La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiDossier Cave

Estrazione e lavorazione degli inerti, gli effetti sulla salute: la silicosi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Le cave ed i relativi impianti di trasformazione hanno un impatto molto elevato su ambiente e salute. Le misure di mitigazione non sono efficaci se i volumi di scavo sono grossi


Estrazione e lavorazione degli inerti, gli effetti sulla salute: la silicosi

Nella sesta puntata del dossier Cave realizzato dalla Pressa in collaborazione coi Comitati No Cave ci occupiamo degli aspetti acustici ed dell'inquinamento atmosferico legato all’estrazione e alla lavorazione di inerti.

All’interno delle aree di scavo le principali sorgenti di inquinamento sono rappresentate dai mezzi di lavoro (pale, ruspe, camion), impianti di trasformazione, frantoi (mulino a martelli, vagli, tramogge, frantumatore, carpenterie, ciclonaggio), miscelazione del calcestruzzo e miscelazione di conglomerato bituminoso.

Diamo quindi qualche dato rispetto alle escavazioni in alcuni poli di San Cesario.

Effetto dei poli 9, 10, 12, 11 in base ai dati di calcolo del comune Savignano
- quantità di materiale in 10 anni: 11.720 m3
- massimo volume di carico 18 m3 , lavorazione del 100%, 8 ore lavorative al giorno, scavo per 6-8 anni + ripristini 2-4 anni
- giorni lavorativi 230
- 997-1209 camion/giorno
- 124-151 camion/ora

Il problema della silice nelle cave

Delle varie forme di silice presenti in natura, finora sono riconosciute sicuramente responsabili di silicosi solamente alcune forme cristalline di silice ed in particolare quarzo, tridimite e cristobalite. La Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) evidenzia la cancerogenicità della silice cristallina, classificandola nel gruppo 1 degli agenti cancerogeni. La IARC, nella monografia del 1997 ha affermato:”La silice cristallina inalata in forma di quarzo o cristobalite da sorgenti occupazionali è cancerogena per gli umani”. In Italia il problema è lontano dall’essere risolto, lo dimostra l’elevato numero di indennizzi per silicosi e patologie correlate, che comportano un enorme costo sociale sia in termini economici sia in termini di danni alla salute e alla speranza e qualità di vita. Nel contempo è necessario approfondire i problemi legati alle patologie emergenti correlate ad esposizione a silice e presumibilmente promosse anche da esposizioni a basse dosi.

Sulla base della attuali conoscenze, tre tipologie di disturbi o patologie sono legati alla silice:
- malattie autoimmuni (recentemente riferite - artrite reumatoide, sclerodermia, lupus, disfunzioni renali croniche)
- silicosi cronica o acuta (una delle più vecchie malattie professionali)
- cancro al polmone (monografia della IARC del 1997, ancora in discussione)

Le ricerche scientifiche degli ultimi anni hanno indicato che i livelli di polverosità che anche oggi si riscontrano in molte attività industriali non garantiscono dal rischio di silicosi. L’OSHA negli Stati Uniti ha per lunghi anni adottato il limite di 0.1 mg/m3 di silice respirabile (quarzo) per otto ore lavorative. Un lavoratore esposto per 20 anni a tali concentrazioni ha una probabilità del 5-10% di sviluppare la silicosi. Il rischio raggiunge il 50-60% per esposizioni della durata di 40 anni.

A quale concentrazione è sottoposta la popolazione? Dipende dalla composizione mineralogica dei materiali, dal tipo di lavorazione, dalle quantità di materiale lavorato, dalla distanza dai siti di estrazione/lavorazione, dal vento e dalla pioggia. Indubbiamente la popolazione che vive in un’area contaminata da silice, accumula 24 ore/giorno, e non indossa dispositivi di protezione. Chi controlla la silice negli ambienti di vita attorno ai siti estrattivi?

 Conclusioni

Le cave ed i relativi impianti di trasformazione hanno un impatto molto elevato su ambiente e salute. Le misure di mitigazione non sono efficaci se i volumi di scavo sono grossi e i poli sono concentrati, se i materiali lavorati sono intrinsecamente inquinanti (silice cristallina) e se il monitoraggio degli inquinanti manca per ambienti di vita prossimi ai siti estrattivi. E' evidente come per ridurre l’impatto della filiera i costi aumentino ed è per questo che è necessario ridurre i fabbisogni della filiera del “cemento”, attraverso l'utilizzo del materiale riciclato, la razionalizzazione dell’uso (ghiaia solo dove indispensabile) e l'utilizzo di materiali alternativi.

Da una analisi del professor Fabrizio Odorici Istituto Nazionale di Fisica nucleare sezione di Bologna

 



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Coronavirus, la mappa dei contagi: 21 casi a Modena e 9 a Maranello
La Provincia
16 Marzo 2020 - 18:11- Visite:17904
E' la serata dei Comitati: i partiti presenti in massa
Politica
12 Ottobre 2017 - 21:55- Visite:12154
Punto nascite di Pavullo, la marcia riprende
Politica
02 Novembre 2017 - 00:55- Visite:12012
Sherwin Williams, nulla di fatto nel vertice di ieri
Economia
27 Maggio 2017 - 15:44- Visite:11802
'Così il Pd di Castelfranco consente di cavare 1,5 milioni di metri ..
La Provincia
18 Settembre 2017 - 16:57- Visite:11526
Comitati Ambiente, ecco perchè c'è del 'nuovo'
Parola d'Autore
25 Ottobre 2017 - 20:12- Visite:11095

Feed RSS La Pressa
Dossier Cave - Articoli Recenti
'Cave, fallimentare pianificazione ..
'A chi ha veramente giovato una pianificazione sovrastimata? Si decise di distruggere un ..
25 Giugno 2020 - 22:50- Visite:1683
M5S: 'Cave a Formigine, caro sindaco ..
'Oltre all’aggressione del territorio, il Comune percepirà una miseria di 90 centesimi ..
04 Marzo 2020 - 10:42- Visite:1600
Formigine, via libera a piano di ..
Costantino Righi Riva: 'Delibera che ha enormi ricadute sul piano ambientale. Mette a ..
29 Febbraio 2020 - 14:14- Visite:6046
I No cave: 'Caro sindaco Gargano, fai..
'Chiedere alle autorità sovraordinate, Regione in primis, di rivedere le quantità d inerti..
03 Gennaio 2020 - 17:35- Visite:2681
Dossier Cave - Articoli più letti
Formigine, via libera a piano di ..
Costantino Righi Riva: 'Delibera che ha enormi ricadute sul piano ambientale. Mette a ..
29 Febbraio 2020 - 14:14- Visite:6046
Cave, tre aziende si spartiscono il ..
Le tre società cavatrici Frantoio Fondovalle, Granulati Donnini spa e Concave hanno il ..
23 Agosto 2018 - 07:00- Visite:5362
Cave nella conoide del Panaro e ..
Per vendere più ghiaia la lobby dei cavatori interviene nel corso del tempo  per ..
04 Agosto 2018 - 10:00- Visite:4867
Quando la ghiaia si estraeva dai ..
Fino al 1975 la quasi totalità dell’approvvigionamento di ghiaia avveniva dai corsi ..
16 Agosto 2018 - 07:20- Visite:4433