Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

Covid a Modena, dati pessimi: servono restrizioni. Ma nessuno lo dice

La Pressa
Logo LaPressa.it

Antipopolare affermarlo, certo non si attirano consensi, ma la politica e l'onere dell'amministrare in situazioni di emergenza impongono scelte difficili


Covid a Modena, dati pessimi: servono restrizioni. Ma nessuno lo dice

Da giorni ormai Modena detiene il triste primato del più alto numero di contagi da Covid in Emilia Romagna e anche oggi si conferma il trend (qui l'articolo) con 8 decessi e 599 casi. Una situazione analizzata pure dal partito di maggioranza Articolo Uno in una dettagliata analisi sui numeri delle ultime due settimane. La fotografia degli ospedali è allarmante, lo dicono le cifre snoccialate ieri dal direttore generale dell'Ausl, Brambilla. Restiamo a Modena città: tra Baggiovara e Policlinico sono presenti 273 posti di degenza ordinaria e 64 tra intensiva e semintensiva dedicati al Covid. Ebbene, oggi in soli questi due ospedali sono ricoverati 284 pazienti in tutto (41 dei quali in terapia intensiva), il che significa che i posti liberi sono solo 53.
Questo il quadro.
Numeri che parlano da soli e che dovrebbero zittire ogni tipo di analisi minimalista o peggio ancora negazionista. Ecco allora che, di fronte a una simile realtà, sorprende come nessun amministratore modenese, a partire dal sindaco Giancarlo Muzzarelli e dal presidente della Regione Stefano Bonaccini passando per i sindaci dei principali Comuni, abbia parlato esplicitamente della necessità di aumentare le restrizioni per la nostra provincia.
Antipopolare affermarlo, certo non si attirano consensi, ma la politica e l'onere dell'amministrare in situazioni di emergenza impongono scelte difficili. E' vero, Muzzarelli ha bocciato a priori la pacifica e legittima manifestazione dei ristoratori di poche settimane fa contro il Dpcm (che peraltro era assolutamente legittima e nulla aveva di pericoloso), ma per il resto si è sempre dimostrato contrario a giri di vite e limitazioni ulteriori. Stesso dicasi di Bonaccini che non si è mai addentrato nella specificità delle singole province limitandosi sinora e difendere la zona gialla regionale nel suo complesso (qui l'articolo).
La spiegazione di questo silenzio e di questa volontà di non sottolineare l'emergenza che si sta vivendo in provincia di Modena è chiara e comprensibile: non alimentare la paura dei cittadini per nuove restrizioni, non evocare zone rosse che ovviamente non attirano applausi.
Ma questo non è tempo degli applausi. In attesa di una presa di coscienza collettiva, occorre che chi amministra si sobbarchi il peso di andare controcorrente e dire (ma soprattutto fare) cose antipopolari. A Modena servono restrizioni che consentano di raffreddare l'emergenza. E' evidente quanto doloroso dirlo.
Giuseppe Leonelli



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06