Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
notiziarioLa Provincia

La Repubblica di Lamantecreto

La Pressa
Logo LaPressa.it

Gi? con la piena, le notizie che scorrono a valle


La Repubblica di Lamantecreto

Chiamata alle urne probabile per i 3600 abitanti dei comuni di Montecreto e Lama Mocogno, i quali dovranno esprimere il loro parere in merito alla proposta di fusione tra i due comuni. Leandro Bonucchi e Fabio Canovi, a mo’ di Garibaldi con Vittorio Emanuele si sono incontrati a Pian Della Valle, località sullo Scoltenna, il torrente che divide i due comuni. I due però, anziché lanciare le rispettive armate alla conquista dei territori, preferiscono sondare il terreno e presentare gli eventuali vantaggi.

Nessuna secessione dall’Unione del Frignano per ora, anche perché sarebbe assurdo che lo stesso presidente dell’ente si inventasse dal giorno alla notte come un Puidgemont in salsa frignanese.

Tuttavia la notizia della fusione, dettata più da necessità di cassa e di personale che non per la volontà di superare il campanile, sta destando diverse perplessità nell’area appenninica.

Non tanto per la questione della cessione di sovranità, quanto nel metodo e anche un po’ nel merito.

Chi scrive ricorda bene che a fine 2013, il comune di Montecreto, pur sotto un altro colore, era uno dei comuni “ribelli” all’imposizione da parte della Regione Emilia Romagna (allora governata dal plenipotenziario luogotenente Errani), dello scioglimento dell’allora Comunità Montana del Frignano in virtù di una Unione di Comuni con tanto di gestione associata. La perplessità di allora, era quella che l’area dell’alto Frignano, avrebbe dovuto avere un’unione a se stante, coi servizi associati in base all’omogeneità del territorio e senza soluzione di continuità con la defunta comunità montana sotto il profilo territoriale. Non più dieci comuni ma sei (quelli del Cimone) e gli altri quattro in un’altra unione con servizi associati. Proposta bocciata anche se, nella campagna elettorale amministrativa del 2014, i candidati di Fanano, Montecreto e Fiumalbo oggi riconducibili alla lista provinciale Uniamoci-Unione Modena Civica, avevano rilanciato l’idea.

Va detto che, all’imposizione della gestione associata fece seguito la costituzione dei sub-ambiti, un modo per dare ragione a chi era perplesso alla gestione associata, dandogli il contentino di una unione nell’unione. Però al momento non abbiamo notizie di come questi sotto ambiti si siano sviluppati.

Sta di fatto che però che allora come oggi si sottolineava la difficoltà dei piccoli comuni, fatte di bilanci sempre più esigui, personale sempre più limitato in qualifiche, scarse possibilità di assunzione e patti di stabilità che vincolano. Oltre al fatto che la stessa qualifica di amministratore pubblico, a livello di indennità, paga sempre meno in proporzione alle responsabilità che il capo dell’amministrazione comunale deve assumersi.

A questo punto viene da chiedersi: ha avuto senso spingere per l’unione a dieci nel 2013, se si doveva comunque arrivare a valutare la possibilità di fusione tra comuni all’interno della unione stessa? E’ valsa la pena centralizzare i servizi, snaturando gli enti e indirizzandoli comunque a una soluzione come quella dell’accorpamento? In ultimo, ha senso fondere i comuni quando qualcuno sottolinea che con un ente piccolo, è più facile controllare la spesa? A tutte queste domande cercheremo di dare una risposta.

Stefano Bonacorsi




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 

Acof onoranze funebri

La Provincia - Articoli Recenti
Fiera Economia Montana, la ..
Dall’autunno 2020 si è assistito a un rinvio di manifestazioni sulla scia di parametri ..
20 Giugno 2022 - 20:07
Covid, 245 contagi e nove ricoveri a ..
I sintomatici sono 43, gli asintomatici sono 202
20 Giugno 2022 - 17:00
Spilamberto e San Cesario, appello ai..
Campagna di affissioni a Spilamberto dei Consiglieri comunali Sabina Piccinini e Mirco ..
20 Giugno 2022 - 00:59
Sassuolo, dopo una lite lo investe ..
Il fatto è avvenuto in via Madrid a Sassuolo poco dopo le due del mattino, a conclusione di..
18 Giugno 2022 - 21:51
La Provincia - Articoli più letti
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Nonantola, sfrattata e con una gamba ..
La drammatica vicenda di Simona. Il sindaco di Nonantola, sollecitato anche da dirigente ..
18 Ottobre 2018 - 10:43
Vignola, il coronavirus ha ucciso ..
Vignola piange anche Nerino Vezzelli, storico titolare del Bar Italia di via Garibaldi a ..
23 Marzo 2020 - 21:48
Rintracciata la mamma scomparsa col ..
Ora i carabinieri procederanno come previsto dalla legge per sottrazione di minore, sempre ..
29 Settembre 2019 - 10:57