Per far funzionare bene questo sito, a volte installiamo sul tuo dispositivo dei piccoli file di dati che si chiamano "cookies". Anche la maggior parte dei grandi siti fanno lo stesso. Puoi scegliere a quali cookies vuoi negare il tuo consenso deselezionando le voci seguenti e cliccando su SALVA LE MIE SCELTE. Maggiori informazioni sulla nostra Privacy Policy.

Cookies Essenziali
Cookies Analitici
Cookies Pubblicitari
Cookies Social

La Pressa redazione@lapressa.it Quotidiano di approfondimento Politico ed Economico
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliChe Cultura

Domus clari Geminiani: da Caselli e Cavani lo spot più bello a Modena

Data: / Categoria: Che Cultura
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

'Confidiamo che ci sia qualcuno in grado di comprendere le potenzialità del prodotto perché si tratta di un formidabile strumento di promozione per la città'


Video Bloccato per mancanza del consenso alla visualizzazione

Il Duomo di Modena come non si era mai visto prima. Quasi 300 persone hanno partecipato, lo scorso 9 febbraio, alla presentazione e alla proiezione di “Domus Clari Geminiani”, il documentario nato da un'idea del giornalista Stefano Caselli (nella foto sotto) e di Renato Cavani, già direttore dei Musei del Duomo di Modena.



Nella chiesa della Madonna Pellegrina, in città, allestita con un maxi schermo, le immagini di Nicola Xella e la regia di Carlo Battelli hanno raccontato la storia della cattedrale, dalla fondazione ai giorni nostri. “E' stato uno sforzo notevole – ha spiegato Caselli – frutto dell'impegno collettivo di tutti noi e solo noi. Quando nel 2011 abbiamo iniziato le riprese avevamo ricevuto promesse di contributi, ma evidentemente erano solo chiacchiere da bar. Però con serietà e responsabilità abbiamo terminato il lavoro. Ed è stato anche più bello”. 



Un applauso prolungato ha accompagnato i titoli di coda al termine della video-visita di 100 minuti alla “Casa di San Geminiano”, attraverso un percorso che tocca la Cattedrale ma anche i tesori ospitati nei Musei del Duomo e alcuni luoghi della provincia modenese legati al Romanico, al Duomo e al Medioevo. Un ruolo importante nel racconto lo hanno giocato i cittadini di Frassinoro, che come per la loro Settimana Matildica, dedicata alla contessa di Canossa, hanno indossato i costumi aiutando la ricostruzione e trasformandosi nei protagonisti della Storia.

Ad esempio grazie a Dario Tazzioli, scultore nella vita e Wiligelmo nel documentario, è stata allestita una vera e propria “bottega” con tanto di scalpellini del 1100. Il grande protagonista è comunque il Duomo, raccontato anche grazie alle musiche di Enrico Degli Esposti, alle narrazioni di Franca Lovino e Andrea Ferrari, alla voce di Mario Cordova, uno tra i doppiatori italiani più apprezzati e conosciuti.

“E' stato bello – ha aggiunto Caselli – ricevere apprezzamenti sulla formula del racconto, sulle animazioni 3D, sulla fotografia e sulla completezza del lavoro, editabile come video-guida per la cattedrale ma anche come prodotto televisivo. Ora dobbiamo veicolarlo e abbiamo già alcune idee. E confidiamo che ci sia qualcuno in grado di comprendere le potenzialità del prodotto perché questo documentario è un formidabile strumento di promozione per la città, per la Regione e per l'Italia. Non a caso, al termine della proiezione – ha concluso Caselli – , tutti hanno manifestato la volontà e la voglia di andare a visitare il Duomo: obiettivo centrato”.



Per gli sviluppi sul progetto è stato attivato il sito www.videoduomomodena.it, e gli autori sono disponibili ad organizzare nuove proiezioni dopo il successo della “prima” alla Madonna Pellegrina, grazie alla disponibilità di don Matteo Cavani e alla collaborazione di don Federico Manicardi. Questo per promuovere la conoscenza di quello scrigno di storia, cultura ed arte sulle cui fondamenta è cresciuta un'intera città. Perché la nascita di Modena è strettamente al suo Duomo. “Che è soprattutto la Casa di San Geminiano – ha ricordato il professor Renato Cavani – ma è la casa di tutti. E permettetemi di ricordare qualcuno che ha davvero amato profondamente il Duomo e che per anni lo ha curato e custodito con rispetto e devozione: monsignor Rino Annovi”.


Admin Giuseppe Leonelli
Admin Giuseppe Leonelli

Direttore responsabile della Pressa.it. Nato a Pavullo nel 1980, ha collaborato alla Gazzetta di Modena e lavorato al Resto del Carlino nelle redazioni di Modena e Rimini. E' stato vicedi..   Continua >>


Profilo Linkedin di Admin Giuseppe Leonelli Indirizzo Email di Admin Giuseppe Leonelli 


Articoli Correlati


'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:116092
M5S: 'Lavoro festivo, ridare diritti ai lavoratori del commercio'
Politica
27 Marzo 2018 - 15:08- Visite:30435
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:26205
E dopo il Modena calcio toccherà al Modena volley finire nella ..
Sport
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:22803
Edicola La Rotonda, l'appello del titolare: 'Così non ce la faccio'
Pressa Tube
01 Novembre 2017 - 19:22- Visite:17687
Soffiatori a motore e foglie cadenti: si moltiplica l'inquinamento
Lettere al Direttore
03 Novembre 2017 - 17:42- Visite:15446
Che Cultura - Articoli Recenti
Mak P 100, la cerimonia al parco Novi ..
Passaggio della stecca accademica dal 198° corso Saldezza al 199° corso ..
26 Maggio 2018 - 16:06- Visite:109
Tutto pronto per la domenica di ..
Ultimi biglietti disponibili. Tre menù a tema e sensoriali immersi ..
26 Maggio 2018 - 09:45- Visite:157
A Modena il Festival dell'editoria non ..
Al circolo La Terra dei Padri per tutto il fine settimana, la seconda ..
25 Maggio 2018 - 19:34- Visite:182


Che Cultura - Articoli più letti


18 settembre 1977: al parco Ferrari in ..
Il precedente al quale si aggrappa Muzzarelli per sperare che il primo ..
19 Giugno 2017 - 17:10- Visite:11620
Vasco, forse era giusto così...
Da sempre mi assilla il senso del tempo. Vasco in questo ha dato voce a ..
02 Luglio 2017 - 20:04- Visite:11283
Viaggio nel Dna delle mummie di ..
Il 58% risulta essere di sesso femminile, il 34% maschile, non è stato ..
12 Agosto 2017 - 20:44- Visite:11220

Contattaci

Feed RSS La Pressa

Contattaci

Feed RSS La Pressa