La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliEconomia

Bilanci comunali, parlano le imprese: 'Ecco cosa dovrebbe esserci'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Fisco, burocrazia, appalti, riqualificazione rete distribuitva, legalità e turismo. Rete Imprese Italia presenta ai comuni le priorità da inserire 'a bilancio'


Bilanci comunali, parlano le imprese: 'Ecco cosa dovrebbe esserci'

Confartigianato Lapam, Confcommercio-Fam, Cna, Confesercenti. Le tre sigle di rappresentanza sindacale del commercio e delle piccole e medie imprese riunite questa mattina intorno ad un unico tavolo, con i loro responsabili provinciali. Ma non per un confronto su cosa c'è da fare, ma per trasmettere alla città, ma soprattutto ai comuni ciò che, dal punto di vista di fa impresa, andrebbe inserito nei bilanci comunali di prossima approvazione.

'Siamo pronti a contribuire alla stesura di bilanci utili ad alimentare le prospettive di benessere e di crescita economica sostenibile dei nostri territori, nell'auspicio si apra una nuova stagione fondata su confronti di merito, pronunciamenti e risposte chiare ai problemi che presentiamo'- hanno affermato questa mattina i rappresentanti delle diverse sigle, nella conferenza stampa alla Camera di Commercio

Cinque i temi toccati dal documento messo a punto: fisco e burocrazia; appalti; riqualificazione e rete distributiva; turismo; legalità.

TASSE PIU' EQUE E MENO BUROCRAZIA

'Senza dimenticare che la tassazione locale incide per oltre il 20% - puntualizza Rete – è necessario che sull'IMU, in attesa di conoscere l'esito dell'introduzione della local tax, siano almeno congelate le aliquote e si escluda dalla sua applicazione gli immobili strumentali all’attività d’impresa'

'In tema di tassazione dei rifiuti, poi – dichiarano Confesercenti, Cna, Lapam, Confcommercio - , come è accaduto in alcuni Comuni,
va accelerato il percorso di riequilibrio nella suddivisione del carico tributario tra utenze domestiche e utenze non domestiche e di esclusione delle aree destinate alla produzione di rifiuti speciali dal calcolo della TARI, ma va anche posta molta attenzione, nell'adozione della tariffa puntuale, su alcune categorie, come quelle che producono assimilati». «Sulla semplificazione, rimasta da anni al palo – incalza Rete - vanno fatti passi in avanti, anche attraverso la costituzione di commissioni ad hoc, nell'ottica di omogeneizzare su scala provinciale i regolamenti in materia urbanistica, edilizia, tributaria, ambientale, di accesso ai servizi: parliamo di un obiettivo a costo zero'.

APPALTI A MISURA DI MICRO PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL TERRITORIO

'Il Nuovo Codice degli Appalti – dichiarano le Associazioni - che permette di usare l’affidamento diretto per lavori da 40.000 sino a 150mila euro, è uno strumento utilissimo per coinvolgere nei cantieri pubblici imprese locali: la nostra richiesta è di utilizzare al massimo questa possibilità'.
'Nel complesso – prosegue la nota di Rete – va agevolato l'accesso delle imprese modenesi agli appalti e vanno inoltre utilizzare le risorse stanziate dalla scorsa manovra per la messa in sicurezza dei territori'.

REGIA UNICA E RISORSE PER IL TURISMO

«Riconoscendo l'ottimo lavoro fatto da Expo in avanti perché l'economia del turismo potesse crescere – dichiara Rete – è il momento di fare un salto di qualità sul fronte organizzativo e per questo chiediamo che Modena, analogamente a quanto avvenuto a Bologna, si doti, partendo dalla significativa esperienza di Modenatur, di una DMO: una struttura organizzata provinciale, un'unica regia, su cui fare confluire le risorse pubbliche e private, per attivare la promo commercializzazione del territorio e dei suoi prodotti turistici». «L'auspicio – incalzano le quattro Associazioni - è, in particolare, che, dando finalmente gambe al progetto Mailander, dalla collaborazione tra Comune, CCIAA, Fondazione CRMO possa costituirsi un fondo economico idoneo al sostegno al “Progetto Turismo di Modena».

PICCOLE ATTIVITA' ASSET DI SVILUPPO URBANO

«La nuova fare di sviluppo urbano incentrato anche sulla “rigenerazione urbana”, - afferma Rete – deve vedere, da un lato, strumenti urbanistici locali con azioni/misure agevolate per incentivare/sostenere i progetti che i privati potrebbero mettere in campo; dall'altro la messa al centro, nei progetti di riqualificazione urbana ed edilizia, del piccolo commercio e dell’artigianato come elemento di qualità urbana». «Per questo – rilancia Rete – e anche al fine di creare un nuovo possibile equilibrio nella rete distributiva, vanno previste tassazioni agevolate per botteghe che aprono in zone più difficili delle realtà urbane, vanno istituiti “fondi” ad hoc alimentati da quote degli oneri di urbanizzazione/costruzione derivanti da interventi insediativi/commerciali di medio/grandi dimensioni in atto, va stoppato ogni ulteriore progetto di medie e grandi strutture di vendita oltre che di distributori della GDO».

LOTTA A CRIMINALITÀ E AD ABUSIVISMO

«Su sicurezza e legalità – puntualizzano all'unisono i quattro Presidenti - siamo consapevoli di quanti sforzi mettano quotidianamente in campo le Forze dell'Ordine, i cui organici vanno però adeguati alle sempre più pressanti sfide di micro e macro criminalità». «Va poi ulteriormente potenziato il Fondo Sicurezza della Camera di Commercio prevedendo di allargarlo al tema della sicurezza informatica, e incentivato il “controllo di vicinato” nelle zone residenziali e nelle aree artigianali; ma – conclude Rete - serve soprattutto certezza della pena, senza la quale rischiano puntualmente di venire limitate od addirittura vanificate le tante e positive attività delle Forze dell'Ordine».



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0: soci prestatori esigono risposte
Il Punto
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:28539
'Coop Alleanza 3.0, un bilancio in perdita per ripartire: prestito ..
Economia
04 Maggio 2019 - 14:33- Visite:14747
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:13445
Cna Servizi Modena in pre-fallimento, tutti i numeri della crisi
Economia
23 Luglio 2017 - 10:30- Visite:13243
Meter Italia passa di mano e diventa francese per 25,78 milioni di ..
Economia
29 Luglio 2017 - 16:41- Visite:12109
Processo Aemilia e 'ndrangheta: si indaga sul ruolo del dirigente Cna,..
Economia
19 Agosto 2017 - 07:00- Visite:11996
Economia - Articoli Recenti
Aperture a Natale, sindacati contro ..
Il dibattito a Modena, l'appello di CGIL: 'La deregulation introdotta dal Salva Italia ha ..
14 Dicembre 2019 - 10:30- Visite:252
Aceto Balsamico di Modena, la difesa ..
'Mi ha lasciata un po’ sconcertata la sentenza di questi giorni relativa all’aceto ..
13 Dicembre 2019 - 16:11- Visite:544
Biomedicale, visita di Bonaccini e ..
Questa visita - si legge in una nota della azienda - sottolinea il valore dell’azienda ..
13 Dicembre 2019 - 16:06- Visite:563
Confcooperative ER: plastic e sugar ..
Milza, presidente di Confcooperative ER: le imprese di questa regione escono penalizzate ..
13 Dicembre 2019 - 12:30- Visite:711


Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:58206
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:45248
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:28539
Bper, correntisti ex dipendenti ..
'Se Bper non manifestasse un reale interesse a mantenere le migliaia di correntisti tra ..
03 Dicembre 2019 - 17:52- Visite:27469