Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

Unione Area Nord a un bivio: senza Mirandola o si cambia o (forse), si implode

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il PD di Cavezzo ai sindaci: 'Urge patto su nuova presidenza e sostenibilità di bilancio'. Golinelli (Lega): 'Dov'? finito il piano di riorganizzazione?'


Unione Area Nord a un bivio: senza Mirandola o si cambia o (forse), si implode

'Vista la complessa situazione che si sta venendo a creare all’interno dell’Unione Comuni Area Nord, a seguito della sciagurata decisione del Sindaco e della giunta di Mirandola di uscire dall’Unione stessa in modo irresponsabile, chiediamo ai Sindaci dell’Unione di scrivere un documento programmatico a cui vincolare l’elezione di un nuovo Presidente. La discussione deve andare oltre l’attribuzione delle deleghe in giunta, ma devono essere fatte attente valutazioni sulla sostenibilità di bilancio dell’Unione stessa e dei singoli Comuni'

Così Flavio Lodi, Segretario PD di Cavezzo e Ivo Paradisi, Gruppo Consigliare “Facciamo squadra” in merito del dibattito in corso sull’uscita, decisa e formalizzata da Mirandola, dall’Unione dei Comuni modenesi dell’Area Nord, ed in attesa della decisione del Tar sul ricorso presentato dagli stessi comuni avverso alla decisione del Comune di Mirandola, anticipata dall’accoglimento della richiesta di sospensiva che ha congelato l’uscita inizialmente prevista a fine anno.

 

Fatto sta che le procedure per strutturare una nuova Unione a otto sono partite e, anzi, oggi avrebbero già dovuto entrare nel merito. Temi come quello sulla sostenibilità del bilancio, o legati alla necessità di avere una idea di Unione dei Comuni Area Nord che si vuole realizzare, sembrano fare da filo conduttore, più dell’esito del ricordo stesso, nelle discussioni tra sindaci e amministratori dell’Unione nella prospettiva ad otto. In particolare, nella prospettiva di dovere agire in un organismo che presto potrebbe rimanere ufficialmente e completamente orfano del comune capofila. Non solo per numero abitanti ma per peso specifico all’interno dell’Unione stessa. Dato dalla portata dei servizi via via conferiti da Mirandola nell’Unione insieme a personale ed investimenti rispetto agli altri. Risorse umane e finanziarie che se reinternalizzate all’interno del Comune di Mirandola (come dovrebbero essere ad uscita confermata) creerebbero uno squilibrio tale da rendere difficile pensare ad una sopravvivenza dell’Unione a otto, nelle forme e nei livelli di conferimento dei comuni attuali.

Una consapevolezza che a vari livelli sembra avere fatto da filo conduttore anche nelle ultime riunioni dei sindaci PD, che pur confermando l’opportunità del ricorso presentato per opporsi alla scelta di Mirandola, sarebbero consapevoli dell’inopportunità oltre che della difficoltà politica nel trattenere a forza un comune che se ne vuole andare. E che forse sarebbe meglio concentrarsi sul presente e al futuro di una nuova Unione a otto in assenza del comune trainante. Una sorta di rifondazione, per potere sopravvivere e crescere senza Mirandola. Nonostante la sua ormai non più tenera età (17 anni dalla sua creazione), l’Unione del Comuni dell’Area Nord, è oggi considerata dalla stessa Regione, ancora ad un livello embrionale di sviluppo, dato lo scarso livello di conferimento di servizi da parte di diversi comuni degli otto rimanenti. O crescere o morire, tra l'altro, era ormai diventato l'imperatore categorico posto dalla presidente dell'Unione, il sindaco di Mirandola, prima dell'uscita formale.

Ed è proprio nella direzione di una rifondazione dell'Unione, sembrerebbe andare l’appello di Flavio Lodi ed Ivo Paradisi: “Riteniamo opportuno che si definisca, in maniera chiara, quale sia, da parte dei Comuni soci, l’idea di Unione dei Comuni Area Nord che si vuole realizzare”

Su questo punto è del resto anche la maggioranza del Comune di Mirandola a richiamare agli impegni. In particolare rispetto alle verifiche necessarie, da parte dell'Unione, per potere pesare l'impatto del processo di uscita di Mirandola in un piano di riorganizzazione. “Lo aspettavamo il 31 ottobre scorso, data per altro di scadenza e pattuita da presidenza e giunta, ma al momento non è pervenuto assolutamente nulla, né a noi né ad altri' - sottolineano i consiglieri del Gruppo Lega per Salvini Premier – UCMAN Lavinia Zavatti, Guglielmo Golinelli, Dorothy Borellini, Selena De Biaggi, Donato Bergamini, Agnese Zaghi e Giovanni Lodi. 'Ci troviamo dunque di fronte all’ennesima lungaggine targata Ucman?' 

“Se non è così – proseguono - invitiamo il presidente a rispondere in modo dettagliato all’interpellanza che abbiamo presentato oggi, e a presentare i documenti a riguardo, documenti che dovevano essere pronti da oltre due settimane.”

Come da accordi antecedentemente presi - fa notare il Gruppo Lega del Consiglio dell’Unione dei Comuni Modenesi dell’Area Nord - il Presidente e la Giunta dell’UCMAN, a seguito della decisione di Mirandola di recedere dall’Unione, hanno conferito un incarico al Dott. Giuseppe Canossi per realizzare un accurato ed organico piano di riorganizzazione della macrostruttura dell’Unione (Aree, Servizi, Unità Operative, Uffici in line ed Uffici in staff) e della ridefinizione della dotazione organica e dei costi, con tanto di penali in caso di inadempienza.

“Da quello che ci risulta, ad oggi, di questo piano non c’è traccia alcuna. Ci preme semplicemente sottolineare la gravità della situazione creatasi proprio per l’inadempienza nei confronti del contratto stipulato tra l’Unione e il consulente Dott. Canossi. Senza contare il fatto, non di secondaria importanza che Mirandola ha già predisposto il piano economico finanziario di re-inserimento delle funzioni all’interno del Comune, mentre l’Unione è letteralmente ferma. Ragioni che ci hanno indotto a presentare un’interpellanza per chiedere se effettivamente, come ci risulta non siano stati rispettati i tempi previsti dall’accordo, oltre che di entrare in possesso nel più breve tempo possibile della documentazione ad oggi inesistente.”

 




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
'Il Pd è il partito della borghesia ..
A parlare è l'ex presidente di Legacoop Modena Roberto Vezzelli
31 Luglio 2022 - 14:17
Ucraina, il Papa ora fa il Papa: ..
Parole che suonano come un monito profondo da parte del Pontefice alla posizione dell'Europa..
31 Luglio 2022 - 12:50
Alla fine Puzzer si candida, sarà ..
Stefano Puzzer ha cambiato idea. Il leader del movimento 'La gente come noi non molla mai' ..
31 Luglio 2022 - 12:17
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58