Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliIl Punto

Accusò direttore Prima Pagina di essere filomafioso: a marzo parte processo per referente di Libera

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ieri la numero 2 di Libera nazionale Enza Rando è stata invitata in Consiglio comunale a Modena. L'indagine per il furto che subì a febbraio 2018 è stata archiviata


Accusò direttore Prima Pagina di essere filomafioso: a marzo parte processo per referente di Libera


Ieri la numero 2 di Libera nazionale Enza Rando è stata invitata in Consiglio comunale a Modena per parlare del processo Aemilia (ricordiamo che al processo Aemilia l'unica rappresentante dell'associazionismo modenese ad essersi costituita parte civile, peraltro prima volta in Italia per una associazione di autotrasporto, era stata l'allora presidente nazionale Fita Cinzia Franchini, oggi coeditrice proprio de La Pressa) e così siamo venuti a conoscenza che l'indagine per il famoso furto subito a febbraio 2017 nel suo studio è stata archiviata, anche se il Comune di Modena nella nota ufficiale continua a parlare di quel furto come di una 'intimidazione', parola che nemmeno la Rando stessa ieri ha usato.
Va invece ricordato che a luglio 2018 il Gip ha ordinato l'imputazione per diffamazione nei confronti del referente di Libera Modena Maurizio Piccinini.
Disse che 'chi attacca Enza Rando è oggettivamente al fianco delle mafie', accusando così l'allora direttore di Prima Pagina, oggi direttore de La Pressa, Giuseppe Leonelli di essere filomafioso.
Il processo per Piccinini partirà a marzo.

'L'accostamento, dedotto in termini di assolutezza, tra chi attacca Enza Rando ed il porsi oggettivamente al fianco delle mafie costituisce con tutta evidenza una lesione dell'onore e della reputazione del destinatario di tale valutazione, in ragione del noto disvalore attribuito alle organizzazioni criminali ed ai relativi fiancheggiatori, cui il Leonelli risulterebbe ascritto semplicemente per aver redatto una inchiesta giornalistica, con argomentazioni la cui fondatezza non è lecito esaminare in questa sede'. Queste le motivazioni con cui il 4 luglio scorso il Gip di Modena Salvatore Romito ha invitato il Pm a formulare l'imputazione per il reato di diffamazione nei confronti di Maurizio Piccinini.
Insomma, dare del mafioso a un giornalista (in questo caso difeso dall'avvocato Umberto Rossi) è diffamazione e Libera andrà a processo. La vicenda è nota. Prima Pagina pubblicò un articolo che riassumeva le consulenze della numero 2 di Libera, l'avvocato modenese Enza Rando. Consulenze in gran parte legate al mondo Pd.

LE CONSULENZE

Nel 2016 la Rando era nel cda della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e risultava aver ottenuto dalla Regione del presidente Pd Stefano Bonaccini una consulenza da 25mila euro per l’«armonizzazione e semplificazione fra la normativa regionale e nazionale in materia di legalità». Nel 2014 aveva avuto un incarico annuo da 20.400 euro da Sorgea, la multiulity che offre servizi acqua e gas in alcuni Comuni della Bassa (Finale in testa) e del Bolognese e il cui revisore è quella Alessandra Pederzoli, moglie del sindaco Muzzarelli. E ancora: attraverso il suo rinomato studio legale (di cui è contitolare con l’avvocato Pietro Gurrieri, da dicembre 2014 vicepresidente nazionale di Avviso Pubblico,) ha fatto consulenze per la Provincia di Modena (per esempio 96mila euro nel 2010 e 25.168 euro nel 2013 per ‘supporto al Rup sulle espropriazioni’) e per migliaia di euro per diversi comuni ed enti modenesi (a Nonantola fu per 49mila euro responsabile unico del secondo stralcio della variante alla strada provinciale) ed emiliani (tutti amministrati dal Pd). Consulenze le cui cifre sono state dedotte dai siti isituzionali dei singoli enti.

L'ATTACCO

Ebbene per quell'articolo Prima Pagina e il direttore Leonelli vennero accusati di essere 'oggettivamente al fianco delle mafie'.Parole sottoscritte anche dall'allora senatore Pd e membro della commissione antimafia Stefano Vaccari il quale disse 'Mi fa rabbrividire come si possono sentire forti le mafie in questo momento. E penso ad Enza, dentro le aule di giustizia, e a come possa avvertire tutto questo'.
Non solo in una chat in un numeroso gruppo di persone vicine a Libera la Rando disse che Prima Pagina faceva 'informazione a pagamento dei poteri'. Poteri evidentemente non tanto forti visto che il giornale chiuse dopo tre mesi dalla quella inchiesta.

LA DIFESA

'Non si può dare del mafioso a un giornalista solo perché ha scritto cose che possono aver dato fastidio. Mi pare sia questo il senso del provvedimento del Gip di Modena. E mi pare sia un principio più che condivisibile'. Roberto Righetti, presidente dell' Associazione stampa modenese e per diversi anni componente del direttivo dell'Aser, la rappresentanza regionale del sindacato dei giornalisti, commentò così la decisione del Gip.
'A prescindere dal merito della vicenda e di quell'inchiesta giornalistica - disse Righetti - è evidente come l'intervento del giudice in questo caso vada a tutela della libertà di esercitare la professione giornalistica. Il giornalista che scrive l'articolo risponderà della correttezza del proprio lavoro nelle sedi opportune, questo è fuori discussione. Ma non gli si può dare del mafioso solo per aver scritto l'articolo. Il legittimo diritto di critica, insomma, non può essere esercitato in questo modo andando a ledere il diritto di cronaca'.



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Dalla Von der Leyen un attacco alla ..
Oggi la democrazia italiana appare per quello che è: un cartonato a due dimensioni che ..
23 Settembre 2022 - 18:55
La propaganda elettorale dal balcone ..
Dalla pagina Facebook da sindaco, invita a partecipare all'evento di chiusura della campagna..
22 Settembre 2022 - 14:01
Il Credo storpiato di Salvini: ..
Di quella energia, pur disillusa, oggi cosa resta? Esattamente quale sarebbe il 'Credo' ..
22 Settembre 2022 - 11:33
Modena, qui partito e istituzioni ..
A 10 giorni dal voto nazionale quello tenutosi ieri sera è stato un incontro utile a ..
14 Settembre 2022 - 11:01
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58