Nessun debito
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Magazzino Coop Anzola, i lavoratori: 'Da eroi a merce da rottamare'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La lettera: 'Negli anni molti di noi hanno dato la loro salute per servire la Coop con onore e professionalità affinch? ad ogni supermercato arrivasse la merce'


Magazzino Coop Anzola, i lavoratori: 'Da eroi a merce da rottamare'

Continua la mobilitazione dei lavoratori del magazzino di Centrale Adriatica di Anzola che serve Coop Alleanza 3.0. Dopo l'annuncio della chiusura per due anni (qui l'articolo) i lavoratori si erano rivolti al presidente della Regione Stefano Bonaccini con una lettera aperta (qui la lettera), ma sinora non hanno ottenuto risposta. Ieri i 200 lavoratori in appalto che rischiano di restare senza ammortizzatori hanno contattato anche la segreteria di Bonaccini per un incontro avendo assicurazioni verbali positive, ma sinora nulla si è mosso.
Nel frattempo i lavoratori hanno scritto una lettera ai vertici di Coop Alleanza 3.0 (nella foto il neo presidente Mario Cifiello), inviata per conoscenza sempre a Bonaccini. Ecco il testo della lettera.

Salve carissimi dirigenti della Coop Alleanza 3.0, 
a scrivervi, nella speranza che questa lettera arrivi diritto al vostro cuore, sono i 200 lavoratori in appalto di Anzola Emilia.
Vorremmo vi metteste una mano sulla coscienza, affinché venga rivisto il vostro progetto di ristrutturazione del magazzino Coop Adriatica ad Anzola Emilia dove per 20 anni oltre 200 lavoratori e altrettante famiglie hanno servito voi e i vostri soci coop.

Gentilissimi dirigenti e intero mondo Coop, sembrano lontani anni luce i mesi passati, quando nel pieno della pandemia ci avete chiamato eroi perchè stavamo assicurando generi e viveri alimentari a tutti i soci coop. Eppure ora ci avete scaricato senza un briciolo di coscienza, come spazzatura tutti i nostri anni di lavoro sono stati gettati dentro ad un pozzo senza fine.
Per noi lavoratori essere etichettati come 'in appalto' conta poco: noi abbiamo servito la coop per oltre 20 anni di appalto da una cooperativa ad un'altra da un'azienda all'altra. La Coop c'era sempre, per noi ha sempre rappresentato un gigante, un colosso delle catene supermercati: era la nostra forza il nostro garante per un lavoro fisso fino alla pensione ed invece, come un fulmine a ciel sereno, ci sta lasciando per strada. La Coop era come una mamma per noi e una mamma non può lasciare alla deriva i suoi figli. Quando abbiamo saputo che dal prossimo ottobre la Coop voleva iniziare i lavori per rimodernare il cantiere, mai e poi mai avremmo pensato che di noi la Coop se ne sarebbe fregata completamente preoccupandosi solo dei suoi dipendenti diretti che ormai da anni non fanno piu quel lavoro 'sporco' che invece noi, si sa, facciamo: i facchini.
Con gli anni molti di noi hanno dato la loro salute per servire la Coop con onore e professionalità affinché ad ogni supermercato arrivasse la merce richiesta. Eppure tutto questo non è serivito a niente. Con queste scelte si stanno mandando padri di famiglie nel panico totale, nella disperazione: molti di noi non vivono più tra mutui, affitti bollette e figli da crescere.
Perché, Coop, stai facendo tutto questo? Senza un briciolo di compassione, parliamo più di 200 lavoratori. Nel tuo Dna, Coop, hai un codice etico e non pensiamo vi sia la regola di abbandonare i tuoi lavoratori o chi ha servito per te dando tutto.
Ecco perché in tutti noi c'è ancora una speranza: che la Coop possa ricordarsi di noi. Anzola è e sarà sempre casa nostra, qui abbiamo costruito la nostra vita, sono nati i nostri figli grazie al lavoro su cui abbiamo potuto contare. Non chiederemo mai pietà, noi siamo e resteremo grandi lavoratori, grandi uomini e donne libere che, in un giorno di settembre, da eroi sono diventati improvvisamente merce da rottamare. La nostra dignità non la venderemo a nessuno: siamo certi che chi leggerà questa lettera avrà almeno un attimo di riflessione per quello che stiamo vivendo in queste ore.

Con affetto e stima

I lavoratori di Anzola



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06