La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLa Nera

Assoluzione Casari: le motivazioni. Per i giudici 'la Cpl non fu collusa, ma vittima'

Data: / Categoria: La Nera
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Ecco le 120 pagine con le motivazioni della assoluzione definitiva. 'Infine - scrivono i giudici - manca la prova di qualsiasi vantaggio illegittimo conseguito da Casari sia nella fase di acquisizione della concessione, sia nella fase successiva di acquisizione della posizione dominante'


Assoluzione Casari: le motivazioni. Per i giudici 'la Cpl non fu collusa, ma vittima'
La sentenza è passata ufficialmente in giudicato il 3 luglio 2020. Con la rinuncia della Procura di ricorrere in Cassazione rispetto all'assoluzione in Appello perchè il fatto non sussiste, l'ex presidente Cpl Roberto Casari è stato definitivamente assolto dall'infamante accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.
E oggi è possibile leggere le motivazioni con cui la Corte di Appello di Napoli è arrivata alla conclusione che toglie ogni ombra sull'operato di Casari nella vicenda della metanizzazione del casertano.
Nel testo di 120 pagine che ripercorre lo svolgimento dell'intero processo, i giudici in più punti descrivono la Cpl di Casari non 'collusa' come ipotizzato dall'accusa, ma come 'vittima' di un 'sodalizio col quale non scende a patti'.
Motivazioni che è giusto leggere con cura e che pongono, con la sentenza, la parola fine alla odissea giudiziaria dell'ex leader della cooperativa concordiese.

I fatti, come noto, riguardano i lavori di metanizzazione dell'Agro Aversano svolti dalla Cpl Concordia a partire dal 1998. Per l'accusa Casari, insieme a Giuseppe Cinquanta e Giulio Lancia (anche loro assolti), si sarebbero accordati con gli esponenti apicali della camorra campana - e in particolare coi reggenti dei clan Schiavone e Zagaria - che stavano appunto gestendo l'affare della metanizzazione.

Ebbene, già in primo grado l'accusa veniva spazzata via. 'Esclude in definitiva il giudice di primo grado che il clan dei Casalesi abbia avuto nella fase di conseguimento da parte della Cpl Concordia dei titoli per svolgere i lavori di metanizzazione del Bacino Campania 30 - si legge nel testo delle motivazioni - che in qualche modo abbia contribuito a fare sì che la predetta società si imponesse nel territorio in posizione dominante, che dunque la stessa potesse considerarsi 'collusa'. Ritiene, anzi, che essa sia divenuta 'vittima' in quanto soggiogata dalla intimidazione del sodalizio col quale non scende a patti ma del quale subisce il danno ingiusto'. 

I giudici di primo grado non negano però il ruolo di intermediario avuto da Antonio Piccolo (condannato nello stesso processo di Casari a 10 anni in primo grado e a 6 in Appello e al quale è stato riconosciuto il Concorso esterno), un legame che viene meglio spiegato nel processo di Appello. Per i giudici - recitano ancora nelle motivazioni - effettivamente la scelta di Casari di rivolgersi ad Antonio Piccolo 'non può essere casuale ed è determinata sicuramente dalla necessità di evitare di avere rapporti diretti con la camorra. Nonostante gli sforzi del Tribunale e di questa Corte di ricostruire l'accordo cui i collaboratori di giustizia hanno fatto riferimento (in particolare Antonio Iovine aveva dichiarato esistente un accordo che aveva visto implicati la politica, la camorra, gli imprenditori locali e la Cpl Concordia) non è stato possibile delinearne i contenuti'. Scrivono a riguardo i giudici che 'è plausibile che la scelta che la scelta di affidarsi ad Antonio Piccolo, imprenditore di Casapesenna sia stata determinata dal suo conservato legame col territorio'. 
Insomma, l'unica cosa confermata nelle motivazioni è la scelta della Cpl di Casari di avere Piccolo come referente.
Ma chi era Piccolo? 
'Antonio Piccolo all'epoca dei fatti era un imprenditore scevro da precedenti penali, che si era trasferito al Nord, dove svolgeva attività lecite. Se da un lato la Cpl aveva accettato di eseguire i lavori nel territorio aversano perchè si sentiva protetta dalla presenza di Antonio Piccolo, è vero dall'altro che la ditta modenese era stata prescelta per l'esecuzione di quel lavoro dai massimi vertici dello Stato (dal senatore Diana) dagli enti locali e dai commissari prefettizi di alcuni Comuni del Bacino Campania. Se Cpl aveva scelto Piccolo come referente sul territorio, allo stesso tempo le imprese che materialmente dovevano eseguire i lavori nei vari Comuni del Bacino erano indicate direttamente dai sindaci di quegli enti e comunque si trattava di imprese munite delle certificazioni antimafia'.

E poi, sempre nella parte di motivazioni che spiegano la assoluzione di Casari, un elemento che toglie ogni dubbio residuo.
Il dato economico.
'Infine - scrivono ancora i giudici - manca la prova di qualsiasi vantaggio illegittimo conseguito da Casari sia nella fase di acquisizione della concessione, sia nella fase successiva di acquisizione della posizione dominante, anche perchè va ricordato che la Cpl ha iniziato i lavori investendo e anticipando cospicue risorse finanziarie nella metanizzazione dell'agro aversano, in parte non recuperate'.

Giuseppe Leonelli

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
AeC, la moglie di Muzzarelli nel collegio dei revisori
Quelli di Prima
01 Gennaio 2014 - 20:45- Visite:19370
Assoluzioni Cpl: 'Ora sapete che sono innocente, ma non sono felice'
Politica
28 Ottobre 2017 - 09:58- Visite:14942
Cpl, dai soci lettera di 'ammutinamento' contro Gori: 'Ridateci ..
Economia
21 Ottobre 2017 - 21:32- Visite:13344
Casari, l'orgoglio dopo l'assoluzione: 'Dai vertici Cpl solo silenzio'
Politica
03 Novembre 2017 - 16:31- Visite:12991
Coronavirus, la mappa dei nuovi casi: 12 a Modena, 11 a Carpi
Societa'
15 Marzo 2020 - 17:37- Visite:12924
Meter Italia passa di mano e diventa francese per 25,78 milioni di ..
Economia
29 Luglio 2017 - 16:41- Visite:12703
La Nera - Articoli Recenti
Coltivava cannabis in balcone, nei ..
I carabinieri hanno rinvenuto una pianta adulta di canapa indiana, alta circa un metro e ..
05 Settembre 2020 - 14:17- Visite:623
San Felice, ubriaco alla guida ..
I militari, correndo, hanno raggiunto l’autovettura che fortunatamente aveva il finestrino..
05 Settembre 2020 - 14:13- Visite:991
Investe due anziane e fugge: ..
La 20enne alla guida dell’auto è stata rintracciata poche ore dopo l’incidente, ..
03 Settembre 2020 - 15:23- Visite:308
Caccia al ladro di monopattino sfocia..
Identificati dai carabinieri di Sassuolo e denunciati i giovani che avevano preso parte agli..
03 Settembre 2020 - 15:00- Visite:380


La Nera - Articoli più letti


L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33- Visite:162217
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00- Visite:60629
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14- Visite:46782
A1, incidente mortale a Modena: la ..
Lutto nell'intero mondo dell'autotrasporto. Tanti i colleghi di Andrea Sellitto che hanno ..
03 Maggio 2020 - 06:20- Visite:39804