma è un labirinto ..
29 Luglio 2022 - 14:28
'Autotrasporto, click day e tetto ..
Franchini (Ruote Libere): 'Una procedura oltremodo complessa e farraginosa per le piccole ..
20 Luglio 2022 - 17:56
Caro carburante, Governo proroga il ..
Nota congiunta del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, e del Ministro ..
19 Luglio 2022 - 16:49
‘Credito di imposta autotrasporto: ..
Franchini (Ruote Libere): ‘Dare una boccata di ossigeno alle imprese di autotrasporto che ..
14 Luglio 2022 - 17:07
Ruote Libere - Articoli più letti
Autostrade, la concessione resta: la ..
La neo ministro De Micheli, è stata una delle principali animatrici del laboratorio di ..
08 Settembre 2019 - 11:50
Green Pass nei trasporti, svolta dal ..
Il testo precisa che fino al 31 dicembre 2021 si applicheranno le disposizioni contenute del..
14 Ottobre 2021 - 17:27
'Green pass e autotrasporto: è ..
Ruote Libere: 'Noi avevamo preventivato questo esito, ma resta il danno di immagine che chi ..
27 Settembre 2021 - 14:29
'No Green Pass, gli autotrasportatori..
'Le critiche al green pass possono essere mosse da ciascuno, ma farne una battaglia di ..
25 Settembre 2021 - 12:14