La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliEconomia

In Emilia-Romagna imprese tartassate dalla Tari

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lo rivela il primo rapporto dell'Osservatorio tasse locali di Confcommercio, focalizzato proprio sulla misurazione dell'imposta sullo smaltimento


In Emilia-Romagna imprese tartassate dalla Tari
Alberghi, ristoranti, bar, ma anche negozi di ortofrutta e di generi alimentari. In Emilia-Romagna 'tartassati' dalla Tari, la tassa sui rifiuti applicata dai Comuni, piu' che nelle altre regioni italiane. Lo rivela il primo rapporto dell'Osservatorio tasse locali di Confcommercio, focalizzato proprio sulla misurazione dell'imposta sullo smaltimento.

In Emilia-Romagna l'associazone evidenzia 'la forte disomogeneita'' dei costi della Tari per le diverse categorie economiche, che spesso 'non tengono conto delle particolari caratteristiche dell'attivita' (si pensi agli spazi del negozio adibiti a mostra-esposizione che vengono comunque calcolati ai fini della tassa) o della stagionalita' di particolari esercizi'. Tra le categorie economiche che, a livello regionale, mostrano i maggiori scostamenti del valore dell'aliquota media (euro per metro quadro) rispetto alla media nazionale ci sono gli alberghi con ristorante (5,54 euro in regione contro una media italiana di 4,73 euro), edicole, farmacie e tabacchi (5,67 euro contro 4,79), ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub (15,92 euro contro 13,72). Ma anche mense, birrerie, hamburgherie (15,44 euro contro 14,11), bar, caffe', pasticcerie (12,61 euro contro 10,68), pane e pasta, macellerie, salumerie, generi alimentari (8,48 euro contro 6,93), ortofrutta, pescherie, piante e fiori (20,11 euro contro 15,05).

'La tassa rifiuti- protesta il presidente di Confcommercio Emilia-Romagna, Enrico Postacchini- continua a rappresentare un peso insostenibile e spesso ingiustificato per le imprese del nostro territorio, se si considerano le iniquita' che lo caratterizzano, la differenza del costo tra diversi Comuni anche di una stessa provincia e tra le varie categorie economiche, e senza contare come la spesa sia spesso sganciata dalla qualita' del servizio'.

Per questo, sostiene Postacchini, 'occorre intervenire in maniera urgente per avviare un percorso di maggiore efficienza nella determinazione ed applicazione della tariffa evitando eccessive difformita' a livello territoriale, e tenendo conto delle specificita' di determinate attivita' economiche delle imprese del terziario, al fine di prevedere esenzioni o agevolazioni'. Insomma, per confcommercio, 'dai dati emersi risulta evidente come sia urgente una profonda revisione dell'intero sistema capace di superare definitivamente la logica dei coefficienti presuntivi di produzione con un sistema che rispetti il principio europeo 'chi inquina paga''.

Non solo, un sistema equo, secondo l'associazione, dovrebbe tenere 'conto di specifiche esenzioni-agevolazioni per le attivita' stagionali e per le aree scoperte operative e che venga confermato il principio secondo il quale il tributo non e' dovuto, ne' in parte fissa ne' in parte variabile, per i rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato a recupero'. Sarebbe, infine, ' fondamentale introdurre misure che leghino in maniera sempre piu' vincolante la determinazione dei costi del servizio a parametri di efficienza ed a misure volte a garantire un'equa e oggettiva ripartizione tra la componente domestica e non domestica e tra parte fissa e variabile'.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Rifiuti Spilamberto, l'ipocrisia della raccolta differenziata'
La Provincia
23 Ottobre 2017 - 10:12- Visite:17920
Alea, da Forlì una alternativa all'inceneritore fuori da Hera
Politica
03 Novembre 2017 - 07:30- Visite:14385
Inceneritore Modena: in aumento anche i rifiuti radioattivi
Politica
21 Luglio 2017 - 02:46- Visite:13793
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:13308
Dossier inceneritore, l'inquinamento e l'acquario
Dossier Inceneritore
01 Novembre 2017 - 07:30- Visite:13054
Carnevalata Hera: la tesserina, il rifiutologo, i depliant, le ..
Il Punto
23 Ottobre 2017 - 10:50- Visite:12610
Economia - Articoli Recenti
Italpizza, siglato nella notte ..
Dopo 10 ore di trattativa, definita l'intesa interrotta le scorse settimane. Garantita ..
15 Novembre 2019 - 12:55- Visite:227
Marr, ricavi totali dei primi nove ..
Acquistato il 34% delle azioni di Jolanda de Colò spa, società attiva nel segmento premium..
14 Novembre 2019 - 16:13- Visite:323
Maserati Innovation lab ora è per ..
Lo segnala la casa del Tridente con riferimento al centro di ingegneria del brand inaugurato..
14 Novembre 2019 - 14:03- Visite:265
Hera: aumento ricavi del 16%, supera ..
I dati del bilancio intermedio, con i risultati dei 9 mesi del 2019. Attività di trading e ..
13 Novembre 2019 - 17:25- Visite:412


Economia - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:57778
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:44413
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:28169
Coop Alleanza 3.0, bilancio ..
Una perdita drammtica sulla quale pesano svalutazioni di poste immobiliari, finanziarie, ..
01 Maggio 2019 - 00:27- Visite:24981