La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLa Provincia

San Cesario, Zanoli: 'Pronti a vie legali contro assessore ambiente'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Non è accettabile che oltre a non rispondere nei tempi di legge agli accessi atti, ci vengano in un solo giorno consegnate tre risposte diametralmente opposte'


San Cesario, Zanoli: 'Pronti a vie legali contro assessore ambiente'

'Pensavamo, politicamente parlando, di avere già ampiamente raschiato il fondo del barile con il precedente assessore con delega all’ambiente Giovanni Cavani, di cui evito di narrare le gesta, ma mi limito a dire, a titolo esemplificativo, che un assessore all’Ambiente che difendeva le cave con le unghie e con i denti è oggettivamente un paradosso vivente, ma invece no, siamo riusciti nella improba impresa addirittura di peggiorare'. A parlare è il consigliere di opposizione a San Cesario Mirco Zanoli.

'Pensare che a inizio legislatura, si era data un apertura di credito a questo nuovo assessore, giovane, a suo dire un tecnico fuori dalle logiche politiche, autodefinitosi a più riprese un “uomo di scienza” voglioso di migliorare la vita dei suoi concittadini, poi però è stato un continuo inanellarsi di incidenti politici, 120 giorni vissuti come sulle montagne russe, tra accuse a non precisati dipendenti della Far Pro, colpevoli a suo dire di non usare i macchinari in modo adeguato e causando probabilmente ondate evitabili di puzze, dimenticando che un amministratore pubblico non può entrare con giudizi nelle dinamiche interne ad un azienda ma deve solamente e unicamente riferirsi alla proprietà come interlocutore, assistendo poi passivamente alla bocciatura da parte del gruppo di maggioranza PD di due mozioni sull’amianto proposte dal nostro gruppo in sedute differenti, rendendosi partecipe in prima persona della bocciatura sullo STOP 5G anch’essa promossa da noi, che si appellava al principio di precauzione - continua Zaloni -. Questione spinosa la Far Pro per l’assessore, infatti a metà settembre in 15 giorni succede di tutto, dapprima per la mancata risposta all’accesso agli atti sullo scarico in Panaro della Far Pro ci siamo dovuti appellare a Difensore Civico Provinciale e Prefetto, poi arriva quello che potremmo battezzare “il giorno più lungo sullo scarico”, ovvero il 18 settembre 2019, dove accade di tutto, infatti egli mediante risposta ufficiale, rispondendo inspiegabilmente prima del tavolo tecnico che si terrà poco dopo nella stessa giornata, afferma di fare parte di un Amministrazione che promuove il dialogo tra Comune di Spilamberto, Hera (come responsabile del sistema idrico integrato) e l’azienda Far Pro, da cui a suo dire era scaturita da parte di quest’ultima una proposta di allacciamento “stagionale” dello scarico, limitandola, almeno inizialmente ai soli quatto mesi estivi, per verificare la tenuta del sistema fognario e del depuratore, ribadendo un concetto già propugnato in un precedente Consiglio Comunale, in contemporanea da Spilamberto, tramite un accesso atti inoltrato dal gruppo che fa capo al Consigliere Piccinini con il quale stiamo collaborando attivamente sulla vicenda, inoltrano la seguente comunicazione: “In riferimento alla Vs. richiesta datata 06/09/2019, assunta agli atti di questa Amministrazione con prot. n. 17331/2019 del 09/09/2019, si comunica che ad oggi non risulta pervenuta agli atti della scrivente Struttura alcun elaborato progettuale riferibile alla richiesta di informazioni in oggetto, né alcuna documentazione inerente valutazioni tecniche sulle modalità di scarico o compatibilità tecnica del refluo rispetto alle caratteristiche del depuratore comunale gestito dal Servizio Idrico Integrato”. Insomma una plateale smentita delle parole dell’Assessore Pancaldi, che poi, inspiegabilmente risentito, il 30 settembre 2019 nel rispondere in sede di Consiglio ad un interrogazione sul tavolo tecnico, dopo avere addossato ad Hera la responsabilità del ritardo, visto che il Gestore sarebbe in possesso dallo scorso 25 settembre 2018 della richiesta inoltrata loro dalla Far Pro: “richiesta di parere tecnico preventivo per l’allacciamento dello scarico delle acque industriali del nostro impianto di depurazione aziendale al Depuratore HERA di Spilamberto”, successivamente e in modo politicamente maldestro addirittura sciorina una sequenza di affermazioni fatte su diversi articoli dai Consiglieri Zanoli, Piccinini e Soli, per poi arrivare ad una surreale contro interrogazione al richiedente Consigliere Mirco Zanoli (il tutto messo nero su bianco nella risposta), tra l’inerzia di chi avrebbe dovuto fermarlo perché stava infrangendo il regolamento, ovvero il sindaco Francesco Zuffi, Presidente dell’assemblea, che fino a una richiesta diretta di Zanoli sulla correttezza di ciò che stava accadendo, ha lasciato tranquillamente procedere per poi subitaneamente stoppare l’assurdo teatrino'.

'Il gruppo Rinascita Locale oltre a condannare politicamente l’operato generale suo e di tutta l’Amministrazione a guida Pd, sta valutando di adire anche per vie legali nei confronti dell’assessore Fabrizio Pancaldi, non è accettabile che oltre a non rispondere nei tempi di legge agli accessi atti, ci vengano in un solo giorno consegnate tre risposte diametralmente opposte tra loro, condendole addirittura con teatrini fuori dalle regole' - chiude Mirco Zanoli.



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Rifiuti Spilamberto, l'ipocrisia della raccolta differenziata'
La Provincia
23 Ottobre 2017 - 10:12- Visite:18628
Coronavirus, la mappa dei contagi: 21 casi a Modena e 9 a Maranello
La Provincia
16 Marzo 2020 - 18:11- Visite:15382
Alea, da Forlì una alternativa all'inceneritore fuori da Hera
Politica
03 Novembre 2017 - 07:30- Visite:15076
Dossier inceneritore, il bluff del riciclo della plastica
Dossier Inceneritore
27 Ottobre 2017 - 07:02- Visite:14366
Dossier inceneritore, l'inquinamento e l'acquario
Dossier Inceneritore
01 Novembre 2017 - 07:30- Visite:13887
Carnevalata Hera: la tesserina, il rifiutologo, i depliant, le ..
Il Punto
23 Ottobre 2017 - 10:50- Visite:13236
La Provincia - Articoli Recenti
Otorinolaringoiatria ospedale di ..
Ambulatorio frutto delle donazioni dell’Associazione La Nostra Mirandola ODV, presieduta ..
04 Luglio 2020 - 23:33- Visite:52
Nubifragio, vigili del fuoco salvano ..
Alle 3 della notte in un sottopasso della Nuova Pedemontana, tra i comuni di Spilamberto e ..
04 Luglio 2020 - 08:17- Visite:5058
Novi, compravendita di droga in ..
Un 49 enne di Novi e un 52enne di Reggio colti in flagranza di reato in via Buonarroti. Si ..
03 Luglio 2020 - 18:16- Visite:289
Si spara ad una mano poi simula ..
Il pregiudicato napoletano residente Carpi aveva raccontato ai medici dell'ospedale di ..
03 Luglio 2020 - 13:04- Visite:326


La Provincia - Articoli più letti


Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43- Visite:154814
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48- Visite:37204
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57- Visite:32994
Orrore di Bibbiano, onlus coinvolta ..
Trincia: 'Arrestato Claudio Foti, responsabile del Centro Hansel e Gretel, lo stesso da cui ..
27 Giugno 2019 - 15:22- Visite:32067