La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLa Nera

Irruzione e fermo di Polizia in sede Si Cobas: il sindacato denuncia abusi

Data: / Categoria: La Nera
Autore:
La Pressa
Logo LaPressa.it

Il referente Enrico Semprini: 'Un fatto grave e pregiudiziale nei nostri confronti e che lede i diritti di tutti. Certi comportamenti sono inaccettabili'


Irruzione e fermo di Polizia in sede Si Cobas: il sindacato denuncia abusi

Parlano di abuso di potere, da parte della Polizia, e di un'azione tanto ingiustificata quanto pregiudiziale all'interno della sede modenese dei Si Cobas, in via Santi a Modena, e nei confronti di un loro sindacalista Marcello Pini, fermato, tradotto in questura, messo in cella, privato del cellulare e - dicono i rappresentanti Si Cobas - 'trattato come un criminale', per poi essere rilasciato, solo per non avere fornito, sulla strada, nei pressi dell'ufficio sindacale dal quale era uscito richiamato dagli arresti in corso nei confronti di alcuni spacciatori, quei documenti che poco dopo ha recuperato dal suo ufficio e ha esibito agli agenti.

La vicenda raccontata e denunciata questa mattina dal referente provinciale Si Cobas Enrico Semprini e dallo stesso attivista sindacale fermato e accusato di reistenza a pubblico ufficiale per non avere fornito nell'immediato i documenti, Marcello Pini. Racconto che abbiamo unito alla versione dei fatti fornita dal gabinetto della questura, e che ci riporta a qualche giorno fa. A giovedì, nel corso dell'operazione antidroga in zona Cialdini, condotta da Squadra Mobile e Polizia Municipale che ha portato all'arresto di tre giovani tunisini, accusati di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. Nel corso delle operazioni uno spacciatore viene fermato ed immobilizzato ad alcune decine di metri dalla sede Si Cobas, aperta al pubblico per le nornali attività sindacali. Richiamato dalle urla dell'arrestato e dalla concitazione dell'arresto stesso stesso Marcello Pini, sindacalista, esce dal suo ufficio, si avvicina alla scena e inizia a riprendere con il telefonino, su suolo pubblico, le fasi concitate dell'arresto. Gli viene detto di non riprendere e poi gli vengono chiesti i documenti. Pini, da quanto lui stesso dichiarato, afferma di avere detto agli agenti di essere uscito dalla sede senza, di averli in ufficio, a pochi metri da li, e di andare a prenderli. Questo, secondo la ricostruzione, viene inteso dagli agenti non solo come un sottrarsi alla richiesta di generalità ma anche come un sottrarsi ad un controllo. Alcuni agenti in borghese lo seguono mentre lui si allontana ed entrano nella sede Si Cobas. 'Dicevano che mi avrebbero arrestato' - racconta Pini. 'Pareva che il solo unico scopo fosse quello, e nonostante non avessero alcuna motivazione per farlo, visto che i documenti che avevo in ufficio sono stati forniti, mi hanno portato ugualmente in questura e messo in cella di sicurezza dove sono stato sottoposto a tutte le umilianti procedure dell'arresto. Il tutto per poi rilasciarmi con la denuncia per resistenza a pubblico ufficiale, per non avere fornito loro i documenti. Ma questo perché ero uscito, i documenti li avevo in ufficio e glieli ho dati subito dopo'. Guardiamo la denuncia che viene portata in conferenza e l'accusa è quella. 

'Anche perché non poteva esserci altro' - sottolinea Semprini. 'Quella della ripresa video su suolo pubblico non costituisce illecito e reato. Ciò a nessuno è impedito di farlo. Ciò che è impedito è un utilizzo illegale delle immagini e non il fatto di averle fatte. Ma questo non è accaduto. Ma ugualmente a Pini è stato sequestrato il cellulare. E, anzi, se parliamo di immagini, per fortuna abbiamo quelle registrate dall'impianto di videosorveglianza della nostra sede che confermano la loro azione e l'assoluta liceità delle nostra' - spiega semprini.



'Ciò che non è inaccettabile è una irruzione di tale genere e con quei modi, senza motivo, all'interno di una sede sindacale. Direi che sia la prima volta dal dopoguerra che assistiamo a scene simili. E chiaro un pregiudizio nei nostri confronti. Volevano arrestare il nostro sindacalista, e la situazione che si è creata giovedi mattina ha fornito il pretesto per farlo. Vogliamo denunciare tutto questo all'opinione pubblica perché fatti del genere non devono accadere'

Ora, supportati dal loro legale, i Si Cobas si sono attivati per due atti a propria difesa. Intanto un esposto per ottenere il dissequestro del telefonino del sindacalista fermato e, nelle prossime ore, un esposto denuncia contro l'abuso di potere che per loro si sarebbe perpetrato da parte della Polizia di Stato ai loro danni.

Gi.Ga.


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:51182
Camionista non in regola con Adr: 30 multe per 36mila euro
La Nera
22 Marzo 2018 - 14:56- Visite:39654
Truffa 'Voucher Coop da 250 euro': cosa fare se ricevete questo ..
Economia
11 Giugno 2017 - 18:18- Visite:17038
Omicidio a Sassuolo, arrestato l'assassino: si è trattato di un ..
La Nera
21 Agosto 2017 - 13:33- Visite:13914
Polizia anticrimine, Maria Laura Barbera nuova dirigente
La Nera
10 Agosto 2017 - 17:34- Visite:13683
Incidente mortale in via Morane a Modena: perde la vita un 17enne
La Nera
08 Gennaio 2020 - 09:53- Visite:13540
La Nera - Articoli Recenti
Con bastone e coltello rapinarono due..
In carcere un 28enne marocchino con precedenti ed un 29enne tunisino, ricercato senza fissa ..
13 Settembre 2020 - 15:43- Visite:260
Giardini ducali, dal tramonto ..
Aggressioni e minacce con coltello tra bivacchi abusivi di spacciatori e senza fissa dimora...
13 Settembre 2020 - 07:51- Visite:819
Frassinoro, 24enne del Gambia occupa ..
L'uomo, senza fissa dimora e con precedenti di polizia, si era abusivamente introdotto nella..
12 Settembre 2020 - 14:48- Visite:1065
Fugge dopo aver investito a morte un ..
L’animale, agonizzante, è stato comunque soccorso da un testimone che, avendo assistito ..
12 Settembre 2020 - 14:28- Visite:423


La Nera - Articoli più letti


L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33- Visite:162280
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00- Visite:60700
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14- Visite:46857
A1, incidente mortale a Modena: la ..
Lutto nell'intero mondo dell'autotrasporto. Tanti i colleghi di Andrea Sellitto che hanno ..
03 Maggio 2020 - 06:20- Visite:39833