Punti Incrociati
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Punti Incrociati
articoliPolitica

Travolti da insulti per avere scritto sulle mani 'mamma' e 'papà'

La Pressa
Logo LaPressa.it

La storia di Luigi Carollo, pastore evangelico, conduttore della sede modenese del Ministero Sabaoth, un'organizzazione pentecostale presente in tutta Italia


Travolti da insulti per avere scritto sulle mani 'mamma' e 'papà'

Anche a Modena, come nel resto d’Italia, il dibattito sul ddl Zan è da giorni entrato nel vivo e, come purtroppo accaduto anche nel resto del Paese con scontri violenti, pur restando nel recinto di quelle che potremmo definire “parole pesanti”. Il tutto in piena contraddizione con quello che dovrebbe essere lo spirito dello stesso disegno di legge, vale a dire la lotta alle discriminazioni di genere. In questi ultimi giorni, sul fronte del “No al ddl Zan” si è esposto Luigi Carollo, pastore evangelico, conduttore della sede modenese del Ministero Sabaoth, un’organizzazione pentecostale presente in tutta Italia e che oggi è tra le comunità cristiane in prima linea contro il disegno di legge.

Carollo, assieme alla moglie, è stato al centro di un attacco mediatico via social, quello che in gergo viene chiamato “shitstorm” e che di recente ha visto investita l’attrice Michela Giraud per il commento sul “Loro” rivolto alla cantante Demi Lovato.
Solo che, a differenza della Giraud, Carollo, molto meno popolare, non è tornato sui suoi passi anzi, rivendica la leggittimità delle sue opinioni.

Il tutto è nato da una foto postata dal pastore con sua moglie assieme alla figlia più piccola sui social. I due sulle mani, alla maniera dei personaggi famosi che supportano il ddl Zan, avevano scritto sui palmi rispettivamente “papà” e “mamma”. «Il senso era che ognuno faccia ciò che vuole, ma non tocchi quello che è un vero e proprio patrimonio, costituito dalle figure uniche di papà e mamma, evitando il concetto generalizzato di “genitore1” e “genitore2”» ha dichiarato lo Carollo in un intervista a ProVita & Famiglia «Il nostro post è andato a finire in profili di alcune associazioni LGBT e ovviamente l’hanno condiviso in una delle loro pagine, generando una condivisione di massa dove il post è diventato virale. Le condivisioni erano accompagnate da commenti a dir poco offensivi “Ho più parolacce che parole”, “Se il loro bambino sarà gay, verrà cacciato da casa…ridicoli!” “Povera bimba, spero che ve la tolgano perché non merita di crescere con due esseri come voi”, “il ritardo mentale fatto carne” e anche bestemmie. Non parliamo poi dei commenti privati, dove sono passati alle minacce».

Abbiamo chiesto direttamente a Carollo qual è il polso della situazione dal punto di vista delle comuniutà cristiane evangeliche, che sono realtà conosolidate da anni anche sul territorio modenese e sono di frequente in disaccordo con la linea tenuta dalla diocesi, senza entrare nel secolare scontro tra Chiesa Cattolica e chiesa riformata.

Carollo, lei è in prima linea contro il ddl Zan, non solo per quello che riguarda la realtà cristiana modenese a tutto tondo (cattolici e protestanti per intenderci) ma anche all’interno di quello che si può definire il “fronte evangelico” lei si espone in prima persona a differenza di molti suoi “colleghi”.
«Come ho detto anche relativamente alla foto che ho postato, ognuno fa ciò che vuole, nelle comunità la prima arma è la preghiera, ma nella Bibbia c’è scritto che la fede senza le opere è morta, ragion per cui la mia opera consiste nel difendere la famiglia come caposaldo della società. In questi ultimi cinquant’anni, le leggi che hanno toccato le famiglie come il divorzio, l’aborto le unioni civili, la bioetica, hanno destrutturato la società. In tutto questo credo che la Chiesa, non nel senso delle denominazioni, ma nella sua totalità si debba esporre per difendere i valori che la società attuale vuole annichilire e sottomettere».

Ma il timore all’interno delle realtà cristiane qual è?
«La generazione futura non ha le spalle larghe come le abbiamo noi. Il codice civile all’articolo 147 dice che è obbligo dei coniugi mantenere, istruire, educare e assistere moralmente i figli. Se passa questa legge, dove si parla di insegnamento della teoria del gender nelle scuole senza specificare da che grado si parte, ci rendiamo conto del contrasto che si viene a creare tra istituzioni come scuola e famiglia? Qui si parla non di libertà sessuale e libertà religiosa, ma di identità percepita contro la libertà religiosa».

Gli attacchi che lei e sua moglie avete ricevuto comunque sono in piena contraddizione con quello che dovrebbe essere lo spirito della legge...
«Anche perché lo stesso ddl Zan prevede non solo le “offese” al genere, ma anche ai ministri di culto. In questo senso avevo esposto un commento di una ragazza che mi aveva insultato e che pretendeva che togliessi il post con gli insulti che lei stessa aveva condiviso. Questo è sinonimo di incertezza e paura anche per chi sostiene quel tipo di legge. E’ una paura del cambiamento perché in fin dei conti, la decisione se uno si è espresso in modo offensivo verso un’altra categoria o genere, verrà demandata a un giudice. E dunque tutto dipenderà dall’orientamento del giudice, una cosa che si potrebbe tranquillamente ritorcere contro agli stessi autori della legge».

Stefano Bonacorsi



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 

Mivebo

Politica - Articoli Recenti
Stadio Braglia: si va verso il ..
Questo l'obiettivo dell'Ordine del giorno presentato dal Consigliere PD Franchini ed ..
28 Maggio 2022 - 01:19
Esternalizzazione servizi ..
Il caso Mirandola accende il dibattito e la protesta. Sabato alle 11 sit-in davanti ..
27 Maggio 2022 - 18:30
Biden è pronto a inviare in Ucraina ..
Secondo quanto riportato dalla Cnn alti funzionari ucraini, incluso Zelensky, hanno chiesto ..
27 Maggio 2022 - 10:18
Addio a Ciriaco De Mita, il ricordo ..
'Fu il protagonista del tentativo di cambiare in profondità il partito di cui era ..
26 Maggio 2022 - 17:20
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58