La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliPolitica

Vaciglio, Art1 e Pd trovano una sintesi: sì alle 550 case ma... a saldo zero

Data: / Categoria: Politica
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Una mozione che tenta di disinnescare i 5 Stelle e di strizzare l'occhio ai comitati. La novità in estrema sintesi è questa: anticipare il saldo zero alla fase attuale anche di via Vaciglio senza aspettare l'applicazione del nuovo PRG. Ciò obbliga di fatto il Comune a permeabilizzare, decementificare e rendere quindi verde un'altra zona equivalente a quella che si andrà a cementificare con i famosi 550 alloggi


Vaciglio, Art1 e Pd trovano una sintesi: sì alle 550 case ma... a saldo zero

Raccontano di trattative serrate, di 48 ore di scontri e di mediazioni e di una crisi evitata di un soffio, ma alla fine la maggioranza consiliare a Modena ha trovato una sintesi sul caso-Vaciglio. Art.1 e Pd hanno prodotto infatti una mozione condivisa a firma di Paolo Trande e Fabio Poggi. Una mozione che tenta di disinnescare i 5 Stelle e di strizzare l'occhio ai comitati. La novità in estrema sintesi è questa: anticipare il saldo zero alla fase attuale anche di via Vaciglio senza aspettare l'applicazione del nuovo PRG. Ciò obbliga di fatto il Comune a permeabilizzare, decementificare e rendere quindi verde un'altra zona equivalente a quella che si andrà a cementificare con i famosi 550 alloggi. Per il Pd e Art1 una 'rivoluzione' poichè, come diceva il sindaco Giancarlo Muzzarelli, l'area non faceva parte dei fattori del saldo zero, visto che era già dal 1975 considerata zona edificabile all'interno del perimetro dell'attuale piano regolatore.

Il documento

Ma ecco il punto centrale del testo della mozione presentata da Poggi e Trande.

'Il Consiglio comunale impegna la Giunta:

  • a realizzare l'obiettivo del “saldo zero” di consumo di suolo, in parallelo con l’avanzamento del progetto, attraverso risparmio e ripermeabilizzazione e/o forestazione (riconversione o compensazione) di una equivalente porzione di suolo pubblico o privato, meglio se nella zona interessata
  • a predisporre e discutere con i cittadini del quartiere un progetto di trasformazione a verde pubblico delle aree sottratte alla prevista (dagli strumenti urbanistici vigenti) edificazione (in vie Morane, Viterbo e della Pietra) attraverso l’incremento del “valore ambientale” complessivo dell’area mediante riforestazione urbana, valorizzando in tale contesto il “boschetto” di via Viterbo e il “bosco spontaneo” di via della Pietra dando così il via a quello che sarebbe il più importante progetto di riforestazione urbana a Modena finora realizzato, in continuità con le scelte di forestazione della cintura urbana e rafforzando il “raggio verde” che si verrà a creare partendo dal Parco delle Mura attraverso le diverse connessioni, i grandi parchi del quartiere e fino al corridoio verde del nuovo comparto che darà continuità anche all'importante ciclabile Modena – Vignola;
  • a prevedere, nell’attuazione del piano, quanto necessario affinché sia assegnata la priorità alla realizzazione delle infrastrutture viarie e in particolare alle tre rotatorie e studiare, e se tecnicamente possibile realizzare, un eventuale ulteriore accesso alla tangenziale per il nuovo comparto;
  • a procedere alla progettazione dei nuovi accessi alla complanare (prosecuzione di via Falcone e via Rosselli) quali nuovi ingressi a Modena da sud con conseguente decongestionamento delle vie Vaciglio, Morane e Nuova Estense;
  • a predisporre il progetto per trasformare tutto il quadrante residenziale compreso tra le vie Morane, Vignolese ed Estense in “zona 30”.

inoltre impegna la Giunta a:

  • confermare la prospettiva del “saldo zero” del consumo di suolo indicata nel Programma di Mandato, anche individuando le aree e/o le azioni necessarie a garantire in un arco temporale congruo la “ripermeabilizzazione” (desigillazione) di porzioni di territorio oggi impermeabili;
  • studiare quindi criteri e modalità per individuare regole da inserire nel regolamento edilizio per riportare porzioni di terreno urbanizzato, anche di proprietà di privati, ad aree permeabili;
  • rivedere le previsioni di consumo di suolo contenute nello strumento urbanistico vigente, riducendo drasticamente le possibilità di consumo di suolo vergine in espansione del confine edificato e concentrando gli interventi nelle zone di trasformazione e riqualificazione urbana;
  • studiare, per le situazioni nelle quali si fossero eventualmente consolidate posizioni giuridicamente tutelate di diritto a costruire, forme di compensazione urbanistica e di nuova localizzazione, in coerenza con la nuova idea di città compatta e sostenibile'.

Svolta o bluff?

Una svolta vero o un bluff? Difficile dirlo. Un dato è certo, dovesse essere applicata la mozione l'area verde a Vaciglio rimarrebbe la medesima, pur non nel medesimo posto. 'Ora che i fautori del no alle 550 case (il Comitato Mobastacemento su tutti) hanno ottenuto il saldo zero cosa diranno? - è la domanda sottesa alla mozione - Se il no agli alloggi era motivato dall'uso di terreno vergine il documento Pd-Art.1 cancella teoricamente il problema, se invece il no agli alloggi era motivato dalla volontà di non avere vicini di casa 'molesti', trattandosi di edilizia agevolata, allora il discorso cambia... Va ricordato infatti che anche molti degli attuali residenti di Vaciglio hanno la casa costruita a suo tempo su terreni Peep'.

Una tesi apparentemente politichese ma che - certo non rivoluzionaria - potrebbe però disinnescare la protesta. Forse...

Leo

 



Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione poli..   Continua >>


Profilo Facebook di Redazione La Pressa Profilo Google+ di Redazione La Pressa Profilo Twitter di Redazione La Pressa Profilo Linkedin di Redazione La Pressa Profilo Instagram di Redazione La Pressa Indirizzo Email di Redazione La Pressa 


Articoli Correlati


'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:120058
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:71677
M5S: 'Lavoro festivo, ridare diritti ai lavoratori del commercio'
Politica
27 Marzo 2018 - 15:08- Visite:30960
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:26482
E dopo il Modena calcio toccherà al Modena volley finire nella ..
Sport
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:23431
Edicola La Rotonda, l'appello del titolare: 'Così non ce la faccio'
Pressa Tube
01 Novembre 2017 - 19:22- Visite:18074
Politica - Articoli Recenti
Il segretario Pd insiste: dopo i ..
Gianluca Fanti raddoppia e paragona lo 'statista' Renzi ai 'pagliacci' al ..
16 Agosto 2018 - 16:17- Visite:1620
Bobotti, gestori si arrendono a diktat ..
O i gestori di Bobotti ritiravano la causa e accettavano i 30mila euro ..
16 Agosto 2018 - 14:37- Visite:384
Bus Seta, più della metà diesel euro 2..
Se fosse applicato lo stop anti-smog che entrerà in vigore per i mezzi ..
16 Agosto 2018 - 12:32- Visite:627
Il crollo del ponte? Era una favoletta ..
I 5 Stelle appoggiarono nel 2013 la posizione del Comitato No Gronda
14 Agosto 2018 - 18:25- Visite:3257


Politica - Articoli più letti


'Vaccini, ecco il rapporto tra la ..
Esposto del Codacons all'Autorità nazionale anticorruzione
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:120058
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa ..
Gianluca Fanti, segretario Pd Madonnina si lancia in ardite affermazioni
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:71677
Restituiti a Gatti e Montanari i pc, i ..
Laboratorio e casa dei due ricercatori oggetto del blitz della Finanza il ..
22 Marzo 2018 - 08:51- Visite:39927

Assiteca


Feed RSS La Pressa

Feed RSS La Pressa